Statine e non-statine: come si abbassa meglio il colesterolo?

 1

Le statine sono farmaci che bloccano un enzima che produce il colesterolo nel fegato chiamato HMG-CoA reduttasi. Questo riduce la produzione di lipoproteine a bassa densità ​​(LDL) – il colesterolo “cattivo” che può aumentare il rischio di infarto, ictus e malattie cardiache. Secondo l’American Heart Association, le statine sono l’unica classe di farmaci per abbassare il colesterolo che ha dimostrato di ridurre direttamente il rischio di infarto e ictus, quindi è spesso la prima scelta di terapia farmacologica per i pazienti con colesterolo LDL alto. Il coautore dello studio, il dott. Marc S. Sabatine, del Brigham and Women’s Hospital della Harvard Medical School di Boston, e colleghi, notano che i benefici clinici dell’uso di statine per abbassare il colesterolo LDL sono ampiamente accettati, in gran parte a causa dell’alta qualità evidenza della loro sicurezza ed efficacia negli studi clinici.

Quando si tratta di terapie non-statiniche per abbassare il colesterolo, tuttavia, i benefici sono meno chiari. Per il loro studio, la Dr.ssa Sabatine e il suo team si sono impegnati a valutare gli effetti delle terapie con statine e non-statine sui livelli di colesterolo LDL e sul rischio di malattie cardiovascolari. I ricercatori hanno condotto una revisione e una meta-analisi di 49 studi randomizzati condotti tra il 1966-2016. Le prove hanno incluso 312.175 partecipanti di un’età media di 62 anni. Un totale di 39.645 eventi cardiovascolari maggiori – tra cui infarto, ictus e morte cardiovascolare – si sono verificati tra i partecipanti e gli studi hanno valutato i risultati di nove differenti terapie che abbassano il colesterolo. Al fine di confrontare queste terapie, la squadra li ha divisi in quattro gruppi:

  • statine classiche;
  • Terapie nonstatin che abbassano il colesterolo aumentando l’espressione dei recettori LDL, come la dieta, i sequestranti degli acidi biliari e il bypass ileale;
  • Farmaci che non aumentano l’espressione del recettore LDL, come i fibrati, la niacina e gli inibitori della proteina di trasferimento degli esteri del colesterolo (CETP)
  • Inibitori PCSK9 – una nuova classe di farmaci che riducono il colesterolo LDL bloccando l’attività della proteina PCSK9 nel fegato.

Il team osserva che i trials clinici che indagano specificamente su come gli inibitori PCSK9 influenzano gli esiti cardiovascolari devono ancora essere completati, quindi i dati per questi farmaci fino ad oggi sono stati valutati separatamente e confrontati con i dati per terapie che aumentano l’espressione dei recettori LDL. I risultati dell’analisi hanno rivelato che le statine e le terapie non-statiniche che aumentano l’espressione del recettore LDL, erano allo stesso modo efficaci per ridurre il colesterolo LDL e ridurre il rischio di eventi cardiovascolari maggiori. Con entrambi i tipi di terapie, la squadra riporta che ogni 1 millimole per litro (39 milligrammi per decilitro) di colesterolo LDL ha rappresentato una diminuzione del 23% del rischio di eventi cardiovascolari maggiori. Secondo il Dr. Sabatine e colleghi, i loro risultati meritano un’attenta considerazione alla luce della forza delle evidenze sperimentali disponibili per diversi tipi di terapie.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni correlate

Bonaca MP et al. Sabatine MS. Circulation. 2018 Jan 23; 137(4):338-350.

Sabatine MS et al. Lancet Diabetes Endocrinol. 2017 Dec; 5(12):941-950.

Sabatine MS, et al. N Engl J Med. 2017 May 4; 376(18):1713-1722. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1111 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it