Colazione e salute vascolare: basta saltarla e salta il metabolismo

L’aterosclerosi si verifica quando i depositi di grasso, insieme al colesterolo e ad altre forme di rifiuti cellulari, si accumulano all’interno delle arterie. Questo riduce l’elasticità arteriosa e, nel tempo, può portare a malattie coronariche, angina o malattia delle arterie periferiche, tra le altre condizioni. L’aterosclerosi subclinica è una forma latente della condizione, che non produce immediatamente i sintomi. Secondo la saggezza popolare, la colazione è il pasto più importante della giornata e la prima serie di risultati dello Studio sulla Progressione e l’Individuazione Precoce di Aterosclerosi (PESA) suggerisce che il pasto potrebbe essere ancora più importante di quanto si creda tradizionalmente. I risultati della ricerca mostrano che coloro che consumano meno del 5% del loro apporto calorico giornaliero a colazione possono raddoppiare il rischio di aterosclerosi subclinica rispetto a chi ha una colazione ad alta energia. Una colazione ad alta energia potrebbe comprendere una buona fonte di proteine ​​- come yogurt o uova – cereali integrali e frutta.

Il primo autore del nuovo studio è la dott.ssa Irina Uzhova, del Centro Nacional de Investigaciones Cardiovasculares Carlos III di Madrid, in Spagna, e i risultati sono stati pubblicati sul Journal of American College of Cardiology. La dott.ssa Uzhova e il suo team hanno esaminato tre tipi di consumo della colazione, cercando una connessione tra i modelli di colazione e l’incidenza di aterosclerosi subclinica in una popolazione sana. La PESA è uno studio prospettico comprendente più di 4000 partecipanti senza storia di malattie cardiovascolari, con un’età compresa tra i 40 ei 54 anni. Hanno utilizzato tecniche di imaging multivascolare e raccolto informazioni sullo stile di vita dei partecipanti. Il primo informò la squadra sulla presenza di placche nelle arterie carotidi, nelle arterie ileofemoral, nell’aorta e nelle arterie coronarie. I partecipanti sono stati monitorati per 6 anni e i dati raccolti sono stati analizzati statisticamente utilizzando modelli di regressione multivariata.

Lo studio ha rilevato che il 27% dei partecipanti consumava regolarmente una colazione ad alta energia o una colazione che offriva oltre il 20% delle calorie giornaliere raccomandate. La maggior parte del campione di popolazione (70%) consumava regolarmente una colazione a basso consumo energetico o una che forniva tra il 5 e il 20% dell’apporto calorico giornaliero. Infine, il 3% dei partecipanti ha mangiato pochissimo (meno del 5% delle calorie raccomandate) o ha saltato del tutto la colazione. Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che le persone in quest’ultimo gruppo avevano maggiori probabilità di avere abitudini alimentari e stile di vita insalubri. Questi includevano una dieta povera, il fumo e il frequente consumo di alcol. I dati di imaging hanno anche rivelato che avevano 1,5 volte più lesioni aterosclerotiche rispetto alle persone che consumavano una colazione ad alta energia. Inoltre, in alcune aree vascolari – come l’arteria carotide e le arterie ileofemoral – gli skipper per la colazione avevano fino a 2,5 volte più probabilità di avere placche aterosclerotiche.

Questo gruppo ha anche ottenuto un punteggio più alto nell’elenco dei fattori di rischio cardiovascolare; coloro che hanno saltato la colazione tendevano ad avere una circonferenza della vita e un indice di massa corporea più alti (BMI), così come un aumento dei livelli di zucchero nel sangue e lipidi o grassi nel sangue. Il dott. Valentin Fuster, coautore dello studio, afferma: “I risultati mostrano che saltare la colazione è una cattiva abitudine che le persone possono modificare in modo proattivo per ridurre il rischio di malattie cardiache. È noto che apportare cambiamenti nello stile di vita può ridurre il rischio di disturbi cardiometabolici come il diabete, l’obesità e l’ipertensione. Le nostre scoperte sono importanti per gli operatori sanitari e potrebbero essere usate come un semplice messaggio per gli interventi basati sul lifestyle e le strategie di salute pubblica, oltre a informare raccomandazioni e linee guida dietetiche. Noi affermiamo qui che lo studio PESA apporta un contributo incalcolabile alla conoscenza scientifica e alla salute pubblica.

In un commento editoriale che accompagna lo studio, il Dr. Prakash Deedwania – professore di Medicina presso l’Università della California, a San Francisco – scrive: “Scelte alimentari scadenti sono generalmente realizzati relativamente presto nella vita e, se rimangono invariate, possono portare a malattie cardiovascolari in seguito. Gli effetti avversi di saltare la prima colazione può essere visto nella prima infanzia in forma di obesità infantile, e anche se coloro che la saltano il tentano generalmente di perdere peso, spesso finiscono per mangiare più cibi e malsane nel corso della giornata. Pertanto, saltare la colazione può causare squilibri ormonali e altera i ritmi circadiani. Che la colazione è il pasto più importante della giornata è stato dimostrato proprio alla luce di queste evidenze. Non ci sono giustificazioni ulteriori del tipo “è quello che dicono in televisione”…..

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Uzhova I et al. J Am Coll Cardiol. 2017 Oct; 70(15):1833-1842.

St-Onge MP et al.  Circulation. 2017 Feb; 135(9):e96-e121. 

Nisselson HS. J N J Dent Assoc. 2015 Fall; 86(4):4. 

Nakajima K et al. Int J Cardiol. 2014;177(3):1124-26.

Konidari Z et al. Appetite. 2014 Sep; 80:89-95.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2479 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it