Acqua (I): lo stato di salute secondo l’idratazione.

Acqua (I): lo stato di salute secondo l'idratazione.

Chiunque abbia perso in un deserto con allucinanti miraggi sa che l’estrema disidratazione turba la mente. Ma solo due ore di vigoroso lavoro in giardino sotto il sole estivo senza bere liquidi potrebbero essere sufficienti a smorzare la concentrazione, secondo un nuovo studio. Le funzioni cognitive spesso avvizziscono quando l’acqua lascia il corpo. Questo è ciò che hanno riferito i ricercatori del Georgia Institute of Technology dopo aver analizzato statisticamente i dati di più documenti di ricerca sottoposti a peer-review sulla disidratazione e le capacità cognitive. “I dati indicavano funzioni come l’attenzione, la coordinazione e la risoluzione di problemi complessi che soffrivano di più, e attività come reagire rapidamente quando richiesto non diminuendo molto. I compiti di tempo di reazione più semplici sono stati i meno colpiti, anche se la disidratazione è peggiorata, ma i compiti che richiedono attenzione sono stati piuttosto influenzati”, ha detto Mindy Millard-Stafford, professore della Georgia Tech’s School of Biological Sciences.

Poiché i corpi dei soggetti testati in vari studi hanno perso acqua, la maggior parte dei partecipanti ha commesso errori sempre più frequenti durante i compiti di attenzione che erano per lo più ripetitivi e poco eccitanti, come la punzonatura di un pulsante in vari modelli per diversi minuti. “Ci sono situazioni nella vita che sfidano l’attenzione in modo simile, e quando scade, le figuracce possono accadere. “Mantenere la concentrazione in una lunga riunione, guidare una macchina, un lavoro monotono in una fabbrica calda che richiede di stare all’erta sono alcuni di loro. Anche le funzioni di ordine superiore come fare matematica o applicare la logica si sono interrotte”, ha detto la Dr. ssa Millard-Stafford. I ricercatori sono preoccupati che la disidratazione possa aumentare il rischio di un incidente, in particolare in scenari che combinano sudorazione pesante e macchinari pericolosi o hardware militare. I ricercatori hanno esaminato gli studi con una perdita di massa dell’1-6% a causa della disidratazione e hanno rilevato che le menomazioni più gravi sono iniziate al 2%.

Quel livello è stato un punto di riferimento significativo in studi correlati. C’è già un sacco di documentazione quantitativa che se si perde il 2% in acqua colpisce le capacità fisiche come la resistenza muscolare o attività sportive e la capacità di regolare la temperatura corporea. Gli scienziati volevano vedere se fosse simile per la funzione cognitiva. I ricercatori hanno esaminato 6.591 studi pertinenti per il loro confronto, quindi li hanno ristretti a 33 articoli con criteri e dati scientifici abbastanza comparabili da fare analisi dei metadati. Si sono concentrati sulla disidratazione acuta, che chiunque potrebbe sperimentare durante lo sforzo, il caldo e / o il non bere rispetto alla disidratazione cronica, che può essere causata da una malattia o da un disturbo. Quanta perdita di liquidi comporta una perdita di massa corporea del 2%? Se pesaste 90 chili e vi allenaste per alcune ore, perdereste quattro chili, e questo è il 2% della massa corporea: e può accadere velocemente.

Con un’ora di attività moderatamente intensa, con una temperatura sui 35 °C e un’umidità moderata (40%), non è raro perdere poco più di 2 chili di acqua. Se esegui una restrizione di liquidi per 12 ore, niente per via orale, per i test medici diminuisci dell’1,5%. Le 24 ore di restrizione dei liquidi richiedono alla maggior parte delle persone una riduzione di circa il 3%. E questo comincia a influenzare più della cognitività o delle abilità atletiche. Se qualcuno dovesse perdere il 4 o il 5%, si sentirà davvero scadente. Inoltre, l’acqua può essere persa respirando più velocemente e, soprattutto, con il sudore. Ma non dimentichiamo la quantità di sale che perdiamo, soprattutto come cloruro di sodio. Se la perdita di sali è proporzionale a quella dell’acqua si una disidratazione iso-osmotica, cioè senza nessuno dei due costituenti (acqua o sale) in eccesso o difetto. Se si perdono più liquidi che sale, si ha la disidratazione iper-osmotica, cioè il sodio cresce in concentrazione nel sangue

Ciò innalza il rischio di iper-eccitabilità di certe strutture sensibili (cuore e cervello, soprattutto). Questo contribuisce alla tachicardia in caso di disidratazione e all’irritabilità dell’umore in queste circostanze. Gli scienziati hanno avvertito che gli anziani possono disidratarsi più facilmente perché spesso perdono la sensazione di sete e inoltre i loro reni sono meno in grado di concentrare l’urina, il che li rende meno liquidi. Le persone con elevato contenuto di grasso corporeo hanno anche riserve idriche relative inferiori rispetto alle persone magre. L’idratazione è importante, ma lo è anche la moderazione, dal momento che se si ha troppa acqua, si parla di iponatriemia, ovvero la concentrazione di sodio nel sangue si abbassa. Per compensare, il sodio all’interno delle cellule tende ad uscire e ristabilire l’equilibrio osmotico. Alcune persone, per paura della disidratazione, bevono così tanta acqua da diluire il loro sangue e il loro cervello si gonfia. Ciò porta alla morte in casi rari ed estremi, ad esempio quando i corridori di lunga distanza bevono costantemente, ma non sudano molto e finiscono per diventare massicciamente iper-idratati.

Infine, mentre ridurre o evitare sale può essere utile per le persone sedentarie o ipertese, chi ha molto sudorazione ha bisogno anche di un po ‘di sale, o non manterrà l’acqua che beve. Ma c’è da precisare un punto riguardo alla moda dell’acqua povera di sodio indicata come integrazione per l’ipertensione. Che possa stimolare realmente una più abbondante diuresi, è anche possibile anche se del tutto soggettivo. Ma non serve bere acqua dove c’è appena qualche milligrammo di ione sodio, quando poi a tavola il condimento di pietanze crude o cotte ha un sapore che si avvicina a quello della salamoia. È preferibile bere acqua regolare e dimezzare il sale usato per insaporire il cibo. Non passa differenza fra una bottiglia d’acqua con 10 mg (povera) o 200mg di ione sodio per litro (normale). Entrambe impallidiscono di fronte ai 4-8 grammi (cioè 4000-8000mg) di sale totale, che si arrivano a mettere in una pentola per la pasta e nella carne con insalata come secondo.

E inoltre, non è l’eliminare il sale dalla dieta che corregge il problema della pressione alta. Molte persone, che eliminano il sale quasi del tutto dalla loro alimentazione, continuano ad assumere farmaci anti-ipertensivi, il più comune di quali è il “diuretico”. E’ possibile riscontrare anche casi in cui non si ha riguardo della quantità di sale ingerito ai pasti, proprio perché ci si affida alla “virtù curativa” del farmaco. Si ricorda che la radice di quella che una volta si definiva ipertensione “essenziale”, sta nelle cattive abitudini emotive di ognuno di noi. Stress, rabbia, frustrazioni di ogni genere non giovano alla salute del sistema nervoso simpatico. Esso dipende dall’adrenalina come neurotrasmettitore. E adrenalina per tutti è sinonimo di nervosismo e pressione alta, dato che uno degli effetti fisiologici dell’adrenalina è proprio il restringimento delle arterie (vasocostrizione). E’ questo il principale meccanismo che mantenuto nel tempo provoca ipertensione stabile.

Il sale consumato ai pasti può solo contribuire ad aggravare il fenomeno, ma non ne rappresenta la reale causa. Bere a tavola ed al di fuori di essa, dunque, rappresenta un meccanismo automatico che, se rispettato con disciplina ogni giorno, può tenere in perfetto equilibrio i piatti della bilancia.

  • a  cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Wittbrodt MT, Millard-Stafford M. Med Sci Sports Exerc. 2018 Jul 10.

Herke M et al. Cochrane Database Syst Rev. 2018 Jul; 7:CD011542.

MacLeod H et al. BMC Sports Sci Med Rehabil. 2018 Jun 19;10:12.

Bongers CCWG, Alsady M et al. Physiol Rep. 2018 Jun; 6(11):e13734. 

Aranceta-Bartrina J et al. Nutr Hosp. 2016 Jul 13; 33(Suppl 3):308. 

Wittbrodt MT et al. Int J Sport Nutr Exerc Metab. 2015; 25(5):439-47.

Hooper L et al. Mech Ageing Dev. 2014 Mar-Apr; 136-137:50-58. 

Millard-Stafford M et al. Nutr Rev. 2012 Nov; 70 Suppl 2:S147-51. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1070 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it