Colazione: a chi piace, a chi no. Scoperto il perchè.

Colazione: a chi piace, a chi no. Scoperto il perchè.

La colazione ti aiuta a perdere peso o ha l’effetto opposto? Un ampio studio sulla popolazione suggerisce che una colazione abbondante ci aiuta ad evitare spuntini durante il giorno, il che tiene a bada l’aumento di peso. Un altro studio, d’altra parte, suggerisce che saltare la colazione non influisce sul nostro apporto calorico durante il giorno. Ma la maggior parte di questi studi sono osservazionali e non possono dirci molto sui meccanismi alla base della perdita di peso, del nostro metabolismo e della colazione. Un nuovo studio, tuttavia, pubblicato sul Journal of Physiology, esamina precisamente tali meccanismi. La ricerca, che è stata condotta da Javier Gonzalez, Ph.D., presso l’Università di Bath nel Regno Unito, esamina come la colazione influenzi il metabolismo e le cellule adipose degli individui magri e obesi.

Gonzalez e il team hanno chiesto a 49 partecipanti adulti di fare colazione o digiunare fino a mezzogiorno, ogni giorno, per 6 settimane. Tra i partecipanti, 29 sono stati classificati come “magri” e 20 come “obesi”, in base al loro indice di massa corporea (BMI). I partecipanti al gruppo colazione hanno consumato 350 kilocalorie entro 2 ore dal risveglio, mentre quelli nel gruppo a digiuno non hanno assunto energia fino a mezzogiorno. Sia prima che dopo l’intervento, il team ha esaminato i marcatori dei pazienti della salute cardio-metabolica, le loro risposte di appetito e la loro distribuzione del grasso corporeo. Inoltre, hanno monitorato l’attività di 44 geni che regolano le proteine ​​chiave e la capacità delle cellule grasse di utilizzare il glucosio in risposta all’insulina.

Nelle persone magre, saltare la colazione per 6 settimane ha aumentato l’attività dei geni che hanno contribuito a bruciare i grassi, migliorando il metabolismo. Tuttavia, questo effetto non è stato osservato negli adulti obesi, che sono spesso resistenti all’insulina. Questo nuovo studio ha rivelato che negli individui obesi, le cellule adipose non potevano assorbire tanto glucosio in risposta all’insulina quanto gli individui magri. Questo effetto sembrava essere proporzionale al grasso corporeo dell’individuo. I ricercatori pensano che questo sia un meccanismo adattivo nelle persone con obesità, in cui il loro corpo sta cercando di limitare la quantità di glucosio che le loro cellule di grasso possono assumere, in modo da evitare ulteriore accumulo di grasso.

Comprendendo meglio come il grasso risponde a cosa e quando mangiamo”, afferma Gonzalez,” possiamo individuare più precisamente questi meccanismi. Potremmo scoprire nuovi modi per prevenire le conseguenze negative di avere una grande quantità di grasso corporeo, anche se non possiamo sbarazzarcene”. Stabilisce anche alcuni limiti dello studio, dicendo: “Poiché i partecipanti mangiavano prime colazioni a base di carboidrati, non possiamo estrapolare necessariamente le nostre scoperte ad altri tipi di colazioni, in particolare quelle ad alto contenuto proteico. I nostri studi futuri esploreranno anche come la colazione interagisce con altri fattori dello stile di vita come l’esercizio fisico”, aggiunge Gonzalez.

A ognuno il suo, dunque; cappuccino, omelette o “aspetto il pranzo”….

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

Letteratura dedicata

Tee ES, Nurliyana AR, Norimah AK, Mohamed HJBJ, Tan SY, Appukutty M, Hopkins S, Thielecke F, Ong MK, Ning C, Nasir MTM. Asia Pac J Clin Nutr. 2018;27(2):421-432.

Godin KM, Patte KA, Leatherdale ST. J Sch Health. 2018 Feb; 88(2):150-158.

Cossu M, Chiavaroli L, Dall’Asta M, Francinelli V, Scazzina F, Brighenti F. Int J Food Sci Nutr. 2017 Dec 4:1-6.

Navia B, López-Sobaler AM, Villalobos T, Aranceta-Bartrina J, Gil Á, González-Gross M, Serra-Majem L, Varela-Moreiras G, Ortega RM. PLoS One. 2017 Nov 30;12(11):e0188828. 

Betts JA, Chowdhury EA, Gonzalez JT, Richardson JD, Tsintzas K, Thompson D. Proc Nutr Soc. 2016 Nov; 75(4):464-474.

Quatela A, Callister R, Patterson A, MacDonald-Wicks L. Nutrients. 2016 Oct 25; 8(11).

Chowdhury EA, Richardson JD, Holman GD, Tsintzas K, Thompson D, Betts JA. Am J Clin Nutr. 2016 Mar; 103(3):747-56.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 806 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.