Socializzazione e felicità: l’importanza del sentirsi connessi

 1

È noto che la solitudine e l’isolamento sociale non sono buoni per la salute e il benessere. In effetti, studi recenti hanno riportato che l’isolamento sociale minaccia il nostro sistema immunitario e la salute cardiovascolare, essendo responsabile di più morti premature rispetto all’obesità. Ma il solo pensiero di essere soli ci rende infelici? Ricercatori dell’Università della British Columbia (UBC) a Vancouver, in Canada – in collaborazione con gli scienziati della Harvard Business School e della Harvard Medical School, entrambi a Boston, MA – hanno deciso di indagare sull’impatto di credere semplicemente che uno abbia meno amici del loro coetanei sul proprio benessere generale. Il team è stato guidato da Frances Chen, assistente professore nel Dipartimento di Psicologia presso UBC e il suo team hanno condotto due studi per indagare su questa convinzione sociale. Le loro scoperte sono state pubblicate sulla rivista “Personality and Social Psychology Bulletin“.

Nel primo studio, il Prof. Chen e colleghi hanno intervistato un gruppo di 1.099 studenti del primo anno dell’UBC, chiedendo loro quanti amici intimi avevano fatto e approssimando quanti amici intimi pensavano che i loro coetanei avessero fatto dall’inizio del anno accademico. Gli “amici intimi” erano definiti come amici in cui gli studenti si sentivano a proprio agio nel confidare i loro problemi, e questi erano distinti dai “conoscenti sociali”. Il sondaggio ha rivelato che la maggior parte degli studenti credeva che i loro colleghi avessero fatto più amici di loro. In effetti, il 48% degli intervistati era convinto che ciò fosse vero, mentre il 31% pensava al contrario. Nel secondo studio, i ricercatori hanno cercato di vedere se questa convinzione sarebbe stata prevalente nel tempo, esaminando le sue implicazioni positive e negative.

Dopo di ciò, il team ha seguito 389 studenti universitari del primo anno e ha chiesto loro di completare i sondaggi in due tempi, con 4-5 mesi tra di loro. Le indagini hanno indagato sul benessere e sul senso di appartenenza dei partecipanti. Il primo è stato valutato utilizzando la scala Soddisfazione con la Vita, così come la Scala dell’Esperienza Positiva e Negativa, mentre la seconda è stata esaminata utilizzando la Scala della Connettività Sociale Rivista. Inoltre, i ricercatori hanno osservato il tempo trascorso dagli studenti a socializzare e il tempo necessario per creare amicizie. Lo studio ha rilevato che in qualsiasi momento, gli studenti che credevano che i loro coetanei fossero socialmente più legati riportavano minore benessere e appartenenza. Ma col tempo, coloro che pensavano che i loro coetanei fossero “moderatamente socialmente più connessi” all’inizio dell’anno, erano anche più propensi a fare più amici di quelli che pensavano che i loro coetanei fossero molto più socialmente connessi.

Questo è ciò che fa l’autore del primo studio Ashley Whillans, un assistente professore alla Harvard Business School. “Pensiamo che gli studenti siano motivati ​​a fare più amici se pensano che i loro coetanei abbiano solo uno o due amici in più di loro”, dice. “Ma se sentono che il divario è troppo grande, è come se si arrendessero e sentissero che non valeva nemmeno la pena provare. Sappiamo che il peso dei social network ha un effetto significativo sulla felicità e il benessere. La ricerca mostra che anche le semplici credenze sui social network dei tuoi pari hanno un impatto sulla tua felicità”. Il Prof. Chen spiega cosa potrebbe guidare queste errate percezioni sociali, dicendo: “Poiché le attività sociali, come mangiare o studiare con gli altri, tendono ad accadere nei caffè, mense e nelle biblioteche dove sono facilmente visibili, gli studenti potrebbero sopravvalutare quanto i loro coetanei socializzano perché non li vedono mangiare e studiare da soli”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

 

Citazioni specifiche

Byrom N. J Ment Health. 2018 Feb 16:1-7.

Tung YJ et al. Nurse Educ Today. 2018 Feb 9; 63:119-129.

Whillans AV et al. Pers Soc Psychol Bull. 2017 Dec; 43(12):1696-1711.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 806 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.