Sucralosio: non alza la glicemia, ma lo stimolo della fame

Miliardi di persone in tutto il mondo sono consumati dolorosamente dal problema del sovrappeso, dell’obesità e del diabete. Studi condotti sia sugli animali che sugli esseri umani hanno suggerito che consumare dolcificanti artificiali possono farti sentire affamato e in realtà mangiare di più. Un nuovo studio completo, co-firmato dall’Università di Sydney, ha provato per la prima volta perché questa risposta si verifica. I ricercatori del Charles Perkins Center e del Garvan Institute di ricerca medica dell’Università di Sydney, guidati dal ricercatore Professore Associato Greg Neely, hanno identificato un nuovo sistema neuronale nel cervello che integra la dolcezza e il contenuto energetico del cibo. Il team ha chiarito gli effetti dei dolcificanti artificiali sul cervello, regolando l’appetito e alterando le percezioni del gusto; i dati sono disponibili sulla rivista Cell Metabolism.

Dopo l’esposizione cronica a una dieta che contiene il sucralosio come dolcificante artificiale, il team ha visto che gli animali hanno iniziato a mangiare molto di più. Attraverso un’indagine sistematica di questo effetto, hanno scoperto che nei centri di risposta del cervello, la dolcezza è integrata con il contenuto energetico. Quando la dolcezza è sotto controllo per un periodo di tempo, il cervello ricalibra e aumenta le calorie totali consumate. Nello studio, sono una dieta con il consumo del 30% in più di calorie quando sono poi somministrati alimenti zuccherati naturalmente. Questo è il modo migliore per avere un buon rapporto qualità / prezzo. animale a mangiare più cibo. Aggiungiamo, inoltre, sono in grado di mappare funzionalmente una nuova rete neuronale che bilancia l’appetibilità del cibo con il contenuto energetico. Il percorso scoperto è parte di una risposta di fame che conserva in realtà il gusto nutritivo del cibo quando si muore di fame.

I ricercatori hanno anche scoperto che i dolcificanti artificiali promuovevano l’iperattività, l’insonnia e la qualità del sonno ridotta – comportamenti compatibili con una fame moderata o uno stato di digiuno – con effetti simili sul sonno anche precedentemente riportati negli studi sull’uomo. Per scoprire se i dolcificanti artificiali aumentassero anche l’assunzione di cibo nei mammiferi, il laboratorio del professor Herbert Herzog di Garvan replicò lo studio usando topi. Anche in questo caso i topi che hanno consumato una dieta addizionata con sucralosio per sette giorni hanno mostrato un aumento significativo del consumo di cibo, e il percorso neuronale coinvolto era lo stesso dei moscerini della frutta. Queste scoperte rafforzano ulteriormente l’idea che le varietà “senza zucchero” di alimenti e bevande lavorati potrebbero non essere così inerti come previsto all’inizio.

I dolcificanti artificiali possono effettivamente cambiare il modo in cui gli animali percepiscono la dolcezza del loro cibo, con una discrepanza tra dolcezza e livelli di energia che inducono un aumento del consumo calorico. Questo potrebbe essere vero anche per gli umani. Es. chi soffre di diabete, potrebbe accedere a maggiori calorie di altro tipo, convinto del fatto che il dolcificante non alza la sua glicemia. Ma negli alimenti non c’è solo zucchero; le calorie vengono anche degli amidi, dai grassi (e meno dalle proteine) che compongono qualsiasi alimento sia adattato per i diabetici. Quindi, convinti dell’assenza di zucchero, il soggetto potrebbe convincersi che può mangiare come un individuo normale. Col ritorno di fiamma che se la sua glicemia non si alza per lo zucchero, vede comunque il suo girovita allargarsi inspiegabilmente……

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Wang QP et al., Neely GG. Cell Metab. 2016 Jul; 24(1):75-90.

Sylvetsky AC et al.  Nutr Metab (Lond). 2016 Oct 21;13:71.

van Rijn I et al. Behav Brain Res. 2015 Feb 15;279:139-47. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2479 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it