Glutine: ampio studio prova che non è una minaccia per il cuore

Glutine: ampio studio prova che non è una minaccia per il cuore 1

La celiachia è una malattia autoimmune in cui l’ingestione di glutine, una proteina presente nel grano, nella segale e nell’orzo, causa l’infiammazione dell’intestino tenue, impedendo l’assorbimento delle sostanze nutritive. Nel corso del tempo, la celiachia può portare ad altri problemi di salute, tra cui malattie cardiache, anemia e osteoporosi. La celiachia può essere efficacemente curata con una dieta priva di glutine. Si stima che la malattia celiaca colpisca circa 1 su 100 americani. Un altro segmento della popolazione ha una condizione chiamata sensibilità al glutine non celiaca, in cui il glutine scatena alcuni sintomi in assenza di malattia celiaca. Tuttavia, le stime del numero di americani con sensibilità al glutine non celiaca variano ampiamente. Uno studio su oltre 100.000 uomini e donne ha rivelato che il glutine alimentare non è associato al rischio di malattie cardiache in persone senza celiachia. I risultati suggeriscono anche che limitare i cereali integrali come parte di una dieta a basso contenuto di glutine può aumentare il rischio di malattie cardiache nelle persone che non hanno la malattia celiaca. Lo studio, condotto da ricercatori del Columbia University Medical Center e del Massachusetts General Hospital/Harvard Medical School, è stato pubblicato nel British Medical Journal.

“Il glutine è chiaramente dannoso per le persone celiache”, ha detto l’autore principale Benjamin Lebwohl, MD, MS, assistente professore di Medicina ed Epidemiologia alla CUMC, direttore della ricerca clinica presso il Celiac Disease Center della Columbia University e gastroenterologo presso NewYork-Presbyterian / Centro medico della Columbia University. “Ma i libri di dieta popolari, basati su prove aneddotiche e circostanziali, hanno spinto l’idea che una dieta a basso contenuto di glutine sia salutare per tutti. I nostri risultati mostrano che la restrizione del glutine non ha alcun beneficio, almeno in termini di salute del cuore, per le persone senza celiaci. In effetti, può causare qualche danno se seguono una dieta a basso contenuto di glutine che è particolarmente bassa nei cereali integrali perché quei grani sembrano avere un effetto protettivo contro le malattie cardiache. “Nonostante la relativamente bassa prevalenza di celiachia e sensibilità al glutine non celiaca, le indagini suggeriscono che circa un terzo degli americani sta cercando di ridurre il glutine”, afferma il dott. Lebwohl. “Questo sicuramente avvantaggia le aziende che vendono prodotti senza glutine, ma a beneficio del pubblico? Questa è la domanda alla quale volevamo rispondere”.

Per valutare gli effetti di una dieta a basso contenuto di glutine (low-gluten) sulla salute del cuore, il dott. Lebwohl ei suoi colleghi hanno analizzato i dati su dieta e coronaropatia su 65.000 donne nello studio sulla salute degli infermieri (NHS) e 45.000 uomini nello studio di follow-up dei professionisti della salute (HPFS), escludendo chiunque era stato diagnosticato come celiaco. Ogni partecipante ha compilato questionari dietetici dettagliati ogni quattro anni, dal 1986 al 2010. I partecipanti sono stati divisi in cinque livelli di consumo stimato di glutine. I ricercatori hanno scoperto che non vi era alcuna associazione tra l’assunzione di glutine e il rischio di malattia coronarica, definita come infarto fatale o non fatale. “Anche quelli con il minor consumo di glutine hanno sperimentato lo stesso tasso di malattie cardiache di quelli che consumavano più glutine”, ha detto il ricercatore Andrew Chan, MD, MPH, gastroenterologo e capo dell’Unità di epidemiologia clinica e traslazionale nel Massachusetts Divisione Ospedale Generale di Gastroenterologia e professore associato di medicina, Harvard Medical School. Il gruppo di ricerca ha delineato alcune limitazioni, che potrebbero aver determinato un pregiudizio: ha sottolineato che lo studio era osservativo e non è stato possibile trarre conclusioni definitive sulla causa e sugli effetti della relazione. Tuttavia, hanno anche concluso che i risultati ottenuti non sostenevano la promozione di una dieta con restrizioni al glutine con l’obiettivo di ridurre il rischio di malattia coronarica.Questa promozione non era raccomandata nemmeno nelle persone non celiache che non mostrano sintomi.

In studi successivi, i ricercatori hanno in programma di esaminare l’effetto dell’assunzione di glutine su altri esiti di salute, tra cui il cancro e le malattie autoimmuni.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lebwohl B, Cao Y et al., Chan AT. BMJ 2017 May 2; 357:j1892. 

El-Alameey IR et al. Open Access Maced J Med Sci. 2017;5 (1):58-63.

Lebwohl B, Ludvigsson JF, Green PH. BMJ 2015 Oct 5; 351:h4347.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1561 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it