Home RICERCA & SALUTE Linfoma: se diventa resistente si inasprisce la strategia

Linfoma: se diventa resistente si inasprisce la strategia

I linfomi sono tumori che provengono da cellule del sangue, più specificamente dal tessuto linfatico. I linfomi sono tra i 10 più comuni tumori negli adulti e la terza neoplasia più frequente nei bambini e negli adolescenti. Nonostante i grandi progressi fatti nel loro trattamento, le statistiche europee mostrano che circa 5 persone ogni 100.000 muoiono per linfoma ogni anno. Esistono numerosi tipi di linfomi e ciascuno ha caratteristiche, aggressività, evoluzione e prognosi diverse. Nella maggior parte dei casi, i trattamenti standard includono la radioterapia e la chemioterapia, due terapie che possono avere importanti effetti collaterali. Gli approcci biologici innovativi e la scoperta di nuove molecole biologiche stanno cambiando l’approccio terapeutico e aumentando le possibilità di guarigione. Le cellule tumorali sono in grado di eludere il controllo fisiologico e crescere in modo incontrollato. Infatti, i gruppi di proteine ​​”pro-tumorali” possono attivarsi e non rispondere più ai normali meccanismi di controllo “oncosoppressore” intracellulare.

Tra le proteine ​​”pro-tumorali”, la rete comprendente le molecole segnale “PI3K / AKT / mTOR” che è ben nota per sostenere la sopravvivenza e la proliferazione delle cellule tumorali. È importante sottolineare che l’asse PI3K / AKT / mTOR è attivo nei linfomi e il suo blocco potrebbe rappresentare una buona strategia di uccisione. La prestigiosa rivista scientifica Clinical Cancer Research ha pubblicato uno studio condotto dal gruppo di ricerca guidato dal Dr. Francesco Bertoni dell’Istituto di Ricerca Oncologica (IOR, affiliato all’USI Università della Svizzera Italiana), che ha testato una nuova molecola che dimostra la sua capacità per inibire la crescita del linfoma. Il gruppo di ricerca IOR guidato dal dott. Francesco Bertoni (che è anche vicepresidente del Gruppo svizzero SSAK del gruppo di ricerca per il linfoma e sui tumori clinici) si è concentrato sulla possibilità di inibire la segnalazione PI3K / AKT / mTOR con bimiralisib nel linfoma le cellule.

Bimiralisib è una nuova molecola prodotta da un’azienda svizzera, che blocca direttamente più proteine ​​che guidano la segnalazione PI3K / AKT / mTOR e ha dimostrato la capacità di bloccare la crescita delle cellule di linfoma. Un farmaco (idelalisib) che agisce bloccando solo un tipo specifico di proteina nella famiglia “PI3K” (PI3K delta) è già approvato per l’uso clinico, ma molti pazienti non rispondono a questo trattamento. Tuttavia, in laboratorio, bimiralisib mostra che ha attività antitumorale anche nei modelli di linfoma resistenti a idelalisib. Bimiralisib sembra agire ancora meglio se combinato con altri nuovi farmaci antitumorali. Inoltre, il meccanismo di azione del farmaco è stato studiato e confrontato con quello di altri inibitori della segnalazione, ottenendo risultati con implicazioni nella progettazione di nuovi schemi di trattamento per pazienti con linfoma.

I risultati di questo studio, insieme agli studi clinici in corso con bimiralisib, possono portare a trattamenti migliori per le persone affette da linfoma e una migliore comprensione dei meccanismi di azione degli agenti anti-linfoma.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Tarantelli C et al., Bertoni F. Clin Cancer Res. 2018 Jan 1; 24(1):120-129.

Karmali R et al., Giles FJ. Oncotarget  2017 Nov 11; 8(70):114924-114934.

Lampson BL, Brown JR. Expert Opin Investig Drugs 2017; 26(11):1267-79.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI