Depressione: nuova indagine su un recettore cerebrale orfano

Depressione: indagine su un recettore cerebrale orfano

Recentemente, una crescente quantità di studi si è concentrata sulle cause neurologiche della depressione, che è una condizione psichiatrica che colpisce più di 16 milioni di adulti negli Stati Uniti. Solo pochi mesi fa, uno di questi studi ha evidenziato che la depressione ha origine nelle aree cerebrali associate alla memoria e alla ricompensa. E, solo pochi giorni fa, un altro studio ha tracciato una mappa del cervello elettrica della depressione che potrebbe prevedere chi sviluppa la condizione. Ora, i ricercatori dello Scripps Research Institute (TSRI) di Jupiter, in Florida, potrebbero aver scoperto un nuovo target di farmaci per il trattamento della depressione. Scienitsts guidato da Kirill Martemyanov, Ph.D. – co-presidente del Dipartimento di Neuroscienze del TSRI – focalizzato su un recettore cerebrale chiamato GPR158 dopo aver notato che i livelli della proteina GPR158 erano molto alti nelle persone con depressione.

Martemyanov e colleghi hanno esaminato il comportamento di questo recettore cerebrale nei topi sottoposti a stress cronico. Le loro scoperte sono state pubblicate sulla rivista eLife. I ricercatori hanno esaminato entrambi i roditori che avevano il recettore e quelli che non lo facevano. L’esposizione dei topi che avevano GPR158 allo stress cronico ha aumentato i livelli della proteina nelle cortecce prefrontali dei roditori. Martemyanov e colleghi hanno anche notato che livelli eccessivi di GPR158 hanno portato a segni comportamentali di depressione nei topi come l’anedonia (l’improvvisa incapacità di godere di attività che prima erano piacevoli) e reazioni fisiologiche ansiose. In confronto, i ricercatori hanno riferito che la rimozione genetica del GPR158 ha portato a un fenotipo prominente simile agli antidepressivi e alla resilienza da stress nei topi.

Martemyanov spiega che i recettori del cervello GPR158 sono chiamati “recettori orfani” perché non è ancora noto a quale sostanza chimica si legano. Queste sono proteine ​​che sembrano legarsi e rispondere a un ormone o una sostanza chimica del cervello, basata sulla somiglianza delle loro sequenze con altre proteine. Tuttavia, i loro partner attivanti rimangono misteriosi. Cose come divorzio, morte di una persona cara o perdere il lavoro possono essere esperienze traumatiche. Mentre il rischio di depressione aumenta dopo tali esperienze, alcune persone sviluppano la condizione mentre altre no. Come spiegano gli autori del nuovo studio, i loro risultati potrebbero offrire alcuni indizi sul perché ciò avvenga. Essi ipotizzano che forse anche negli esseri umani, la mancanza di GPR158 rende le persone geneticamente resistenti alla depressione.

Come spiega la coautrice dello studio, Dr.ssa Laurie Sutton, i risultati sembrano supportare l’evidenza osservazionale di soggetti sottoposti a stress cronico. C’è un disperato bisogno di alternative ai trattamenti tradizionali per la depressione: gli effetti degli attuali antidepressivi a volte possono richiedere un mese per dare il via, e i farmaci non funzionano per tutti coloro che hanno la depressione. Inoltre, anche quando sono efficaci, gli antidepressivi possono avere una serie di effetti collaterali, come il confusione delle emozioni o un calo del desiderio sessuale. Ora che i ricercatori hanno scoperto il ruolo del GPR158, il prossimo passo in questo processo è quello di trovare un farmaco che possa bersagliare questo recettore. In realtà, questo team non è l’unico che tenta di escogitare trattamenti alternativi per il disturbo depressivo maggiore. Studi recenti di un gruppo inglese hanno esplorato i benefici della psilocibina, il composto psicoattivo nei funghi allucinogeni.

Qualsiasi cosa, pur di trovare un rimedio alla sofferenza mentale, che spesso è maggiore di quella fisica.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

Referenze scientifiche

Sutton LP et al., Martemyanov KA. Elife. 2018 Feb 8;7.

Khrimian L et al. J Exp Med. 2017 Oct 2; 214(10):2859-73.

Orlandi C et al. J Biol Chem. 2015 May 29; 290:13622-39.

Patel N, Itakura T et al. PLoS One. 2013; 8(2):e57843.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1427 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it