sabato, Luglio 13, 2024

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

L’ictus cerebrale ha un nuovo farmaco curativo: LK-2, nato da una collaborazione internazionale

L’ictus è una delle principali cause di morte e...

Inquinamento cittadino e polveri sottili: ruolo nell’asma infantile

Venticinque milioni di americani soffrono di asma, una malattia polmonare cronica che è in aumento dagli anni ’80. Mentre i medici sanno da tempo che lo smog e l’inquinamento possono provocare un attacco d’asma tra bambini e adulti affetti da asma, i ricercatori sono rimasti incerti su quale ruolo potrebbe avere l’esposizione a lungo termine a determinati inquinanti nello sviluppo della malattia nei bambini. Una nuova ricerca condotta dagli scienziati del Beth Israel Deaconess Medical Center (BIDMC) e dalla Harvard School of Public Health, suggerisce che l’esposizione a lungo termine all’inquinamento causato dal traffico aumenta significativamente il rischio di asma pediatrico, soprattutto nella prima infanzia. Le loro scoperte sono state pubblicate nel Journal of Allergy and Clinical Immunology. Ricerche precedenti hanno dimostrato che vivere in prossimità di una strada principale e dell’esposizione per tutta la vita agli inquinanti atmosferici era associato a una ridotta funzionalità polmonare nei bambini di età compresa tra 7 e 10 anni. Gli scienziati sospettavano che queste esposizioni sarebbero state associate anche all’asma pediatrico. Mary B. Rice, MD, MPH e colleghi hanno analizzato i dati di 1.522 bambini dell’area di Boston nati tra il 1999 e il 2002, le cui madri si erano iscritte a uno studio a lungo termine chiamato Project Viva,

Questa iniziativa è stata istituita per esaminare in che modo i fattori comportamentali e ambientali, come il sonno e le abitudini alimentari o l’esposizione all’inquinamento, hanno un impatto sulla salute dei bambini. Come parte del Progetto Viva, le madri hanno fornito informazioni mediche, socio-economiche e demografiche complete, comprese le storie di indirizzi residenziali. Rice e colleghi hanno utilizzato tecnologie di mappatura per determinare la distanza tra l’indirizzo di casa di ogni bambino e la strada principale più vicina. I ricercatori hanno anche collegato gli indirizzi di casa ai dati del censimento e ai dati atmosferici derivati ​​dai satelliti per calcolare l’esposizione quotidiana di ogni partecipante al particolato fine (PM10) – piccole particelle sospese nell’aria che quando si depositano nelle sacche terminali dei polmoni. Le polveri fini provengono dalla combustione di carburante, compresi il traffico, le centrali elettriche e altre fonti di inquinamento. Il team di ricerca ha anche esaminato l’esposizione giornaliera dei bambini alla fuliggine, un componente del PM eccellente noto anche come black carbon. Combustibili fossili completamente bruciati espulsi dai motori (soprattutto diesel) e le centrali elettriche producono carbonio nero, che è un noto cancerogeno e un potente contributo al cambiamento climatico. Nell’area di Boston, la presenza di carbonio nero è legata all’inquinamento legato al traffico, al contrario di altre regioni in cui la fuliggine può provenire da un mix di fonti.

Un’ulteriore analisi dei dati geografici e dei questionari di Project Viva ha rivelato modelli chiari. Il più sorprendente è che vivere vicino a una strada principale era legato all’asma infantile in tutte le età esaminate. I bambini che vivono a meno di 100 metri da una strada principale avevano quasi tre volte le probabilità di asma attuale, bambini che manifestano sintomi di asma o usano farmaci per l’asma ogni giorno, da 7 a 10 anni, rispetto ai bambini che vivono a più di 400 metri da un strada principale. Anche nell’area di Boston, dove i livelli di inquinamento sono relativamente bassi e all’interno degli standard della Environmental Protection Agency, gli agenti inquinanti legati al traffico sembrano aumentare il rischio di asma durante l’infanzia. L’esposizione per tutta la vita alla fuliggine e al PM10 era anche legata all’asma nella prima infanzia (dai 3 ai 5 anni), ma nella prima infanzia (dai 7 ai 10 anni), questi inquinanti erano associati all’asma solo tra le ragazze. I bambini più piccoli trascorrono una percentuale maggiore del loro tempo a casa rispetto ai bambini in età scolare, e le loro vie aeree sono più piccole e possono essere più propense a rantolare in risposta all’inquinamento. Questo potrebbe spiegare perché l’esposizione all’inquinamento è stata più strettamente correlata all’asma nei bambini piccoli.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Krishnan S, Panacherry S. Indian J Pediatr. 2018 May 30.

Habre R et al., Gilliland F. Environ Int. 2018 May; 118:48-59.

Li R, Zhou R, Zhang J. Oncol Lett. 2018 May; 15(5):7506-14.

Liu Y et al. Chin Med J (Engl). 2018 May 5; 131(9):1030-1033.

Latest

Newsletter

Don't miss

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

Co-STAR lymhocytes: the newly engineered weapon to find mutation-dependent cancer cells

T cell-based therapies are among the most promising approaches...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

La diffusione di Omicron dipende dall’evasione immunitaria o dalla maggiore trasmissibilità?

La capacità della Omicron di eludere l’immunità indotta dai vaccini è diventata fonte di preoccupazione in tutto il mondo. La variante Omicron è stata...

Sfruttare il metabolismo dei grassi per curare la sclerosi multipla: si studia la soluzione fingolimod + bezafibrato

La degenerazione della mielina, la guaina isolante necessaria per una rapida comunicazione tra le cellule nervose, e la neuro-infiammazione sono segni distintivi notevoli della...

Vitamina D e FANS: insieme contro il tumore mammario

Molti progressi nel trattamento del carcinoma mammario sono stati fatti negli ultimi dieci anni. Molti approcci biologici hanno portato a un trattamento mirato e...

Questo si chiuderà in 20 secondi