HomeBIOMEDICINA & SALUTEIntegratori: non proteggerebbero il cuore, con un'eccezione

Integratori: non proteggerebbero il cuore, con un’eccezione

Il National Institute of Health (NIH) stima che un terzo dell’intera popolazione degli Stati Uniti stia assumendo qualche forma di integratore. Gli integratori hanno lo scopo di aumentare il nostro apporto nutrizionale quando il cibo da solo non è sufficiente a fornire la dose giornaliera raccomandata. Tuttavia, alcuni sostengono che i supplementi possono prevenire malattie croniche come il cancro o le malattie cardiovascolari. Le vitamine A, E e C, ad esempio, sono state suggerite per tenere a bada il cancro, mentre alcuni studi hanno proposto che l’acido folico, la vitamina E e la vitamina D possano essere utili per prevenire le malattie cardiovascolari. Per alcuni tipi di cancro, infatti, le vitamine A e C sono dotate di azioni preventive (chemioprevenzione). Tuttavia, le prove scientifiche disponibili per altre vitamine sono in conflitto.

Il messaggio ufficiale che le autorità governative e le organizzazioni no profit hanno esposto al pubblico è che, anche se i supplementi possono aiutare, l’alimentazione dovrebbe sempre venire prima. I motivi principali per questo sono che il cibo contiene fibre e diversi composti bioattivi che non possono essere trovati in un integratore e che l’evidenza per i benefici protettivi del cuore degli integratori è insufficiente. Così, i ricercatori guidati dal Dr. David Jenkins – professore e presidente della ricerca canadese in Nutrizione e Metabolismo all’Università di Toronto – si sono proposti di esaminare gli studi esistenti nel tentativo di determinare se i supplementi vitaminici e minerali, in realtà, proteggono il cuore. Le loro scoperte sono pubblicate sul Journal of the American College of Cardiology.

Nel 2014, la Task Force dei Servizi Preventivi degli Stati Uniti ha rilasciato una dichiarazione che riportava che attualmente non ci sono prove sufficienti per determinare se l’assunzione di un multivitaminico può aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari o i tumori. Per la nuova ricerca, il dott. Jenkins e il suo team hanno condotto una revisione sistematica e una meta-analisi di 179 studi randomizzati controllati pubblicati tra gennaio 2012 e ottobre 2017, sia prima che dopo che la Task Force dei servizi preventivi degli Stati Uniti ha pubblicato le loro linee guida. I ricercatori hanno utilizzato studi dai database Cochrane Library, MEDLINE e PubMed. La revisione ha rivelato che i quattro integratori più popolari, vitamina D, calcio, vitamina C e multivitaminici, non hanno benefici cardioprotettivi. I revisori non hanno trovato prove coerenti che suggeriscano che questi integratori prevengano le malattie cardiache, l’infarto, l’ictus o che gli integratori siano correlati ad una vita più lunga.

Un’eccezione significativa, tuttavia, è il ruolo dell’acido folico nella prevenzione dell’ictus. Uno studio randomizzato controllato chiamato China Stroke Primary Prevention Trial (CSPPT) ha mostrato una significativa riduzione del rischio di ictus per coloro che assumevano acido folico. Nel complesso, ha rivelato che l’assunzione di acido folico da sola può ridurre il rischio di ictus del 22%. Inoltre, le persone con ipertensione arteriosa che assumevano acido folico oltre al solito farmaco ipertensivo avevano un rischio di ictus inferiore del 73%. La somministrazione di acido folico e la riduzione delle patologie cardiovascolari, osservati nello studio CSPPT, forniscono l’unico esempio di riduzione del rischio di malattie cardiovascolari mediante l’uso di integratori. E’ probabile che l’effetto di questa vitamina sia influenzare i livelli sanguigni di omocisteina, un fattore di rischio di trombosi Se questi dati siano sufficienti per cambiare la pratica clinica in aree del mondo in cui è già presente una fortificazione alimentare con acido folico, è ancora argomento di studio discussione.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Jenkins DJA et al. J Am Coll Cardiol. 2018 Jun 5; 71(22):2570. 

Ayers J, Cook J et al. Curr Atheroscler Rep. 2018 May 16; 20(6):29.

Roke K, Rattner J et al. Can J Diet Pract Res. 2018 Mar 16:1-7.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI