HomeALIMENTAZIONE & SALUTEDieta vegana: uno stile di vita salutare ma da implementare

Dieta vegana: uno stile di vita salutare ma da implementare

Una nuova analisi dietetica di 49 studi osservazionali e controllati rivela che le diete vegetariane vegetali, in particolare diete vegane, sono associate a livelli più bassi di colesterolo totale, compresi i livelli più bassi di colesterolo HDL e LDL, rispetto alle diete onnivore. La meta-analisi appare come un anticipo online in Recensioni nutrizionali. Gli autori dello studio – Yoko Yokoyama, PhD, MPH, Susan Levin e Neal Barnard, MD, hanno esaminato 30 studi osservazionali e 19 studi clinici, che hanno soddisfatto i loro criteri di inclusione. Hanno scoperto che la dieta vegetariana a base vegetale è associata a colesterolo totale che è inferiore di 29,2 mg / dl negli studi osservazionali. Negli studi clinici, una dieta a base vegetale abbassa il colesterolo totale di 12,5 mg / dL. Nei dettagli:

Una dieta vegetariana vegetale non è associata a variazioni statisticamente significative dei livelli di trigliceridi negli studi osservazionali o negli studi clinici.

Negli studi osservazionali, una dieta vegetariana vegetale è associata ad una riduzione di 22,9 mg / dl nel colesterolo LDL e ad una riduzione di 3,6 mg / dl nel colesterolo HDL, rispetto ai gruppi di controllo che seguono una dieta onnivora.

Negli studi clinici, una dieta vegetariana a base vegetale abbassa il colesterolo LDL di 12,2 mg / dL e riduce il colesterolo HDL di 3,4 mg / dL, rispetto ai gruppi di controllo che seguono una dieta onnivora, a basso contenuto di grassi, a basso contenuto calorico o convenzionale.

Gli autori prevedono che la forte correlazione tra diete vegetariane e bassi livelli di colesterolo possa essere dovuta all’associazione di una dieta a base vegetale con un peso corporeo inferiore, un ridotto apporto di grassi saturi e un maggiore apporto di alimenti vegetali, come verdure, frutta , legumi, noci e cereali integrali, che sono naturalmente ricchi di componenti come fibre solubili, proteine ​​della soia e steroli vegetali. Gli autori dello studio ipotizzano che la maggiore riduzione del rischio per i livelli di colesterolo totale, HDL e LDL osservati negli studi longitudinali sia probabilmente dovuta all’adesione a lungo termine ai modelli alimentari e ai cambiamenti nella composizione corporea. I benefici immediati di una dieta a base vegetale, come la perdita di peso, la pressione sanguigna più bassa e il colesterolo migliorato, sono ben documentati in studi controllati. L’obiettivo con lo studio dei lipidi plasmatici durante tutta la vita è quello di catturare la riduzione del rischio netto di utilizzare una dieta vegetariana per controllare i livelli dei lipidi. La speranza per i medici è di potenziare i pazienti con nuove ricerche sui benefici a lungo termine per la salute cardiovascolare di una dieta vegetariana, che includono un ridotto rischio di infarto, ictus e morte prematura.

Per i medici preoccupati di dedicare più tempo all’interno e all’esterno della sala d’esame, gli autori dello studio incoraggiano i fornitori di servizi sanitari a tempo limitato a indirizzare i pazienti a dietisti registrati che possono aiutare nella transizione verso una dieta vegetariana basata su piante. Le linee guida dietetiche 2015 per gli americani evidenziano una dieta vegetariana sana come uno dei tre piani alimentari salutari da seguire. Gli autori dello studio notano anche che l’iperlipidemia, o colesterolo e trigliceridi elevati, è spesso sottodiagnosticata e sottoposta a trattamento. Un aumento del 10% della prevalenza del trattamento per l’iperlipidemia può prevenire 8.000 morti ogni anno. Prendendo piccoli passi, come quelli proposti dal National Cholesterol Education Program Adult Treatment Panel 3, che includono la valutazione del rischio di malattie cardiache, lo sviluppo di raccomandazioni alimentari e dietetiche e la valutazione della necessità di futuri appuntamenti di follow-up e interventi farmaceutici, potrebbero prevenire circa 20.000 di cuore attacchi, 10.000 casi di malattie coronariche e ogni anno risparmia quasi 3 miliardi di dollari di spese mediche.

“Per fare qualsiasi forma di assistenza sanitaria e per alimentare realmente la mobilità economica, dobbiamo essere in salute”, afferma Levin. “Il primo punto di partenza è la costruzione di pasti attorno a cibi ricchi di sostanze nutritive e vegetali, che si adattano a quasi tutti i modelli culturali, le preferenze di gusto e il budget”. Non è facile, ma neppure impossibile.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI