Tutte le proprietà preventive e curative dell’avocado

Tutte le proprietà preventive e curative dell'avocado

L’avocado (Persea americana) è originario del Messico, dell’America centrale e meridionale, e fu coltivato per la prima volta in Messico già nel 500 aC. Ogni avocado Hass contiene circa 136 g di frutta commestibile piacevole, cremosa e liscia, ricoperta da una spessa buccia verde scuro, nero violaceo e buccia irregolare. Il seme e la pelle dell’avocado costituiscono circa il 33% del peso totale del frutto intero. Gli avocado sono un cibo da fattoria a mercato; non richiedono alcuna lavorazione, conservanti o esaltatori di sapidità. La pelle naturale dell’avocado elimina la necessità di confezionamento e offre alcune malattie e resistenza agli insetti, che consente loro di crescere in modi ecosostenibili. I consumatori di avocado tendono a consumare significativamente più nutrienti essenziali a carenza – fibra alimentare, vitamine K ed E, potassio e magnesio – nella loro dieta rispetto ai consumatori non di avocado.

La metà di un avocado è un alimento denso, nutriente e fitochimico costituito da: fibra alimentare (4,6 g), zucchero totale (0,2 g), potassio (345 mg), sodio (5,5 mg), magnesio (19,5 mg), vitamina A (5,0 μg RAE), vitamina C (6,0 mg), vitamina E (1,3 mg), vitamina K1 (14 μg), folato (60 mg), vitamina B-6 (0,2 mg), niacina (1,3 mg), acido pantotenico (1,0 mg), riboflavina (0,1 mg), colina (10 mg), luteina / zeaxantina (185 μg), criptoxantina (18,5 μg), fitosteroli (57 mg) e acidi grassi monoinsaturi (6,7 g) e 114 kcal o 1,7 kcal/g (dopo aggiustamento per fibra alimentare insolubile), che può supportare una vasta gamma di potenziali effetti sulla salute.

Gli avocado contengono un olio ricco di acidi grassi monoinsaturi (MUFA) in una matrice a base acquosa, che sembra migliorare la biodisponibilità dei nutrienti e fitochimici e maschera il gusto e la consistenza della fibra alimentare (USDA, 2011; Unlu et al., 2005). E’ anche una delle fonti più alte per contenuto di vitamina E, un potente antiossidante naturale che protegge le cellule nervose e dell’apparato riproduttivo. Gli avocado sono un frutto denso di energia media poiché circa l’80% del frutto commestibile di avocado è costituito da acqua (72%) e fibra alimentare (6,8%). Un’analisi dei dati degli adulti del NHANES 2001-2006 suggerisce che i consumatori di avocado hanno un più alto colesterolo HDL, un minor rischio di sindrome metabolica e peso inferiore, BMI e circonferenza della vita rispetto ai non consumatori (Fulgoni et al., 2010b).

Salute degli occhi

Studi osservazionali mostrano che il basso apporto dietetico e la concentrazione plasmatica di luteina possono aumentare la disfunzione oculare correlata all’età ((Ma et al., 2009; Parekh et al., 2009; Chong et al., 2009; Moeller et al., 2008; Cho et al., 2008; Wang et al., 2007). La ricerca dello studio di osservazione sull’iniziativa per la salute delle donne ha rilevato che le diete ricche di MUFA erano protettive nei confronti della maculopatia correlata all’età (Chong et al., 2009; Moeller et al., 2008). Gli avocado possono contribuire alla salute degli occhi poiché contengono una combinazione di MUFA e luteina/zeaxantina e aiutano a migliorare l’assorbimento dei carotenoidi da altri tipi di frutta e verdura (Unlu et al., 2005).

Rischio di malattie cardiache

Gli avocado possono inserirsi in un modello alimentare salutare del cuore come la dieta DASH (USDA e HHS, 2010a, Jakobsen et al., 2009; de Souza et al., 2008; Appel et al., 2005). Sono stati condotti diversi studi clinici cardiovascolari sull’avocado (Grant, 1960; Colquhoun et al., 1992; Alvizouri-Munoz et al., 1992; Lerman-Garber et al., 1994; Carranza et al., 1995; Lopez-Ledesma et al., 1996; Carranza-Madrigal et al., 1997; Pieterse et al., 2005). Negli anni ’90, numerosi studi clinici sull’avocado hanno costantemente mostrato effetti positivi sui trigliceridi del sangue in un’ampia varietà di diete negli studi su soggetti sani, ipercolesterolemici e di tipo 2 (Colquhoun et al., 1992; Alvizouri-Munoz et al., 1992; Lerman-Garber et al., 1994; Carranza et al., 1995; Lopez-Ledesma et al., 1996; Carranza-Madrigal et al., 1997). Nei soggetti normolipidemici, le diete arricchite con avocado hanno migliorato i profili lipidici abbassando il colesterolo LDL senza aumentare i trigliceridi o abbassando il colesterolo HDL. Questi studi suggeriscono che le diete arricchite con avocado hanno un effetto positivo sui lipidi nel sangue rispetto alle diete a basso contenuto di grassi e ad alto contenuto di carboidrati o alla tipica dieta americana. Inoltre, uno studio preclinico ha scoperto che gli avocado possono modificare la struttura dell’HDL-C aumentando l’attività dell’enzima paraoxonasi 1 (PON-1), che può migliorare la capacità antiossidante verso i grassi e aiuta a convertire le LDL-C ossidate nella forma non ossidata (Mendez e Hernandez, 2007).

Osteoartrite

Avocado-soia unsaponifiables (ASU) è una miscela di estratti liposolubili in un rapporto di circa 1 (avocado): 2 (soia). I componenti principali dell’ASU sono considerati composti anti-infiammatori con attività antiossidante e analgesica (Dinubile, 2010; Lipiello et al., 2008; Au et al., 2007; Henroitin et al., 2006; Berenbaum, 2004; Ernst, 2003; ; Blotman et al., 1997). Uno di questi è la vitamina E, che è per lo più rappresentata nell’olio di avocado. Studi in vitro hanno rilevato che il pretrattamento dei condrociti con ASU ha bloccato l’attivazione dell’enzima ciclo-ossigenasi COX2 e la secrezione di prostaglandina E2 ai livelli basali dopo attivazione con la tossina batterica LPS. Ulteriori studi hanno rivelato che l’ASU può anche bloccare l’espressione delle citochine TNF-α ed IL-1β a livelli simili a quelli in colture di controllo non attivate. Ulteriori studi di laboratorio suggeriscono che l’ASU può facilitare la riparazione della cartilagine danneggiata attraverso il suo effetto sugli osteoblasti (Dinubile, 2010).

Prevenzione dei tumori

Gli avocado contengono un certo numero di sostanze fitochimiche bioattive tra cui carotenoidi, terpenoidi, persenone A e B, fenoli e glutatione che sono stati segnalati per avere proprietà anti-carcinogeniche (Ding et al., 2009; Jones et al., 1992; Ames, 1983). Le concentrazioni di alcune di queste sostanze fitochimiche nell’avocado possono essere potenzialmente efficaci (Jones et al., 1992). Attualmente l’attività antitumorale di avocado diretta è molto preliminare, con tutti i dati basati su studi in vitro su linee cellulari di cancro umano. Il cancro della laringe, della faringe e della cavità orale sono l’area principale dell’indagine sul cancro dell’avocado. Il glutatione è un tripeptide che funziona come antiossidante. Il National Cancer Institute ha scoperto che i livelli di glutatione di avocado di 8,4 mg per 30 g, o 38 mg per un frutto, sono diversi di più rispetto a quelli di altri frutti. I carotenoidi dietetici mostrano potenziali attività biologiche protettive contro il cancro al seno, compresa l’attività antiossidante, l’induzione della morte delle cellule pre-cancro e l’inibizione della proliferazione delle cellule mammarie. Nel complesso, i carotenoidi totali circolanti sono stati inversamente associati al rischio di cancro al seno (p = 0,01). Tra le donne nel più alto terzile di densità mammografica, livelli elevati di α-carotene, β-criptoxantina, licopene e luteina / zeaxantina nel sangue sono stati associati a una riduzione del 40-50% del rischio di cancro al seno (p <0,05). Questi risultati suggeriscono che i livelli plasmatici di carotenoidi possono giocare un ruolo nel ridurre il rischio di tumore al seno, in particolare tra le donne con un’alta densità mammografica. Non ci sono studi clinici diretti sul carcinoma mammario dell’avocado.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

Letteratura scientifica

Alvizouri-Munoz M et al. (1992) Arch.Med. Res. 23:163–167.

Appelboom T. et al. (2001) Scand. J. Rheumatol. 30(4):242–247.

Blotman F et al. (1997) Rev. Rheum. Engl. Ed. 64(12):825–834.

Caepentier S et al. (2009) Crit. Rev. Food Sci. Nutr. 49:313–326.

Carranza J et al. (1995) Arch. Inst. Cardiol. Mex. 65: 342–8.

Carranza-Madrigal J et al. (1997) Arch. Med. Res. 28(4):537–41.

Christensen, R et al. (2008) Osteoarthr. Cartilage 16(4):399–408.

Colquhoun, D et al. (1992) Am. J. Clin. Nutr. 56:671–677.

Fulgoni VL et al. (2010a) NHANES 2011–2006. American Dietetic Association. Abstract #54. Boston, MA.

Fulgoni VL et al. (2010b) NHANES 2006–2011. Experimental Biology. Abstract #8514. Anaheim, CA.

Lerman-Garber I et al. (1994) Diabetes Care 17:311–315.

Parekh N et al. (2009) Arch. Ophthalmol. 127(11):1483–1493.

Pieterse Z et al. (2005) Nutrition. 21:67–75.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 592 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.