HomeBIOMEDICINA & SALUTEFibrosi cistica: arriva la terapia genica semplificata efficace

Fibrosi cistica: arriva la terapia genica semplificata efficace

La fibrosi cistica è una malattia genetica progressiva che provoca un’infezione polmonare persistente e affligge 30.000 persone negli Stati Uniti, con circa 1.000 nuovi casi diagnosticati ogni anno. Più di tre quarti dei pazienti sono diagnosticati all’età di 2 anni e nonostante i costanti progressi nell’alleviare le complicanze, l’aspettativa di vita mediana dei pazienti con FC è ancora di soli 40 anni. Un gene difettoso – il regolatore CFTR di conduttanza transmembrana – provoca la malattia, che è caratterizzata da disidratazione polmonare e accumulo di muco che blocca le vie respiratorie. Ad oggi sono state trovate più di 300 diverse mutazioni che conferiscono la malattia, il che significa molta variabilità da paziente a paziente nel modo in cui la malattia progredisce. Il trattamento per “salvare” la proteina mutante prodotta dal gene cattivo è disponibile per alcuni pazienti, sebbene quasi un paziente su cinque interrompa la terapia a causa dell’elevato costo e degli effetti collaterali. Inoltre, circa il 30% dei pazienti ha una mutazione del gene senza opzione di trattamento di salvataggio di proteine, e le preoccupazioni di tossicità limitano la terapia di salvataggio delle proteine ​​a pazienti di età superiore ai 6 anni.

Scienziati e clinici di OSU e OHSU hanno dimostrato la prova di concetto per un mezzo di terapia molto migliore: caricare l’RNA messaggero CFTR modificato chimicamente in nanoparticelle a base di lipidi, (liposomi) creando una medicina molecolare che potrebbe essere semplicemente inalata a casa. Piuttosto che cercare di riparare la proteina mutante esistente dei pazienti dietro la secchezza delle mucose e dei polmoni, l’approccio delle nanoparticelle caricato con RNA messaggero (mRNA) induce le cellule a produrre la proteina corretta – che consente alle cellule di regolare correttamente il trasporto di cloro e acqua, che è fondamentale per la salute funzione respiratoria. Altri tipi di trattamenti dovevano essere specifici per il paziente a causa di tutte le diverse mutazioni, ma questa terapia funziona indipendentemente dal genotipo del paziente. L’autore corrispondente Gaurav Sahay, assistente professore di Scienze farmaceutiche, ha commentato: “È una tecnologia di piattaforma per correggere i disturbi monogenici e consente alla stessa terapia di essere efficace per questi pazienti; questi sistemi, inoltre, possono essere ripetutamente somministrati a un paziente e gli effetti sono reversibili se qualcuno ha bisogno di interrompere la terapia per qualsiasi motivo”.

Sahay e colleghi ricercatori tra cui Kelvin MacDonald, un medico OHSU che cura i pazienti con fibrosi cistica, hanno testato con successo le nanoparticelle caricate con mRNA in coltura con cellule epiteliali bronchiali derivate dal paziente e anche in topi che avevano eliminato il loro gene CFTR. Gli scienziati hanno fatto un trattamento unico per tutti. Aggiungendo il gene che rende la proteina in grado di reidratare le vie respiratorie, è stato possibile regolare il dosaggio man mano che la malattia migliora. Robinson nota che un grosso problema con la terapia della fibrosi cistica esistente è la compliance del paziente e spiega: “Se hai un bambino che devi portare in ospedale sei ore alla settimana in tre giorni diversi, questo potrebbe diventare logisticamente difficile e potresti non sempre essere in grado di farlo accadere”, ha detto. “E spesso i farmaci li rendono abbastanza malati; ci auguriamo che dosi ripetute di nanoparticelle abbiano meno effetti secondari e lascino che i pazienti restino a casa, probabilmente aumentando la loro adesione alla terapia“.

Per la loro rilevanza clinica, i risultati sono stati pubblicati sulla rivista Molecular Therapeutics di questo mese. 

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Robinson E et al., Sahay G. Mol Ther 2018; Jun 14.

Fernández E et al. Materials (Basel). 2018 Jan; 11(1).

Brockman SM et al. PLoS One. 2017; 12(9):e0184793.

McNeer NA et al. Nat Commun. 2015 Apr 27; 6:6952.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI