Respiro, calma e concentrazione: per una ideale salute mentale

Respiro, calma e concentrazione: per una ideale salute mentale

Ultimamente, sempre più studi hanno confermato che lo yoga e la mindfulness avvantaggiano il cervello tanto quanto il corpo. Solo 25 minuti di yoga o consapevolezza hanno dimostrato di migliorare la funzione cerebrale e di aumentare i livelli di energia, per esempio. Lo yoga può renderti più resistente allo stress, e alcuni studi hanno persino trovato la spiegazione molecolare per questo; praticare lo yoga o la consapevolezza può ridurre i cambiamenti genetici che portano allo stress. Come un meraviglioso vantaggio, oltre a tutti i benefici di cui sopra, la meditazione può anche essere la soluzione al declino cognitivo legato all’età. Uno studio recente ha suggerito che la pratica può mantenere il nostro cervello sano e giovanile a lungo termine – ma i risultati sono stati solo osservativi, quindi lo studio non ha potuto spiegare la causalità. Tuttavia, nuove ricerche potrebbero aiutarci a capire il “perché” e il “come”. Alcune reazioni neurofisiologiche che si verificano a seguito di pratiche di meditazione centrate sulla respirazione vengono portate alla luce nel nuovo studio, guidato da Michael Melnychuk, un ricercatore presso il Trinity College Institute of Neuroscience di Dublino, in Irlanda.

Nel documento, ora pubblicato sulla rivista Psychophysiology, Melnychuk ei suoi colleghi mostrano come la respirazione controllata influenzi i livelli di noradrenalina, un ormone dello stress che può far battere i nostri cuori più velocemente e le nostre pupille dilatarsi quando siamo eccitati. Nella giusta misura, spiegano i ricercatori, la noradrenalina crea nuove connessioni tra le cellule cerebrali e lo studio si concentra su come i livelli di questo neurotrasmettitore sono cambiati in un’area del cervello chiamata locus coeruleus. Questo è il sito di produzione della noradrenalina e una regione nota per essere coinvolta sia nell’attenzione che nella respirazione. La noradrenalina è un sistema di azione per tutti gli usi nel cervello. Quando siamo stressati produciamo troppa noradrenalina e non possiamo concentrarci; quando ci sentiamo pigri, produciamo troppo poco e di nuovo, non possiamo concentrarci. C’è un punto dolce della noradrenalina in cui le nostre emozioni, il pensiero e la memoria sono molto più chiari.

Per esaminare l’effetto della respirazione sull’attenzione, il locus coeruleus del cervello e la noradrenalina, i ricercatori hanno usato tecniche di neuroimaging e hanno misurato la dilatazione della pupilla dei partecipanti mentre eseguivano attività cognitive che richiedevano una grande concentrazione. I ricercatori hanno monitorato e calcolato la respirazione, i tempi di reazione e l’attività dei partecipanti nell’area del cervello del locus coeruleus. Melnychuk e il suo team hanno scoperto che i partecipanti allo studio che si sono concentrati meglio su questi compiti avevano un migliore accoppiamento tra i modelli di respirazione e l’attenzione. Inoltre, l’attività nel locus coeruleus aumentava quando i partecipanti respiravano e diminuivano mentre espiravano. Ciò significa che la nostra attenzione è influenzata dal nostro respiro e che sale e scende con il ciclo della respirazione. È possibile che concentrando e regolando la nostra respirazione, possiamo ottimizzare il nostro livello di attenzione e allo stesso modo, concentrandoti sul tuo livello di attenzione, la tua respirazione diventa più sincronizzata.

I ricercatori spiegano che i loro risultati aiutano a spiegare perché i meditatori che praticano pratiche incentrate sulla respirazione riportano una maggiore concentrazione e un cervello più sano. Il ricercatore senior Ian Robertson, co-direttore del Global Brain Health Institute di Trinity, afferma: “Gli yogis e i praticanti buddisti hanno a lungo considerato il respiro un oggetto particolarmente adatto per la meditazione: si ritiene che osservando il respiro e regolandolo in modo preciso modi – una pratica conosciuta come pranayama – si realizzano cambiamenti nell’eccitazione, nell’attenzione e nel controllo emotivo che possono essere di grande beneficio per il meditatore. La nostra ricerca trova che ci sono prove a supporto dell’opinione che esiste una forte connessione tra il respiro centrato su pratiche specifiche e stabilità mentale. Il cervello generalmente perde massa mentre invecchia, ma meno nel cervello dei meditatori a lungo termine: più cervelli “giovani” hanno un rischio ridotto di demenza e le tecniche di meditazione consapevole rafforzano effettivamente le reti cerebrali”.

I risultati possono essere utili per trattare le persone con disturbo da deficit di attenzione, ma anche per gli anziani sani che desiderano mantenere la mente agile fino alla vecchiaia.

A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Melnychuk MC et al. Psychophysiology. 2018 Apr 22:e13091.

Cotton V, Low LA et al. Psychosomatic Med. 2018 Apr 3.

Justice C, Cheung C et al. Int J Yoga Therap. 2018 Jan 19.

Mole TB, Galante J et al. Front Hum Neurosci. 2017; 11:613.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1071 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it