Home RICERCA & SALUTE Morbo di Crohn: arriva il farmaco rivoluzionario che agisce sul "dialogo cellulare"

Morbo di Crohn: arriva il farmaco rivoluzionario che agisce sul “dialogo cellulare”

Malattia infiammatoria intestinale (IBD) si riferisce a un gruppo di malattie intrattabili che portano a ripetute infiammazioni nella mucosa dell’intestino tenue, derivanti da una causa non identificabile. Secondo un’indagine del Japan Infective Diseases Information Center nel 2013, l’IBD ha avuto la maggiore incidenza tra i giovani e, tra le IBD, è stato riportato che il numero di pazienti con colite ulcerosa e morbo di Crohn era rispettivamente di 166.060 e 39.800. Attualmente, oltre ad osservare l’infiltrazione di vari leucociti nei siti infiammati, la proteina ITGA4 è fortemente espressa, e pertanto il trattamento consiste nella terapia per aferesi dei leucociti o nel trattamento con anticorpi monoclonali indirizzati all’ITGA4. Tuttavia, con il numero di pazienti con IBD che aumentano di anno in anno, è altamente atteso lo sviluppo di un trattamento a piccole molecole che faciliti il ​​rispetto del trattamento e abbia un’efficacia superiore.

Eisai e EA Pharma sono già impegnati nello sviluppo della piccola molecola E6007, come un nuovo trattamento IBD con un meccanismo d’azione per inibire l’attività di integrina. Utilizzando un analogo di questa (ER-464195-01), il gruppo di ricerca congiunto ha utilizzato una tecnologia di biomarker sviluppata dall’Università di Tsukuba che visualizza l’interazione proteina-proteina nel tentativo di rivelare il meccanismo che permette effetti anti-infiammatori. La CRT, uno chaperone molecolare, si lega all’integrina delle subunità e promuove l’adesione cellulare. Utilizzando un biomarker per studiare l’interazione di CRT e ITGA4 nella struttura del colon di pazienti con UC, il team ha scoperto che l’interazione nei siti infiammati aumenta significativamente rispetto alle aree sane. Dato che la dissociazione dell’interazione CRT e ITGA4 poteva sopprimere l’attivazione dei globuli bianchi, è stato condotto uno screening (HTS) sulla libreria dei composti della Eisai.

Di conseguenza, ER-464195-01 è stato identificato come una piccola molecola che sopprime l’adesione dei leucociti legandosi al CRT e inibendo l’interazione CRT-ITGA4. Quando i topi hanno ricevuto per via orale ER-464195-01 come trattamento profilattico, oltre ad esibire notevoli effetti anti-infiammatori nella colite da destrano solfato (DSS), da un’analisi completa dell’espressione genica si è scoperto che le citochine infiammatorie e espressione dei fattori della loro sintesi (NF-kB) sono state significativamente soppresse. Inoltre, quando ER-464195-01 è stato somministrato terapeuticamente ai topi con colite DSS-indotta, la lesione della barriera mucosa e l’infiltrazione delle cellule infiammatore siano notevolmente migliorate. ER-464195-01, che possiede questo meccanismo d’azione rivelato attraverso questa ricerca congiunta, è un analogo di E6007 ed ha un meccanismo d’azione innovativo.

Pertanto, la scoperta dovrebbe fornire un nuovo metodo di trattamento per i pazienti con IBD.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lord JD et al. Clin Immunol. 2018 May 26; 193:24-32. 

Lamb CA, O’Byrne S et al. J Crohns Colitis. 2018 May 15. 

Park SC, Jeen YT. World J Gastroenter. 2018; 24(17):1868-80.

Christensen B et al. Aliment Pharm Ther. 2018; 47(6):753-762. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI