Estrogeni: per le mestruazioni servono anche quelli dal cervello

Estrogeni: per le mestruazioni servono anche quelli dal cervello

L’estrogeno prodotto nel cervello è necessario per l’ovulazione nelle scimmie, secondo i ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison che hanno ribaltato la comprensione tradizionale della cascata ormonale che porta al rilascio di un ovulo dalle ovaie. Le loro scoperte, pubblicate sulla rivista Atti della National Academy of Science (P.N.A.S. USA), potrebbero rivelare la causa di alcuni problemi di infertilità non diagnosticati e indicare la via a nuovi metodi di controllo delle nascite. Per decenni, gli scienziati hanno saputo che un gruppo di neuroni in una parte del cervello chiamata ipotalamo e cellule nella ghiandola pituitaria controllano il ciclo mestruale. Il cervello stimola l’ipofisi a produrre ormoni che, all’inizio del ciclo mestruale, stimolano le ovaie a produrre estrogeni – prevalentemente un tipo di estrogeno chiamato estradiolo. Questo ormone cresce nel flusso sanguigno, fino a raggiungere concentrazioni che innescano un aumento degli ormoni ipotalamici e ipofisari, tra cui uno chiamato ormone luteinizzante (LH), che a sua volta attiva l’ovaia per rilasciare un uovo.

Ei Terasawa, professore di pediatria presso la UW-Madison School of Medicine and Public Health e senior scientist presso il Wisconsin National Primate Research Center, spiega: “È un circuito di feedback, e gli scienziati hanno pensato per un po ‘che tutto fosse a che fare con gli estrogeni dalle ovaie. Poi, nel 2013, abbiamo scoperto che l’ipotalamo rilasciava l’estradiolo come le ovaie e ne siamo rimasti molto sorpresi, sapevamo che doveva essere importante”. Ora, gli scienziati hanno capito quanto sia importante studiare il cervello dei macachi rhesus che hanno avuto le loro ovaie rimosse. Hanno così impiantato capsule sotto la pelle delle scimmie che hanno rilasciato l’estradiolo, ingannando il loro cervello pensando che ci fossero ovaie al lavoro per prepararsi all’ovulazione. Allo stesso tempo, gli scienziati hanno impedito agli animali di produrre i propri estrogeni inibendo farmacologicamente l’enzima aromatasi, che sintetizza estradiolo.

Senza l’aiuto dell’estradiolo prodotto dalle scimmie, è iniziato il rilascio crescente di LH, ma non è stato raggiunto l’aumento totale richiesto per stimolare l’ovulazione di circa il 70% rispetto agli animali la cui produzione di estrogeni non è stata soppressa. Per capire dove l’estrogeno stava facendo il suo lavoro, i ricercatori hanno ripetuto il processo, ma bloccato la produzione di estradiolo specificamente nell’ipotalamo nelle scimmie. Hanno osservato l’emergere di ormoni ipotalamici – chiamati LHRH e kisspeptin – che indicavano che i principali neuroni stavano aumentando per stimolare l’aumento di LH. In questo caso, i rilasci di tutti e tre gli ormoni di segnalazione dell’ovulazione sono stati ridotti, indicando che il cervello era dove avvenivano gli effetti dell’estradiolo. In breve, l’estradiolo ovarico inizia l’ondata, ma gli estrogeni cerebrali consentono all’impulso di continuare. Questo dimostra che l’estrogeno del cervello è un enorme aiuto, necessario per il rilascio di un uovo rende possibile la gravidanza.

Una nuova immagine della progressione ormonale all’ovulazione potrebbe modificare il concetto del ciclo di feedback ormonali ed, eventualmente, avere applicazioni cliniche.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Kenealy BP et al. ProcNatl Acad Sci U S A. 2017 Dec 26; 114(52):13804-09.

Kenealy BP et al., Terasawa E. Endocrinology. 2016 Jan; 157(1):70-76.

Kenealy BP et al., Terasawa E. J Neurosci. 2013 Dec 4; 33(49):19051-59.

Terasawa E, Kenealy BP. Front Neuroendocrinol. 2012 Oct; 33(4):364-75.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1111 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it