Diabete, depressione e cardiopatia: analisi delle differenze di fondo e di sesso

La depressione è associata a un rischio significativamente maggiore di sviluppare diabete di tipo 2 (T2DM) e malattie cardiovascolari (CVD). La stima generale è un aumento del 60% del rischio di diabete e un aumento del 30% del rischio aggregato di malattia coronarica (CHD). La depressione è anche indipendentemente associata ad un aumentato rischio di mortalità. Gli effetti avversi della depressione sul diabete e gli esiti cardiovascolari sono stati attribuiti a comportamenti di stile di vita poveri tra cui: aumento dell’apporto calorico e riduzione dei tassi di esercizio. I percorsi causali che collegano la depressione alla disregolazione metabolica non sono stati completamente chiariti, tuttavia sono stati segnalati ripetutamente aumenti della resistenza all’insulina (IR), infiammazione di basso grado e ormone leptina. Gli studi trasversali mostrano anche un’associazione positiva tra depressione e livelli di citochine pro-infiammatorie, ma la direzione causale non può essere dedotta. Mentre è stato dimostrato che l’induzione dello stress psicologico aumenta TNF e IL-6, è stato anche osservato il contrario e sono stati dimostrati alti livelli di base e la somministrazione di citochine pro-infiammatorie che precedono la nuova insorgenza di sintomi depressivi negli studi prospettici e negli studi clinici rispettivamente.

Un’ulteriore caratteristica marcata della depressione è che sembra essere associata a omeostasi della leptina alterata. La leptina ad alta circolazione, un marker di resistenza alla leptina, è associata indipendentemente con IR e CVD. La maggior parte degli studi che analizzano la depressione e la disfunzione metabolica non hanno preso in considerazione la modifica dell’effetto per genere. Ciò nonostante le marcate differenze nella massa corporea, nella composizione corporea e nell’ambiente ormonale di ciascun genere che a sua volta influisce sui livelli basali di CVD e marcatori del diabete. Inoltre, la prevalenza della depressione differisce dal sesso, essendo generalmente una prevalenza del 21,3% nelle donne rispetto al 12,7% negli uomini; sebbene il rischio di mortalità per gravi malattie croniche sia maggiore negli uomini depressi rispetto alle donne. Ecco perché un team congiunto dell’Università di Leicester e del King’s College di Londra hanno indagato su due scopi: aggiungere alle correnti evidenze che i sintomi depressivi sono legati a markers del diabete, cardiovasculopatie ed infiammazione nella popolazione sana. E poi, hanno sviluppato l’ipotesi che questi disturbi metabolici differissero tra i sessi. Immediatamente hanno trovato che il 31.4% delle donne ed il 19.4% degli uomini avevano sintomi depressivi.

Gli uomini con sintomi depressivi erano più giovani (p = 0,001) e avevano un grasso corporeo inferiore del 7,8% rispetto agli uomini senza. Le donne con sintomi depressivi erano leggermente più giovani, avevano 2,5 volte più probabilità di essere fumatori attuali e avevano una circonferenza della vita maggiore del 5,3% rispetto alle donne senza. L’insulino-resistenza non era significativamente più alto nel gruppo con sintomi depressivi durante l’analisi dell’intera coorte di genere mista. Tuttavia, la stratificazione per genere ha mostrato che l’insulino-resistenza (e l’insulina a digiuno) era più alta del 28,7% nelle donne con sintomi depressivi. Nonostante l’elevazione legata alla depressione nell’IR nelle donne, i livelli di HOMA IR erano più alti negli uomini rispetto alle donne. La stratificazione basata sul genere ha rivelato che la logleptin era più alta del 6,6% nelle donne con sintomi depressivi rispetto alle donne senza. L’analisi della mediazione ha rivelato che questa associazione era in parte mediata dall’obesità centrale. Nell’analizzare l’intera coorte di genere mista, il TNF-α non era significativamente più alto nel gruppo con sintomi depressivi, tuttavia la stratificazione per genere ha mostrato che il TNF-α era superiore del 22,3% nelle donne con sintomi depressivi rispetto alle donne senza. La PCR era anche più alta con sintomi depressivi quando si valutava l’intera coorte.

La stratificazione per genere ha mostrato che la CRP era superiore del 49% negli uomini con sintomi depressivi rispetto agli uomini senza. Ulteriori analisi hanno mostrato che i livelli medi di CRP erano più alti nelle donne rispetto agli uomini; e che l’associazione tra ciascun biomarcatore e i sintomi depressivi non differiva significativamente con il genere all’interno di questa coorte. È possibile che ulteriori lavori di valutazione di coorti più grandi possano rivelare una differenza di genere significativa tra sintomi depressivi e stato metabolico. La scoperta che l’insulino-resistenza era superiore del 28,7% con sintomi depressivi suggerisce un aumento del rischio di sviluppare T2DM. Gli elevati livelli di TNF-α osservati nella coorte femminile con sintomi depressivi rappresentano anche un profilo metabolico avverso in quanto è ben noto che gli aumenti del TNF-α sono associati ad una ridotta tolleranza al glucosio e IR. Questi dati suggeriscono potenzialmente che, ad esempio, la depressione nelle donne può rispondere a terapie volte a ridurre il grasso addominale tra gli organi (dieta ed esercizio fisico) e i farmaci anti-TNF. Al contrario, la depressione negli uomini ha forse meno probabilità di rispondere alle terapie per ridurre il peso, ma può rispondere bene ai trattamenti antidepressivi che si sono dimostrati efficaci in soggetti con livelli di PCR basali elevati.

Avere la capacità di abbinare i pazienti con il trattamento basato su una varietà di variabili, incluso il genere, dovrebbe aiutare a raggiungere l’obiettivo di un trattamento altamente personalizzato. Tuttavia i ricercatori ritengono che sarà necessario ulteriore lavoro su coorti più ampie per accertare se esistono vere differenze di genere.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Cordas G et al. Neuroendocrinology 2015; 101(1):82.

Kan C et al. Diabetes Care. 2013; 36(2):480-89.

Van Dooren FE et al. PLoS One. 2013; 8(3):e57058.

Howren MB et al. Psychosom Med. 2009; 71(2):171.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2449 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it