Canada: solo il 10% è consapevole di avere reazioni al glutine

La ricerca su un ampio campione di canadesi suggerisce che la maggior parte delle persone celiache non sanno di esserlo. Il dottor Ahmed El-Sohemy, professore di scienze nutrizionali all’Università di Toronto, e i suoi colleghi hanno studiato l’emocromo di circa 3000 canadesi e hanno scoperto che uno su 114 (o quasi l’1%) aveva auto-anticorpi elevati che indicavano di soffrire di celiachia. Ma la stragrande maggioranza, quasi il 90%, non era a conoscenza della malattia. I dati sono stati raccolti circa un decennio fa, poco prima che la consapevolezza pubblica sui potenziali problemi con il glutine salisse alle stelle. Lo studio, pubblicato sulla rivista BMJ Open, è il primo a schermare gli anticorpi celiaci in una popolazione canadese. Conferma la ricerca precedente che suggerisce che i caucasici sono più suscettibili alla celiachia rispetto ad altri gruppi etnoculturali. Sebbene il numero di asiatici del sud e dell’est esaminati nello studio canadese fosse piccolo, nessuno è stato trovato per avere la malattia.

Curiosamente, tuttavia, una variante genetica che mette le persone ad alto rischio per la celiachia, era quasi altrettanto elevata nei campioni dell’Asia meridionale rispetto a quelli caucasici, suggerendo che altri fattori potrebbero avere un ruolo in chi sviluppa la malattia. Il Dr. El-Sohemy spiega a fondo: “Spero che questo dovrebbe solo aumentare la consapevolezza che, nonostante la mania del gluten-free ci siano molte persone che ancora non sanno di avere la celiachia, è importante per le persone capire che la celiachia non è un unico sintomo chiaro – si manifesta in diversi modi. I sintomi possono essere affaticamento, gastrointestinale o altri problemi. Questi sintomi sono così diversi che i medici hanno difficoltà a individuare la causa. L’intolleranza al glutine non è di solito la prima cosa che non è come il lattosio dove ci si sente male entro un giorno dopo averlo consumato, il glutine provoca danni al rivestimento intestinale, che si traduce in malassorbimento di vitamine e altri nutrienti, e gli effetti di tali carenze nutrizionali sono piuttosto vari”.

Non bisogna dimenticare, infatti, che esiste un vero e proprio spettro dei disordini da glutine che includono fatica cronica, intolleranze, sensibilità cutanee e manifestazioni neurologiche (es. atassia, disordini dell’attenzione). E’ probabile che o vi siano condizioni di celiachia clinicamente recessive o che, molto più probabilmente, la maggior parte dei canadesi siano intolleranti al glutine e non sanno di esserlo. El-Sohemy crede che le persone con una predisposizione genetica alla celiachia dovrebbero prendere in considerazione gli esami del sangue per determinare se hanno la malattia se presentano uno qualsiasi dei sintomi della malattia celiaca. La sua analisi di campioni di sangue provenienti da canadesi del sud asiatico suggerisce che la predisposizione genetica è solo un pezzo del puzzle celiaco. La ricerca futura potrebbe concentrarsi sui tempi di esposizione al glutine e sul ruolo dei batteri intestinali. Per quanto riguarda il motivo per cui così tante persone non celiache si sentono meglio dopo aver rinunciato al glutine, El-Sohemy ipotizza che il vero problema sia perché hanno smesso di mangiare porzioni abbondanti di pasta, pane bianco e altre fonti di carboidrati trasformati.

Sarà vero? Attendiamo con pazienza le conferme scientifiche.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Jamnik J et al., El-Sohemy A. Nutr Health. 2018 Mar; 24(1):37-45.

Turner JM, Huynh HQ. Dig Dis Sci. 2017 Nov; 62(11):3256-3258. 

Silvester JA, Graff LA et al. Dig Dis Sci. 2017 Sep; 62(9):2449-54.

Freeman HJ. World J Gastroenterol. 2017 Apr 21; 23(15):2635-39.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it