Ipertensione: meglio il potassio del cibo che il diuretico

L’ipertensione è un problema di salute globale che colpisce più di un miliardo di persone in tutto il mondo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che l’ipertensione sia responsabile di almeno il 51% dei decessi a causa di ictus e del 45% a causa di malattie cardiache. Mangiare cibi ricchi di potassio come patate dolci, avocado, spinaci, fagioli, banane e persino caffè potrebbe essere la chiave per abbassare la pressione sanguigna, secondo Alicia McDonough, PhD, professore di Neurobiologia presso la Keck School of Medicine dell’Università della California del sud (USC). Ridurre l’apporto di sodio è un modo consolidato per abbassare la pressione sanguigna, ma le prove suggeriscono che l’aumento del potassio nella dieta può avere un effetto altrettanto importante sull’ipertensione. McDonough ha esplorato il legame tra la pressione sanguigna e il sodio nella dieta, il potassio e il rapporto sodio-potassio in un articolo pubblicato nel numero di aprile 2017 dell’American Journal of Physiology – Endocrinology and Metabolism. La revisione ha esaminato studi di meccanismi di popolazione, interventistici e molecolari che hanno studiato gli effetti del sodio e del potassio nella dieta sull’ipertensione.

La revisione di McDonough ha rilevato diversi studi di popolazione che dimostrano che un più alto contenuto di potassio nella dieta (stimato per escrezione urinaria o richiamo dietetico) era associato a una pressione sanguigna più bassa, indipendentemente dall’assunzione di sodio. Studi interventistici con integratori a base di potassio hanno anche suggerito che il potassio fornisce un beneficio diretto. McDonough ha esaminato recenti studi su modelli di roditori, dal proprio laboratorio e altri, per illustrare i meccanismi per il beneficio del potassio. Questi studi hanno indicato che il corpo fa un atto di bilanciamento che utilizza il sodio per mantenere uno stretto controllo dei livelli di potassio nel sangue, che è fondamentale per la normale funzionalità cardiaca, nervosa e muscolare. Spiega: “Quando il potassio alimentare è alto, i reni espellono più sale e acqua, che aumenta l’escrezione di potassio.Il consumo di una dieta ricca di potassio è come prendere un diuretico. Aumentare il potassio alimentare richiederà uno sforzo consapevole, tuttavia i nostri antenati hanno mangiato diete primitive che erano ricchi di frutta, radici, verdure, fagioli e cereali (tutti più alti di potassio) e molto bassi di sodio, di conseguenza gli umani si sono evoluti per desiderare il sodio ma non il potassio”.

Le diete moderne, tuttavia, sono cambiate drasticamente da allora: le aziende alimentari trasformate aggiungono sale per soddisfare le nostre voglie e gli alimenti trasformati sono solitamente a basso contenuto di potassio. Se mangi una tipica dieta occidentale, l’assunzione di sodio è alta e l’assunzione di potassio è bassa. Ciò aumenta significativamente le possibilità di sviluppare la pressione alta. Quando il potassio dietetico è basso, l’atto di bilanciamento utilizza la ritenzione di sodio per trattenere il potassio limitato, che è come mangiare una dieta più ricca di sodio. Ma quanto potassio dietetico dovremmo consumare? Un rapporto del 2004 dell’Istituto di Medicina raccomanda agli adulti di consumare almeno 4,7 grammi di potassio al giorno per abbassare la pressione sanguigna, attenuare gli effetti del sodio nella dieta e ridurre i rischi di calcoli renali e perdita di tessuto osseo. Mangiare ¾ tazza di fagioli neri, ad esempio, aiuta a raggiungere quasi il 50% del fabbisogno giornaliero di potassio. McDonough raccomanda di sviluppare politiche pubbliche per aumentare l’assunzione di potassio nella dieta da fonti vegetali. Inoltre, sostiene l’aggiunta di contenuto di potassio alle etichette nutrizionali, per aumentare la consapevolezza dei consumatori sulle fonti economiche di potassio.

A parte, poi, che tutti gli ipertesi preferirebbero una gustosa fetta di ananas o una banana alla compressa da prendere due volte al giorno……

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

McDonough AA. Am J Physiol Endocrinol Metab. 2017 Apr 1;312(4):E348.

McDonough AA, Youn JH. Physiology (Bethesda). 2017 Mar; 32(2):100-111.

Veiras LC et al., McDonough AA. Hypertension. 2016 Oct; 68(4):904-912.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it