Gestione del diabete: non solo nell’occidente, anche globalmente si deve implementare

Il diabete è un disturbo metabolico cronico che colpisce il controllo della glicemia ed è diventato un problema crescente in tutto il mondo. Dal 1980 al 2014, la prevalenza del diabete è cresciuta dal 4,7% all’8,5% in tutto il mondo, con il numero di persone affette da questa malattia che è passato da 108 milioni a 422 milioni, rispettivamente. Si stima che il numero di persone in tutto il mondo con diabete aumenterà a 642 milioni entro il 2040, secondo l’atlante del diabete IDF, indicando una grave crisi sanitaria sia per i fornitori che per i pazienti in futuro. In linea con ciò, si prevede che anche i costi dell’assistenza sanitaria si espanderanno notevolmente, proprio come negli ultimi anni. In soli 5 anni, dal 2007 al 2012, la spesa sanitaria complessiva associata al diabete è aumentata del 41%, passando da 174 a $ 245 miliardi di dollari.

La prevalenza del diabete si riscontra principalmente nei paesi in via di sviluppo, il che riflette un’alta percentuale dell’onere economico di questa malattia. Soprattutto nei paesi asiatici, c’è un’alta prevalenza di sintomi del diabete e dei casi di diabete e questi probabilmente cresceranno ulteriormente. In effetti, i paesi asiatici hanno i più alti tassi di prevalenza, che rappresentano il 60% della popolazione mondiale delle persone con diabete, in gran parte a causa di fattori associati al rapido sviluppo. I tre fattori più comuni legati a questo aumento sono l’industrializzazione, la crescita socioeconomica e l’urbanizzazione. In India, i casi di diabete stanno aumentando in proporzioni epidemiche, colpendo oltre 62 milioni di persone. Alcune spiegazioni associate alla crescente prevalenza in questa regione geografica sono fattori genetici, miglioramento del tenore di vita e aumento dei livelli di obesità.

Diabete: effetti sulla salute

Il diabete ha molti effetti sulla salute a lungo e breve termine, e ciascuno di questi peggiora con uno scarso controllo glicemico. Il trattamento e la gestione adeguati del diabete con terapie prescritte, cambiamenti nello stile di vita e dieta sono importanti per ridurre lo sviluppo dei sintomi correlati.

Effetti sulla salute a breve termine

  • Ipoglicemia: quando il corpo ha livelli d’amore di glucosio nel sangue. Una cattiva gestione, spesso causata dalla mancanza di pasti o dall’assunzione di troppa insulina, può provocare ipoglicemia. Altri potenziali fattori scatenanti includono l’esercizio fisico, il consumo di alcol e altri fattori comportamentali. A volte si verificano prima che sia stata raggiunta una diagnosi ufficiale, l’ipoglicemia può causare un aumento della frequenza cardiaca, ansia, mal di testa, confusione, letargia e perdita di coscienza.
  • Chetoacidosi: quando il corpo non ha livelli adeguati di insulina per rifornire le cellule, convertirà il grasso in chetoni, che a loro volta vengono utilizzati dalle cellule per produrre energia; tuttavia, è il glucosio la fonte di energia preferita per le cellule poiché i chetoni sono acidi. La chetoacidosi si verificherà se questo processo può continuare e la concentrazione dei corpi chetonici diventa molto alta. Vomito, disidratazione e coma sono sintomi di chetoacidosi. Generalmente, questa condizione è normalmente osservata nei pazienti con diabete di tipo 1 o nei pazienti con diabete di tipo 2. In quest’ultimo caso, vengono prodotte solo piccole quantità di insulina.
  • Stato iperglicemico iperosmolare (HHS): caratterizzato da un livello di glucosio nel sangue superiore a 40 mmol / l, lo stato iperglicemico iperosmolare (HHS) è spesso causato da farmaci o malattie del diabete inefficaci. I livelli elevati di glucosio nel sangue causano grave disidratazione, che richiedono fluidi da trattare. I sintomi includono un alto rischio di complicanze, aumento della minzione e della sete, disorientamento, nausea e coma.

Effetti sulla salute a lungo termine

  • Retinopatia diabetica: una cattiva gestione del diabete di tipo 2 può portare a glicemia alta prolungata e può danneggiare i piccoli vasi sanguigni presenti nella retina dell’occhio, che può portare a retinopatia diabetica. Questo disturbo può causare cecità se non trattato. Una volta iniziati i sintomi della retinopatia diabetica, sono disponibili opzioni di trattamento limitate, tra cui iniezioni anti-VEGF nella retina e terapia di fotocoagulazione laser intraoculare. Pertanto, è meglio prevenire la retinopatia con una buona gestione del diabete.
  • Malattie cardiovascolari: i pazienti con diabete hanno un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiovascolari (CVD) a causa dell’HbA1c, stress ossidativo, infiammazione e una miriade di altri fattori correlati. L’ipertensione o l’iperglicemia cronica innesca l’ossidazione e l’infiammazione e gioca un ruolo nella patogenesi della disfunzione endoteliale. Questo è uno dei motivi per cui la gestione del diabete è importante per ridurre la potenziale morbilità e mortalità.
  • Nefropatia: una frequente complicazione a lungo termine del diabete è la malattia renale, chiamata anche nefropatia. Con l’iperglicemia, troppo sangue verrà filtrato attraverso i reni, il che può danneggiare le capacità di filtraggio. Questi filtri, a loro volta, inizieranno a perdere piccole quantità di proteine ​​nelle urine, causando una condizione chiamata microalbuminuria. Quando i livelli di zucchero nel sangue continuano a rimanere elevati, una maggiore quantità di proteine ​​si diffonderà nelle urine, chiamata macroalbuminuria. Negli ultimi stadi, alla fine porterà alla malattia renale allo stadio terminale. Accumulo di liquidi, mal di stomaco, insonnia, difficoltà di concentrazione e affaticamento sono sintomi di nefropatia.
  • Neuropatia: la neuropatia colpisce i nervi ed è una complicanza a lungo termine associata a diabete non controllato o cronico. L’iperglicemia può danneggiare i piccoli vasi sanguigni che forniscono i nervi e impedire il trasporto di nutrienti essenziali. Sensorio, motore ed autonomico sono tre tipi di neuropatia. I pazienti con diabete devono adottare misure per abbassare i livelli di zucchero nel sangue e prevenire lo sviluppo di effetti sulla salute sia a lungo che a breve termine. Nel diabete di tipo 2, l’esercizio fisico può migliorare la sensibilità delle cellule all’insulina e migliorare una procedura di trattamento ben formata che include il supporto farmacologico (terapia insulinica) e una dieta sana. L’effetto della terapia può essere monitorato prendendo misurazioni analitiche di routine con un analizzatore di glucosio e la strategia di trattamento più appropriata può essere valutata in base alle esigenze individuali di un paziente.

Diagnosi e controllo

La diagnosi e il monitoraggio precoci sono fondamentali per ridurre la prevalenza mondiale del diabete, in particolare se i sintomi possono essere riconosciuti nella fase pre-diabete e i sintomi del diabete. I dispositivi Point-of-Care-Testing (POCT) sono diventati uno strumento essenziale per la rilevazione del diabete. Gli strumenti POCT possono analizzare il lattato, i livelli di glucosio nel sangue e persino l’emoglobina glicata (HbA1c), che non è solo un indicatore di rischio per il diabete ma anche un indicatore di rischio predittivo per le malattie cardiache.

I dispositivi Point-of-Care vengono impiegati per rilevare l’HbA1c. Gli analizzatori Quo-Lab® A1c e Quo-Test® A1c di EKF Diagnostics sono progettati per rilevare alti livelli di HbA1c, guidando la cura del diabete. Oltre agli analizzatori di HbA1c e del glucosio, esistono test sulle proteine ​​del siero glicato (GSP) che possono aiutare a identificare i marcatori di rischio per il diabete. Un esempio di test GSP è il test GSP LiquiColor® fornito da EKF Diagnostics. Il test fornisce una descrizione del normale livello di glucosio nel sangue per un periodo da due a tre settimane. Alcuni gruppi di pazienti come individui con patologie pancreatiche e donne in gravidanza non sono idonei per il test HbA1c. In tali casi, un saggio SPG può fornire un mezzo accurato per prevedere e misurare lo stato del diabete.

  • A cura del D. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

WHO Global report on diabetes. https://www.who.int/diabetes/global-report/en/

Ogurtsova K et al. Diabetes Res Clin Pract. 2017 Jun; 128:40-50.

Ramachandran A et al., World J Diabetes. 2012; 3(6):110-117.

Kumar A, Goel MK et al. Australas Med J. 2013; 6(10):524-531.

Kaveeshwar SA, Cornwall J. Australas Med J. 2014; 7(1):45-48.

Mannucci E et al. Diabetes Care 2013; 36 Suppl 2:S259-263.

0 0 vote
Article Rating
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2449 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments