Ansia: scoperte le cellule cerebrali responsabili

Ansia: scoperte le cellule cerebrali responsabili

I disturbi d’ansia sono “la malattia mentale più comune” negli Stati Uniti, che colpisce circa 40 milioni di adulti. Per molte persone, l’ansia compare in situazioni in cui è inutile o addirittura inutile, come un centro commerciale affollato o quando si parla con un gruppo di amici. Per queste persone, l’ansia diventa un problema. Piuttosto che una reazione ragionevole a una situazione che mette in pericolo la vita, l’ansia viene attivata in modo inappropriato. A causa di questa elevata prevalenza, i ricercatori stanno tentando di scoprire ciò che accade nel cervello in questi casi. È importante capire quali circuiti cerebrali controllano la risposta ansiosa e cosa va storto con quei circuiti nelle persone con disturbi d’ansia. Lo studio più recente è stato condotto da Mazen Kheirbek, Ph.D., che lavora presso l’Università della California, a San Francisco, e un team della Columbia University Irving Medical Center (CUIMC) a New York. Le loro scoperte sono pubblicate questa settimana sulla rivista Neuron.

Il team era particolarmente interessato all’ippocampo. Questa regione del cervello ha un ruolo nella memoria autobiografica e nella navigazione, ma sembra anche avere un ruolo nell’umore e nell’ansia. In particolare, studi precedenti hanno dimostrato che l’alterazione dell’attività nella regione ventrale dell’ippocampo riduce l’ansia. Per studiare questa regione in modo più dettagliato, gli scienziati hanno misurato l’output di centinaia di cellule negli ippocampi dei ratti alle prese con la loro attività quotidiana. Si scoprì che quando gli animali incontravano una situazione che li faceva sentire ansiosi, i neuroni nella regione ventrale dell’ippocampo divenivano attivi. Gli scienziati hanno quindi tracciato queste cellule mentre viaggiavano dall’ippocampo all’ipotalamo. L’ipotalamo controlla i comportamenti di ansia – negli esseri umani, questo include la secrezione di ormoni stressogeni, attitudine di evitamento e tachicardia.

Successivamente, hanno trasformato artificialmente queste cellule d’ansia. Hanno usato una tecnica chiamata optogenetica, che consente agli scienziati di controllare singoli neuroni usando impulsi di luce. Gli scienziati hanno scoperto che quando queste cellule venivano spente, i topi smettevano di produrre comportamenti legati alla paura. Al contrario, quando queste cellule sono state accese, i topi si sono comportati ansiosamente, nonostante si trovassero in un’area sicura. Sebbene sia noto che altre parti del cervello sono coinvolte nell’ansia, questa è la prima volta che viene scoperto un gruppo di cellule che rappresenta l’ansia indipendentemente dallo stimolo ambientale che provoca l’emozione.

Kheirbek spiega: “Questo è eccitante perché rappresenta un percorso diretto e rapido nel cervello che consente agli animali di rispondere ai luoghi che provocano ansia, senza dover attraversare regioni cerebrali di ordine superiore. Ora che queste cellule sono state descritte, potrebbero fornire una nuova direzione per il trattamento dei disturbi d’ansia”. Il Dr. Jeffrey Lieberman, che è il Lawrence C. Kolb Professor e presidente della Psichiatria presso CUIMC, spiega: “Questo studio mostra come la ricerca traslazionale che utilizza le tecniche scientifiche di base in modelli animali, possa chiarire le basi soggiacenti delle emozioni umane e le ragioni dei disturbi mentali, indicando così la strada per lo sviluppo del trattamento. Anche se sarà necessario lavorare di più, trovare un nuovo obiettivo per potenziali trattamenti è un entusiasmante passo in avanti”.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1111 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it