Ictus cerebrale: studio rivela come salvare la mielina danneggiata

L’uomo è l’unica specie con il cervello in cui il volume della materia bianca è più grande di quello della materia grigia. A causa della più grande materia bianca nel cervello, molte condizioni neurologiche sono state causate o accompagnate da danni alla sostanza bianca. Tra le malattie neurologiche o i disturbi che interessano la sostanza bianca, l’insulto ischemico è una delle entità più comunemente riscontrate nella pratica clinica. Nonostante l’alta prevalenza e il significato clinico della malattia ischemica della sostanza bianca, è stato investito uno sforzo relativamente minore in ricerche focalizzate sul meccanismo o nel trovare bersagli terapeutici nella malattia della sostanza bianca ischemica, rispetto alla lesione ischemica della materia grigia. Insulti ischemici possono provocare un’infiammazione sterile nei tessuti danneggiati, la cosiddetta infiammazione sterile. L’infiammazione sterile dopo l’ictus ischemico colpisce il danno tissutale, la sopravvivenza delle cellule neuronali e infine l’esito neurologico e comportamentale. Demielinizzazione e degenerazione delle cellule della mielina costituiscono i ritrovati patologici principali nel cervello con lesioni della sostanza bianca sulla risonanza magnetica.

Poiché la degenerazione della guaina mielinica determina una diminuzione della velocità di conduzione, la demielinizzazione dovrebbe essere principalmente responsabile di una serie di disfunzioni neurologiche nell’ictus della sostanza bianca. Sebbene sia noto da tempo che le cellule della mielina sono particolarmente vulnerabili allo stress ischemico, esistono informazioni molto limitate sui meccanismi che regolano la morte delle cellule di mielina e la conseguente demielinizzazione sotto stress ischemico. Un nuovo studio pubblicato ha fatto luce su questo argomento. I ricercatori Jun Young Choi e Byung Gon Kim, dell’Università di Ajou della Corea, Facoltà di Medicina, hanno scoperto forse come recuperare la mielina dopo un ictus. Hanno scoperto che un tipo di recettore cellulare (TLR2) specificamente presente nelle cellule di mielina potrebbe essere responsabile per il recupero della sostanza bianca. La famiglia dei recettori Toll-like (TLR) è uno dei principali esecutori dell’infiammazione post-ischemica dopo l’interazione il sistema molecolare associato al pericolo (DAMP), come le proteine ​​del gruppo di alta mobilità (HMGB1) o di shock termico (HSPs) da danneggiati le cellule.

Più di diversi studi si sono concentrati sui TLR nell’ictus ischemico per ridurre il danno tissutale, o migliorare il recupero dei tessuti attraverso il controllo dell’infiammazione nervosa. Tuttavia, è sempre più riconosciuto che i TLR svolgono un ruolo molto più diversificato rispetto alla regolamentazione di questo processo. In linea con queste funzioni non immunitarie dei TLR nel SNC, è stato recentemente scoperto un nuovo ruolo del TLR2 e del suo ligando endogeno HMGB1 nella protezione della demielinizzazione ischemica nel modello di ictus della materia bianca. Mentre i neuroni, gli astrociti e la microglia esprimono un’ampia gamma di TLR, le cellule della mielina esprimono solo TLR2 e TLR3. Gli autori sembrano molto fiduciosi e spiegano i loro risultati: “Abbiamo proposto TLR2 come un nuovo bersaglio terapeutico per l’ischemia delle cellule della mielina e l’ictus cerebrale. Tuttavia, ci sono ancora parecchie domande rimanenti su TLR2 nei contesti di lesione della sostanza bianca. Ad esempio, la morte delle cellule della mielina ischemica non è stata completamente salvata dall’HMGB1 da solo nel nostro recente rapporto. Questo risultato suggerisce che ci sono altri ligandi sul TLR2 per promuovere l’effetto di sopravvivenza o la presenza di altri recettori piuttosto che TLR2. La ricerca di potenti agonisti specifici, utilizzando ligandi endogeni come HMGB1 o molecole di nuova identificazione, per attivare selettivamente TLR2 in oligodendrociti senza istigare le cellule infiammatorie, sarà una via futura per stabilire l’HMGB1/TLR2 come nuovo bersaglio terapeutico per restaurare la sostanza bianca colpita dall’ischemia”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Choi JY, Kim BG. Exp Neurobiol 2017; 26(4):186-194.

Choi JY et al. Proc Natl Acad Sci USA 2017; 114:4987-95.

Wang C et al. Inflammation. 2016 Dec; 39(6):1862-1870.

Harada S et al. Brain Res. 2016 Sep 1;1646:433-440.

Singh V et al. Antioxid Redox Signal. 2016; 24(12):635-51.

Tian X et al. Curr Drug Deliv. 2017 Sep 6;14(6):785-790.

Wang C et al. J Neurochem. 2016 May;137(4):576-88.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2479 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it