HomePSICHE & SALUTEAntipsicotici nell'infanzia: cosa potrebbero far spuntare in futuro?

Antipsicotici nell’infanzia: cosa potrebbero far spuntare in futuro?

La prevalenza dell’obesità infantile è più che triplicata dal 1971 al 2011 ed è ora in proporzioni epidemiche, contribuendo all’aumento dei tassi di diabete di tipo 2 nei giovani. Un nuovo studio è il primo a dimostrare che anche il trattamento a breve termine con farmaci antipsicotici comunemente prescritti off-label per trattare i disturbi non psicotici associati a comportamenti dirompenti, come il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), nei giovani può aumentare il grasso corporeo e diminuire il la sensibilità del corpo all’insulina, due primi passi nello sviluppo del rischio di diabete. Ricercatori della Florida Atlantic University e della Washington University di St. Louis, hanno condotto uno studio clinico prospettico randomizzato di bambini dai 6 ai 18 anni, per testare l’ipotesi che il trattamento antipsicotico aumenti negativamente il grasso corporeo e diminuisca la sensibilità all’insulina – fasi importanti nello sviluppo del diabete tipo 2. Mentre è noto che il trattamento antipsicotico aumenta il rischio di diabete, il meccanismo alla base di questo rischio non è chiaro, poiché la maggior parte degli studi precedenti non misurava direttamente i fattori chiave come i cambiamenti nel grasso corporeo e la sensibilità all’insulina.

Inoltre, studi precedenti sono stati condotti quasi sempre negli adulti con anni di precedente esposizione antipsicotica, rendendo difficile attribuire le modifiche osservate solo ai farmaci oggetto dello studio e lasciando domande senza risposta sugli effetti del trattamento nei bambini. Lo studio, pubblicato su JAMA Psychiatry, è il primo a utilizzare metodi standard gold per misurare direttamente i cambiamenti nel corpo intero e nel grasso addominale e la sensibilità all’insulina nei bambini che assumono antipsicotici per la prima volta, fornendo ai ricercatori una “lavagna pulita” “su cui misurare gli effetti dei farmaci studiati. “Negli ultimi due decenni, gli Stati Uniti hanno visto un aumento drammatico nell’uso di farmaci antipsicotici nei bambini. E non a causa di un’epidemia di schizofrenia infantile o di altre condizioni in cui gli antipsicotici possono salvare la vita. E’ un fenomeno nazionale in cui i bambini che hanno disturbi non psicotici con comportamenti dirompenti sono sempre più trattati con farmaci antipsicotici”, ha detto John W. Newcomer, MD, ricercatore principale, psichiatra e professore di Scienze Mediche Integrate. “C’era sicuramente motivo di preoccuparsi dei rischi metabolici dell’uso di farmaci antipsicotici nei bambini, e questo ci ha spinto a fare questo studio”.

I ricercatori hanno arruolato 144 bambini con diagnosi di uno o più disturbi psichiatrici con aggressività clinicamente significativa che erano già stati presi in considerazione per il trattamento con farmaci antipsicotici. I partecipanti allo studio sono stati randomizzati a 12 settimane di trattamento con uno dei tre antipsicotici: aripiprazolo, olanzapina o risperidone. Lo studio e la relativa analisi dei dati si sono svolti tra il 2006 e il 2017. I risultati dello studio hanno rilevato che mentre un farmaco in particolare – olanzapina – ha prodotto i maggiori incrementi di grasso corporeo, anche il grasso corporeo è aumentato significativamente con tutti i farmaci antipsicotici testati. Sono stati osservati aumenti non solo con il grasso corporeo totale, ma anche con grasso addominale viscerale e sottocutaneo, dove gli aumenti sono stati precedentemente associati al rischio a lungo termine per malattie cardiovascolari, ipertensione e diabete di tipo 2. Mentre i farmaci antipsicotici sono trattamenti di prima linea per condizioni come la schizofrenia infantile, il disturbo bipolare e l’autismo, è imperativo per gli psichiatri trattare i bambini per valutare attentamente le considerazioni sul rapporto rischio-beneficio. I ricercatori hanno misurato il grasso corporeo intero usando DEXA (assorbimetria a raggi X a doppia energia), con grasso addominale misurato mediante risonanza magnetica. La sensibilità del corpo all’insulina è stata misurata nel muscolo, tessuto adiposo e tessuto epatico utilizzando una procedura chiamata ODILE.

Queste misure non sono mai state utilizzate insieme come risultati primari in tutti gli studi pubblicati sul trattamento antipsicotico prospettico randomizzato nei giovani. Il team si aspetta che i risultati di questo studio possano essere un “campanello d’allarme” per gli psichiatri e altri medici che anche il trattamento antipsicotico a breve termine può iniziare a modificare negativamente importanti fattori di rischio di malattia. “È una sfida per i medici perché sappiamo che i farmaci antipsicotici possono produrre rapidi miglioramenti nei sintomi comportamentali dirompenti nei bambini, ma non senza gravi conseguenze per la salute“, ha detto Newcomer, “pertanto crediamo sia giunto il momento di frenare davvero il comune uso di prima linea di questi farmaci nei bambini con disturbi comportamentali non psicotici, per attuare un uso più coerente in prima linea delle opzioni di trattamento comportamentale disponibili ed efficaci. E se trattiamo i bambini con antipsicotici, dobbiamo essere diligenti nel monitorare il peso corporeo e marcatori del sangue (glicemia, colesterolo e trigliceridi) e quindi essere pronti a cambiare rotta, se vediamo effetti collaterali del farmaco che potrebbero aumentare il rischio a lungo termine per il diabete e altre condizioni”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Nicol GE et al., Newcomer JW. JAMA Psychiatry 2018 Jun 13.

Krause M.et al. Eur Neuropsychopharmacol. 2018 May 22.

Lee H et al. Eur Child Adolesc Psychiatry. 2018 Feb 19. 

Ulcickas Yood M et al. BMC Psychiatry. 2011; 11:197. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI