Crusca di avena: le sue fibre particolari per la salute intestinale e non solo

Il consumo di avena e altri cereali è stato associato a ridurre i rischi di malattie croniche come le malattie cardiovascolari, il diabete, l’obesità e alcune forme di cancro. L’effetto benefico osservato può essere attribuito a singoli composti e all’effetto sinergico di diverse molecole. Le fibre sono carboidrati non digeribili, il che significa che resistono all’idrolisi da parte di enzimi digestivi umani, ma sono fermentati dai batteri nel colon. La crusca d’avena è comunemente usata nei cereali da colazione a causa del suo alto contenuto di glucani. È stato dimostrato che il consumo di avena e crusca di avena nei glucani riduce il colesterolo LDL. L’avena è nota per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e abbassare il colesterolo (Welch 1995). La proprietà di abbassamento del colesterolo è dovuta alla presenza di elevate quantità di fibre solubili (β-glucani) che sono considerate anti-aterogeniche ma che possono anche migliorare il sistema immunitario e proteggere dall’infezione (Qureshi et al., 1986).

Il meccanismo con cui le fibre abbassano il colesterolo sanguigno, è legato all’assorbimento del colesterolo, all’influenza sugli acidi biliari, alla produzione di lipoproteine ​​nel fegato e alla loro rimozione dai tessuti periferici (Anderson e Gustafson N 1988). Le fibre alimentari aumentano la viscosità del contenuto nell’intestino, portando ad un più lento assorbimento del colesterolo, un’altra ipotesi è che le fibre solubili vengono fermentate nel colon e producono acidi grassi a catena corta (SCFA; proprionato, butirrato, ecc.), e questi acidi vengono assorbiti dal colon. Mentre il butirrato è usato dal colon per il suo metabolismo energetico, è il propionato invece che inibisce la sintesi del colesterolo. Un’altra ipotesi è che le fibre di avena aumentano gli acidi grassi a catena corta, inibendo la sintesi del colesterolo nei tessuti periferici, con conseguente riduzione dei recettori delle lipoproteine ​​a bassa densità (LDL), che potrebbe aumentare il tasso di rimozione (Anderson e Gustafson N 1988).

Molti studi hanno studiato l’effetto delle fibre alimentari sul peso corporeo dei modelli umani e animali. È stato dimostrato che esiste una relazione inversa tra consumo di fibre alimentari e peso corporeo. Uno studio condotto su 89, 432 partecipanti europei sani, esenti da cancro, malattie cardiovascolari, diabete di età compresa tra i 20 ei 78 anni, è stato seguito per 6,5 anni, ha dimostrato che c’era una relazione inversa tra l’assunzione di fibre alimentari e il peso corporeo come come la circonferenza della vita (Du et al., 2010). Questo studio ha rilevato che un maggiore apporto di fibre da cereali era associato a un minor peso corporeo e alla circonferenza della vita inferiore. Tuttavia l’assunzione di fibre da frutta e verdura non era associata al cambiamento di peso corporeo, ma l’effetto sulla circonferenza della vita era simile all’effetto delle fibre alimentari di cereali.

In uno studio in cui è stata misurata la dieta di 252 donne utilizzando registri alimentari pesati per 7 giorni, è stato dimostrato che l’assunzione di fibre alimentari riduce il peso corporeo e il grasso indipendentemente dall’attività fisica e dall’assunzione di grassi nella dieta (Tucker e Thomas 2009). Uno studio che ha esaminato il peso corporeo e il consumo del grano intero e del grano raffinato di 74, 091 US donne in buona salute libere da cancro, malattie cardio vascolari, età 38-63 anni negli anni 1984, 1986, 1990 e 1994 attraverso convalidato i questionari sulla frequenza alimentare hanno concluso che il consumo di fibre alimentari integrali è inversamente associato all’aumento di peso corporeo (Liu et al., 2003).

L’attività antitumorale delle fibre è stata attribuita in alcuni studi alla presenza di molecole fenoliche, acido fitico e isoflavoni presenti nei campioni di fibre (Cohen 1999). Il cancro del colon-retto è una delle condizioni in cui le fibre alimentari sono state suggerite per giocare un ruolo positivo nella sua prevenzione. Lo strato corticale esterno di questi grani contiene un polimero fenolico chiamato lignina. Essa riduce la digeribilità dei polisaccaridi da parte degli enzimi digestivi nel colon, rendendo l’ingombro fecale e riducendo il tempo di transito. Inoltre, la lignina rende le pareti cellulari idrofobiche; questa proprietà aumenta la capacità cellulare di assorbire dei cancerogeni eventualmente presenti negli alimenti (Harris e Ferguson 2014).

Le fibre solubili rallentano anche l’aumento della glicemia, che è importante nella gestione del diabete di tipo 2. I β-glucani sono anche ben noti per i loro effetti positivi sull’insulina (Wood 2007). L’ingestione di prodotti avena diminuisce l’indice glicemico, la risposta insulinica sia nei diabetici che negli individui sani. Uno studio condotto utilizzando la fibra solubile di Psyllium su 12 uomini, età media 67,5 anni e 8 donne significano età 66 anni che presentavano diabete di tipo 2 riferito a diminuzione dell’assorbimento del glucosio, così come diminuzione dei livelli di colesterolo LDL e acido urico nel trattamento gruppo e non ha avuto alcun effetto sull’assorbimento di minerali e vitamine A ed E (Sierra et al., 2002). È stato dimostrato che la fibra migliora la glicemia sia nelle donne in sovrappeso che in quelle con peso normale (Behall et al., 2006).

Perciò, la protezione antiossidante, il controllo della glicemia, del colesterolo e, per i più esageratamente attenti, del peso potrebbe cominciare bene al mattino con una sana colazione con latte e cereali ricchi di avena.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

Letteratura scientifica

Anderson et al. 1988. Am J Clin Nutr 48: 749-753.

Behall KM et al. 2006. Diabetes Care 29(5): 976-981.

Brindzová L et al. 2008. J. Food Sci 26(3): 163-173.

Cohen, L.,A. 1999. Anticancer Res 19(5A): 3685-3688.

Peterson DM. 2001. J. of Cereal Science 33: 115-129.

Du H et al. 2010.  Am J Clin Nutr 91(2): 32-336.

Hartwell, G.A. 1926.  Biochem J 20: 751-758.

Liu S et al. 2003. Am J Clin Nutr 78(5): 920-927.

Sierra M et al. 2002. Eur J Clin Nutr 56(9): 830-842.

Tucker LA et al. 2009. J Nutr 139(3): 576-581.

Welch, R.,W. 1995. World Crop Series : 433-479.

Wood, P.,J. 2007. J. Cereal Sci. 46(3): 230-238.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2485 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it