Fitness e depressione: l’importanza dell’esercizio nell’anti-aging

Fitness e depression
Husband and wife playing hula hoop in the park

L’esercizio fisico può essere altrettanto cruciale per la buona salute di un paziente in depressione quanto la ricerca di un antidepressivo efficace. Un nuovo studio su circa 18.000 partecipanti ha scoperto che coloro che avevano una buona forma fisica a mezza età avevano una probabilità significativamente minore di morire di malattie cardiache in età avanzata, anche se a loro era stata diagnosticata una depressione. La ricerca – una collaborazione tra UT Southwestern e The Cooper Institute – sottolinea i molteplici modi in cui la depressione potrebbe avere un impatto sulla salute e sulla mortalità. Sottolinea anche l’importanza di superare un dilemma comune tra i pazienti: come affrontare la disperazione e trovare ancora la motivazione per esercitare? “Mantenere una buona dose di esercizio fisico è difficile, ma può essere fatto. Richiede solo uno sforzo maggiore e affronta barriere uniche per un regolare esercizio fisico”, afferma il dott. Madhukar Trivedi, co-autore dello studio e direttore del Centro per la ricerca sulla depressione e Clinical Care, parte del Peter O’Donnell Jr. Brain Institute di UT Southwestern. Il dott. Madhukar Trivedi raccomanda ai pazienti di prendere diverse misure per aumentare le loro possibilità di successo:

  • Metti da parte un momento coerente per esercitare tutti i giorni, ma non scoraggiarti da distese di inattività. Riprendi attività il più presto possibile.

  • tieni un registro per tenere traccia dei progressi.

  • varia gli esercizi per evitare la monotonia. Mantieni l’allenamento interessante e divertente.

  • esercitati con un amico

  • incarica qualcuno con la responsabilità di mantenere il regime di esercizio.

Lo studio, pubblicato sul Journal of the American Medical Association Psychiatry, utilizzava un database di Cooper Institute di partecipanti che avevano misurato l’idoneità cardiorespiratoria ad un’età media di 50 anni. I ricercatori hanno utilizzato i dati amministrativi di Medicare per stabilire correlazioni tra l’idoneità dei partecipanti alla mezza età a tassi di depressione e malattie cardiache in età avanzata. Tra i risultati, i partecipanti con alta idoneità erano il 56% in meno di probabilità di morire a causa di una cardiopatia dopo una diagnosi di depressione. La depressione è stata collegata a diverse altre condizioni mediche croniche come il diabete, l’obesità e la malattia renale cronica, che gli studi dimostrano possono influenzare la probabilità che gli antidepressivi possano aiutare. Per i pazienti con queste condizioni, il trattamento più appropriato può essere l’esercizio. Le ragioni alla base di ciò possono in parte essere collegate agli effetti generali sulla salute dell’attività fisica, incluso il fatto che l’esercizio diminuisce l’infiammazione che può causare depressione. Riducendo l’infiammazione, il rischio di depressione e malattie cardiache si riduce.

“Questa è l’età in cui normalmente vediamo l’attività fisica abbandonare perché non sono coinvolti in attività scolastiche e sportive. Più prima si mantiene la forma fisica, maggiori possibilità di prevenire la depressione, che a lungo termine contribuirà ad abbassare il rischio di cardiopatie: non c’è bisogno di iniziare un farmaco se non è necessario”, dice il Dr. Trivedi, che sta conducendo uno sforzo nazionale per stabilire test biologici per la scelta di antidepressivi. “Essere attivi e ottenere la psicoterapia sono talvolta la migliore prescrizione, specialmente nei pazienti più giovani che non soffrono di depressione grave”. Ricerche precedenti hanno mostrato che i pazienti depressi possono spesso eseguire circa i tre quarti dell’esercizio a cui viene chiesto di fare. Il Dr. Trivedi ha organizzato ampi studi per consolidare ulteriormente la causa e l’effetto tra fitness, depressione e malattie cardiache. Un esempio è RAD, Resilience in Adolescent Development, uno studio di 10 anni che arruolerà 1.500 partecipanti che sono a rischio di sviluppare depressione ma non lo hanno fatto.

Lo scopo principale dello studio è quello di esaminare se fattori personali, come lo stile di vita e la biologia, influenzano la capacità di un adolescente di resistere ai disturbi dell’umore. Ma i ricercatori documenteranno anche i livelli di fitness e verificheranno se la depressione e la cardiopatia spunteranno negli anni successivi. “Queste nuove intuizioni dimostrano l’importanza continua del fitness per tutta la vita; ora sappiamo che i benefici a lungo termine e la connessione tra il benessere del corpo e la mente sono più importanti di quanto si pensasse prima. Questo nuovo studio metterà in luce il ruolo del fitness e attività fisica negli sforzi di prevenzione precoce da parte dei medici nella promozione dell’invecchiamento in buona salute. Ci sono prove sufficienti per dimostrare che l’effetto della bassa forma fisica sulla depressione e le malattie cardiache è reale”, dice il Dr. Trivedi. “ma sono necessari ulteriori studi per stabilire il meccanismo con cui questo effetto accade.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Willis BL et al., Trivedi MH. JAMA Psychiatry. 2018 Jun 27.

Rethorst CD et al. Depress Anxiety. 2017 Dec; 34(12):1116-22. 

Stoutenberg M et al. J Subst Abuse Treat. 2017 Jul; 78:74-79. 

Rethorst CD et al. Psychol Med. 2017 Oct; 47(14):2414-2420.

Dishman RK, Sui X et al. Am J Prev Med. 2012 Oct; 43(4):361-8.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 701 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.