Carenza cronica di magnesio: parlano le recensioni su come avviene e a cosa si va incontro

Il magnesio è il quarto minerale più comune nel corpo umano dopo calcio, sodio e potassio ed è il secondo catione intracellulare più comune dopo potassio. Nell’ambito di un individuo di 70 kg, vi è una media di 25 grammi di Mg in riserva con il 53% nelle ossa, il 27% nei muscoli, il 19% nei tessuti molli e meno dell’1% nel siero. Sebbene la concentrazione sierica di Mg (SMC) sia strettamente controllata con un valore sierico normale di 75-95 mmol/L, alcuni studi indicano che i livelli sierici inferiori a 85 mmol/l dovrebbero essere considerato difensivo. Il magnesio è coinvolto come cofattore in oltre 300 sistemi enzimatici ed è necessario per processi fondamentali come la produzione di energia e la sintesi degli acidi nucleici. I depositi intracellulari di Mg si trovano ad alta concentrazione nei mitocondri, dove questo elemento gioca un ruolo fondamentale nella sintesi dell’ATP, la maggiore molecola energetica cellulare.

Secondo la letteratura medica, attualmente stiamo vivendo due fenomeni concomitanti: (i) una “epidemia trascurata di malattia cronica” e (ii) una diffusa carenza di nutrienti selezionati. Mentre l’importanza del magnesio (Mg) e di altri elementi richiesti per l’organismo umano è spesso ben discussa nei programmi educativi per i tirocinanti in fisiologia, nutrizione e dietetica, l’importanza di acquisire gli strumenti necessari per la valutazione credibile e la gestione pratica del compromesso nutrizionale in l’assistenza clinica a volte può essere persa nel processo educativo per i medici. Di conseguenza, il riconoscimento e la valutazione delle carenze biochimiche nella pratica medica quotidiana sono talvolta trascurati. Una recensione appena pubblicata ha analizzato le condizioni più comuni in base alle quali gli esseri umani possono essere sottoposti a deplezione di magnesio. Questo è ciò che gli scienziati hanno potuto appurare.

a) Ci sono livelli ridotti di Mg in molti alimenti trasformati e in alcuni alimenti non organici. La maggior parte degli alimenti nei negozi di alimentari viene elaborata.

b) Alimenti comuni come carne (18-29mg/100 g), zucchero (0mg/100 g) e farina bianca (20-25mg/100 g) contribuiscono a meno del 20% del fabbisogno giornaliero di Mg.

c) La cottura e l’ebollizione dei prodotti comportano un significativo declino del contenuto di Mg degli alimenti.

d) Il ridotto assorbimento gastrointestinale di Mg si verifica di fronte alla deficienza della vitamina D, un problema comune nelle culture occidentali.

e) Farmaci di uso comune (ad es. alcuni antibiotici, antiacidi e farmaci anti-ipertensivi) riducono l’assorbimento di Mg.

f) Esiste una riduzione plasmatica di Mg con l’uso di alcol, fumo di sigaretta e la presenza di diabete di tipo 1 o di tipo 2.

g) L’assorbimento del magnesio si riduce con l’invecchiamento fino al 30%.

h) Alcuni pesticidi comunemente usati (es il glifosato) hanno la propensione a chelare i minerali, riducendo potenzialmente il contenuto di Mg nel suolo e in alcune colture.

i) Le prove dimostrano un aumento dell’esaurimento del suolo di alcuni nutrienti essenziali a causa delle tecniche di fecondazione che non forniscono lo spettro dei minerali richiesti.

k) Vi è stata l’espansione delle tecniche agricole monocolturali che hanno la tendenza a consumare e impoverire i nutrienti specifici.

Le carenze di magnesio contribuiscono alla comparsa di sintomi non specifici, ma che molti di noi possono aver sperimentato senza dar loro troppa importanza, ovvero, fascicolazioni muscolari, spasmi involontari, crampi frequenti. Nella pratica clinica la carenza cronica di magnesio può condurre ad aritmie, variazioni non specifiche dell’elettrocardiogramma, forme di agitazione resistenti ai farmaci, insonnia e persino convulsioni. La carenza cronica di magnesio è stata associata inoltre al peggioramento del fenomeno asmatico e alla resistenza dell’osteoporosi al trattamento farmacologico. Una maggiore assunzione di Mg è stata associata a maggiore densità ossea in anziani bianchi e donne. In effetti, è stato dimostrato che l’integrazione orale di Mg sopprime il ricambio osseo nelle donne in post-menopausa e nei giovani maschi adulti.

Persino la gravidanza risente della carenza di magnesio. Supplementi di Mg orale dati prima del 25 la settimana di gestazione rispetto al placebo, per esempio, è stata associato a una frequenza più bassa di nascite pretermine, nascita bassa neonati di peso e meno piccoli per i neonati in età gestazionale. Uno studio ha dimostrato che l’integrazione di Mg in gravidanza era associata a una pressione arteriosa media inferiore donne insieme a neonati con peso alla nascita più elevato e meno giorni trascorso in terapia intensiva neonatale. Negli ultimi studi della gravidanza, il solfato di Mg è stato a lungo un trattamento per la pre-eclampsia (ora chiamata gestosi), dimostrando di avere risultati superiori rispetto a diazepam o fenitoina nella prevenzione delle convulsioni. Il trattamento della pre-eclampsia con solfato di magnesio può ridurre il tasso di eclampsia del 50%.

Ci sono prove che la carenza di magnesio è responsabile o contribuisce a svariate condizioni come emicrania, fibrillazione atriale, calcolosi renale, sindrome pre-mestruale, ipertensione arteriosa, fatica nell’insufficienza renale cronica e depressione. Infatti, buona parte di individui che ha assunto integrazione esterna con magnesio per ognuna di queste condizioni, ha potuto sperimentare sollievo o netto beneficio.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Nieves JW. Osteoporosis Internat 2013; 24(3)771–786.

Nechifor M. Magnesium Research 2000; 22(3):163–166.

Heaton FW. Clinical Biochemist Rev 2003; 24(2):47–66.

Saris NEL et al. Clin Chimica Acta 2000; 294(1-2):1–26.

Fawcett Wj et al. Brit J Anaesthesia 1999; 83(2):302-320.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2450 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it