Ossitocina: oltre l’appartenenza anche la cooperazione

 1
Work of the bees in hive

I ricercatori Jennifer McClung, Zegni Triki e colleghi dell’Università di Neuchâtel in Svizzera si sono interrogati sulla nostra capacità unica di cooperare con altre persone e di ritirare la cooperazione. Ma come, e perché, a volte scegliamo di essere giocatori di squadra, mentre altre volte preferiamo correre il rischio e andare in solitaria? Molti fattori complessi probabilmente interagiscono per modificare il nostro comportamento, ma i ricercatori hanno deciso di concentrarsi su uno: i nostri livelli di ossitocina naturale. L’ossitocina è un ormone chiave e un neurotrasmettitore. In un nuovo studio – i cui risultati sono ora pubblicati sulla rivista Proceedings of the Royal Society B – McClung e il team hanno osservato come l’ossitocina può influenzare la nostra decisione sull’opportunità o meno di cooperare, così come le conversazioni che abbiamo con le persone che abbiamo percepire come “compagni di squadra”.

Per la prima volta il team ha analizzato il coinvolgimento naturale di questo ormone nella cooperazione spontanea e nella conversazione tra le persone. McClung e i suoi colleghi hanno organizzato un esperimento di “caccia alle uova”, che avrebbe permesso loro di osservare quando i partecipanti hanno deciso di cooperare o di ritirare la cooperazione, e che tipo di conversazioni avevano tra loro in circostanze di cooperazione. Nel gioco, i partecipanti accoppiati sono stati incaricati di cercare uova contenenti viti di colore rosso e blu. Ad ogni giocatore in ogni coppia è stata offerta come ricompensa: un franco svizzero per tutte le viti rosse raccolte, o un franco svizzero per tutte le viti blu. Quindi, i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a uno dei due gruppi – “mela” o “arancia” – il che significava che i membri di alcune coppie erano finiti nello stesso gruppo, mentre altri sarebbero appartenuti a gruppi diversi.

Ma quando si è trattato di una conversazione tra partner, i ricercatori hanno capito che i giocatori con alti livelli di ossitocina parlavano meno degli obiettivi individuali con i loro partner se appartenevano allo stesso gruppo. In questi casi, la discussione ruotava più attorno all’obiettivo dell’altro – incluse le istruzioni come “si raccolgono le viti rosse” – ma senza offrire assistenza o unirsi a quell’inseguimento. Per quanto riguarda coloro che appartenevano a gruppi diversi, anche se avevano livelli più elevati di ossitocina, discutevano ancora di più sugli obiettivi individuali. Presi insieme, spiegano gli scienziati, questi risultati potrebbero suggerire che l’ossitocina aiuta a rafforzare i segnali sociali in modo da supportare comportamenti socialmente appropriati. In altre parole, può aiutare a mantenere la cooperazione tra individui con la stessa affiliazione. Questa strategia potrebbe potenzialmente creare un senso di fedeltà tra i partecipanti assegnati allo stesso gruppo.

Durante la caccia, a ciascun giocatore era permesso scegliere se collaborare o meno con il proprio partner e aiutarli a trovare le viti di cui avevano bisogno, o se andare da soli e raccogliere solo le viti colorate che loro stessi cercavano. Per valutare come l’ossitocina influenzi il comportamento cooperativo di una persona, i ricercatori hanno misurato i livelli naturali dell’ormone nei campioni della saliva di ciascun partecipante. Gli scienziati hanno scoperto che le persone con livelli più elevati di ossitocina avevano maggiori probabilità di collaborare spontaneamente, ma c’è un problema: questa maggiore cooperazione era solo più probabile tra le persone che erano state assegnate allo stesso gruppo. Gli stessi alti livelli di ossitocina non hanno alcun effetto su due persone affiliate a gruppi diversi (una “mela”, l’altra “arancia” per esempio). Anche se hanno un alto livello di ossitocina, le persone di diversi gruppi cacciano da soli piuttosto che condividere gli obiettivi degli altri e aiutarsi a vicenda.

Quindi l’ossitocina, lo stesso ormone che controlla istinto paterno, maternità, fedeltà e socializzazione sembra possedere altre doti conferitegli dall’evoluzione.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Wu N, Su Y. Integrative Zoology 2018 May 31.

Servan A et al. Encephale 2018 Feb;44(1):46-51.

Ebert A, Brüne M. Curr Top Behav Neurosci. 2017 Oct 11.

Patin A et al. Curr Top Behav Neurosci. 2017 Aug 16. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 701 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.