Gastroprotettori: un loro uso protratto promuove la disbiosi

Almeno 5 persone su dieci prendono gli inibitori di pompa protonica (IPP) o cosiddetti “protettori gastrici”, per medicazioni temporanee o di mantenimento di una terapia medica personale. Il nome gastoprotettori è di uso popolare, ma in realtà impediscono soltanto la produzione di acido cloridrico da parte della muscosa dello stomaco. Non hanno un reale effetto protettivo diretto su di essa. Generalmente, gli IPP hanno un grande beneficio per i pazienti con malattia correlata all’acido (es. esofagite da reflusso, ernia iatale), con effetti collaterali meno frequenti. Secondo un recente rapporto, tuttavia, tali gastroprotettori provocano la disbiosi della flora batterica (microbiota) dell’intestino tenue, esacerbando le lesioni indotte da farmaci anti-infiammatori (FANS). Diverse meta-analisi e revisioni sistematiche hanno riportato che i pazienti trattati con IPP, così come i pazienti post-gastrectomia, hanno una maggiore frequenza di eccessiva proliferazione batterica intestinale (SIBO) rispetto ai pazienti che mancano delle condizioni di cui sopra. Inoltre, non ci sono prove sufficienti che queste condizioni inducano l’infezione da Clostridium difficile. In questo momento, la disbiosi indotta da IPP è considerata un tipo di SIBO e sembra probabile che la flora batterica intestinale influenzi molte malattie.

Recentemente, il concetto di disbiosi, chiamato anche disbacteriosi, ha ricevuto notevole attenzione in vari campi biomedici. A partire dagli anni ’60, la parola “disbiosi” è stata utilizzata in Germania, nella ricerca sulla flora batterica intestinale in bambini e pazienti in post-gastrectomia. La “disbiosi” fu usata per la prima volta in una pubblicazione del 1985. Successivamente, il termine fu usato in uno studio del 1987 su pazienti con colite ulcerosa la cui flora intestinale aveva aumentato i livelli di Proteus, un genere di batteri Gram-negativi. All’inizio, la “disbiosi” veniva utilizzata principalmente nella ricerca sulle malattie infiammatorie intestinali. Tuttavia, è stato recentemente ipotizzato che la flora batterica intestinale influenzi molte malattie, come il diabete mellito, l’obesità, la steatosi epatica non alcolica e le malattie autoimmuni. Quando si tenta di controllare la flora batterica intestinale con probiotici, prebiotici e trapianto di microbiota fecale, ecc., l’influenza della terapia di soppressione acida con omeprazolo, lansoprazolo e congeneri non deve essere trascurata. 

La sindrome della proliferazione batterica intestinale (SIBO; vedere articolo su questo sito) è definita come un aumento del numero di batteri non patogeni su 10.000 organismi in 1 millilitro di contenuto di intestino tenue. E’ caratterizzata da una grande varietà di quadri clinici e I suoi sintomi sono direttamente associati al metabolismo batterico, e al danno della mucosa intestinale che compromette l’assorbimento di molti nutrienti. I sintomi più comunemente riportati per la SIBO comprendono dolore addominale, flatulenza e diarrea. Sono descritti in letteratura anche casi di perdita di peso, anemia, carenza di vitamina D, ipocalcemia e persino osteoporosi come complicazione tardiva. La prima relazione di una possibile associazione tra gli IPP e la piccola crescita eccessiva batterica intestinale (SIBO) è stata pubblicata nel 2008. Recentemente, una meta-analisi riportata sulla relazione statistica tra PPI e SIBO. Inoltre, numerosi rapporti hanno dichiarato che il numero di pazienti con SIBO aumenta dopo gastrectomia totale. Secondo un rapporto, la frequenza dei pazienti con diarrea da Clostridium difficile è aumentata durante la somministrazione di PPI nel 2003. Diversi altri rapporti descrivono un’associazione tra somministrazione di PPI e infezione da C. difficile. Pertanto, in questo momento, è dubbio che la somministrazione di PPI inneschi l’infezione da C. difficile, mentre la frequenza di SIBO è probabilmente aumentata dalla somministrazione di PPI. Presumibilmente, la SIBO è strettamente correlata alla disbiosi. Attualmente, la disbiosi indotta dai PPI è considerata parte di SIBO. 

A causa del blocco della degradazione completa delle proteine per assenza di produzione di acido indotta dal farmaco, i batteri intestinali scindono e fermentano le proteine alimentari, assimilandole per buona parte. Questo è uno dei meccanismi con cui gli IPP inducono la SIBO. Anche il corso della SIBO è completamente asintomatico e ciò non depone a favore dei professionisti sanitari, che possono anche completamente non accorgersi dalla sua comparsa alla sua evoluzione. Questo implica un rischio intrinseco di lasciar passare inosservato un problema che fa potenzialmente da “vaso di Pandora” per tanti altri. Ecco giustificato il razionale del sospendere periodicamente l’assunzione di PPI, senza però sospendere la terapia medica di fondo specie se di una certa importanza (es. farmaci per cardiopatie). In fondo è possibile assumere svariate categorie di farmaci senza l’ausilio di “gastroprotettori” per un certo periodo di tempo. L’assumere la terapia medica dopo i pasti principali, evita la diffusa preoccupazione di essere sprovvisti di “gastroprotettori”. Assumerli, invece, per mesi o addirittura anni senza discontinuarli può costituire un grosso rischio di sviluppare patologie da carenza, assumendo che la sovracrescita batterica depleti molti nutrienti assunti con la regolare alimentazione.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Recensioni scientifiche

Giamarellos-Bourboulis EJ et al. BMC Gastroenterol. 2016; 16(1):67.

Lo WK, Chan WW. Clin Gastroenterol Hepatol. 2013 May; 11(5):483.

Mulak A, Kudyba M, Paradowski L. Gastroenterol Pol. 2012;19:166–70.

Lombardo L et al. Clin Gastroenterol Hepatol. 2010 Jun; 8(6):504-508.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it