LOX: l’enzima che impedisce di perdere peso

LOX: l'enzima che impedisce di perdere peso

Almeno 1 adulto su 4 negli Stati Uniti è obeso, il che li espone ad un aumentato rischio di diabete di tipo 2, ictus, malattie cardiache e alcune forme di cancro. Una mancanza di esercizio fisico e una dieta povera sono le cause principali dell’obesità, quindi non sorprende che seguire una dieta salutare e aumentare l’attività fisica siano le prime strategie che cerchiamo di eliminare i chili. Ma questi interventi possono produrre risultati misti: alcuni individui vedono perdere i chili, mentre altri lo trovano molto più impegnativo. Il nuovo studio potrebbe aver scoperto una spiegazione per quest’ultimo caso. I ricercatori del Diabetes and Obesity Research Group dell’Università di Exeter Medical School nel Regno Unito hanno scoperto che le cellule di grasso delle persone obese mostrano una maggiore espressione di un enzima chiamato lisil-ossidasi (LOX). LOX è associato a fibrosi o “cicatrizzazione” del tessuto adiposo che, come dimostrato da ricerche precedenti, può ostacolare gli sforzi di perdita di peso. La co-autrice dello studio, la dottoressa Katarina Kos e colleghi, hanno riportato le loro scoperte sulla rivista Metabolism.

Per il loro studio, la dottoressa Kos e colleghi hanno analizzato campioni di tessuto adiposo addominale, che erano stati prelevati da individui obesi prima di subire un intervento chirurgico di perdita di peso. Rispetto ai campioni di tessuto adiposo addominale di soggetti più magri, l’analisi ha rivelato che il tessuto grasso delle persone obese ha una maggiore espressione di LOX, che è una causa di fibrosi del tessuto grasso. In seguito a ulteriori indagini, i ricercatori hanno scoperto che l’aumento dell’espressione di LOX è stato determinato da un aumento della deprivazione di ossigeno e dell’infiammazione delle cellule adipose, che si verifica quando le cellule adipose diventano più grandi. Gli scienziati spiegano che quando le cellule adipose subiscono questo tipo di stress, perdono la capacità di immagazzinare calorie in eccesso. Di conseguenza, queste calorie vengono immagazzinate come grasso attorno a organi importanti, come il fegato e il cuore, e questo è associato a numerosi problemi di salute, tra cui le cardiopatie e il diabete di tipo 2. Sfortunatamente, alcuni studi hanno dimostrato che la fibrosi dei tessuti grassi può rendere più difficile per le persone perdere peso.

La dottoressa Kos osserva che sono necessarie ulteriori ricerche per identificare altri modi per prevenire la fibrosi dei tessuti grassi: “Questo non significa che la cicatrizzazione rende impossibile la perdita di peso; l’aggiunta di una certa attività fisica regolare a un apporto energetico leggermente ridotto per un periodo più lungo rende possibile la perdita di peso e aiuta il tessuto adiposo a non sovraccaricarsi ulteriormente”. Inoltre, i risultati del team indicano che inibitori della LOX potrebbe essere un modo per prevenire la fibrosi delle cellule grasse, e possibilmente facilitare la perdita di peso, ma sono necessari ulteriori studi per confermare questa teoria. Nel frattempo, lei dice che aumentare la nostra attività fisica potrebbe aiutare. “Esistono prove del fatto che una volta che il tessuto adiposo diventa sfregiato, nonostante la perdita di peso, potrebbe non recuperare completamente. Dobbiamo occuparci del nostro tessuto adiposo che può smettere di funzionare se è sovraccarico di lavoro quando è costretto ad assorbire più calorie. Come medico, consiglierei l’esercizio o almeno una “passeggiata” dopo un pasto che possa fare una grande differenza per il nostro metabolismo“.

Quindi, dopo pranzo, un pò a spasso. In fondo, come dargli torto?

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

 

Letteratura scientifica selezionata

Pastel E et al. Kos K. Metabolism. 2018 Jan; 78:118-127.

Pessentheiner AR et al. FASEB J. 2017 Sep; 31(9):4088-4103.

Dongiovanni P et al. Clin Sci (Lond). 2017; 131(12):1301-1315. 

Martínez-Martínez E et al. J Mol Cell Cardiol. 2016;9 2:96-104. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 826 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.