La sindrome di Elijah Patino: un mistero che ora ha un gene ed un nome

La sindrome di Elijah Patino: un mistero che ora ha un gene ed un nome

Elijah Patino è un bambino di sette anni felice e in buona salute ora, ma ci è voluto un po’ per arrivarci. Per gran parte della sua vita, ha avuto una malattia misteriosa che ha reso doloroso da mangiare e doloroso da giocare. Aveva una milza sgradevolmente gonfia che si gonfiava nell’addome. Qualcosa stava danneggiando le sue cellule del sangue e aveva bisogno di ottenere frequenti trasfusioni per l’anemia e di immunoglobulina per via endovenosa. La sua famiglia lo portò a una serie di centri medici e specialisti, ma i dottori erano perplessi. Per un po’, i farmaci sembravano controllare la sua malattia, fino a quando non sperimentò febbre alta e persistente durante una vacanza in famiglia e trascorse due settimane in ospedale, con le sue prospettive di cure mediche sempre più disastrose. Il Dr. Neil Romberg, MD, immunologo pediatrico del Children’s Hospital di Philadelphia (CHOP), che per primo ha esaminato Elija quando il bambino aveva quattro anni: “Elia era in una” odissea diagnostica “un viaggio difficile che così tanti pazienti e famiglie con una rara viaggio della malattia, per trovare la causa dei loro problemi medici. Abbiamo sospettato che avesse una malattia autoimmune ereditaria, ma ci siamo subito resi conto che la sua malattia non era in nessun libro di testo”.

Romberg e colleghi hanno pubblicato il loro case report di questa malattia autoimmune appena identificata il 5 giugno nel Journal of Allergy and Clinical Immunology. Romberg ha utilizzato il sequenziamento dell’intero gene per individuare la causa molecolare del problema e ha scoperto un nuovo disturbo. La tecnologia ha identificato una copia extra di un gene chiamato CD40LG. Il gene X-linked CD40LG codifica CD40L, un recettore di coattivazione dei linfociti T espresso sotto controllo trascrizionale del fattore nucleare delle cellule T attivate (NF-AT1). I pazienti con carenza di CD40L mostrano alterazioni nella commutazione della classe degli anticorpi e immunità cellulare difettosa, Troppo CD40LG ha indotto i globuli bianchi di Elia a attaccare inopportunamente i suoi stessi organi, che a loro volta hanno causato la sua malattia. Romberg ha chiamato la malattia sindrome autoimmune associata alla duplicazione CD40LG (CDAAD). Elia aveva ereditato il disturbo da sua madre, Noami, che aveva una storia di sintomi autoimmuni, come dolori articolari e flusso di sangue pigro alla punta delle dita (fenomeno simile al morbo di Raynauld), ma i farmaci rendevano i problemi gestibili.

Dopo che è rimasta incinta di Elia, i suoi sintomi si sono risolti. Questa malattia si presenta in modo diverso nelle femmine e nei maschi, il gene CD40LG è legato all’X-, situato sul cromosoma X. Nelle donne, che hanno due cromosomi X, Madre Natura ha un modo per mettere a tacere il cromosoma anormale e duplicato e usare solo quello normale. Romberg ipotizza che il silenziamento possa essere compromesso durante l’infiammazione, causando sintomi autoimmuni temporanei piuttosto che permanenti. I maschi hanno un solo cromosoma X, quindi se è anormale, non c’è un cromosoma X di riserva da utilizzare. Romberg ha invece usato la ciclosporina A, un potente farmaco immunosoppressore, per controllare il sistema immunitario iperattivo di Elijah. Per prima cosa ha testato il farmaco sulle cellule del bambino in studi di laboratorio per determinare un dosaggio appropriato, quindi trattato con una dose molto bassa, appositamente studiata per Elijah per evitare effetti collaterali. Durante 14 mesi di monoterapia giornaliera con ciclosporina A (4mg/kg/die), la dimensione della milza diminuiva significativamente e non richiedeva trasfusioni di sangue. Elijah ora gioca a calcio e basket con l’aiuto di una guardia di milza, ma con la sua vulnerabile milza, deve evitare gli sport di contatto più pesanti. Con il farmaco che sopprime il suo sistema immunitario, deve essere molto attento a evitare le infezioni. Tuttavia, la sua vita è molto più regolare e meno spaventosa di qualche anno fa.

Il dott. Romberg conclude: “Come con altri disturbi rari, la scoperta di questa malattia può consentire ai medici di identificare questa condizione in altri bambini e quindi trattarli con successo. Questo è un esempio di sfruttare il potere della scienza per fornire trattamenti precisi e personalizzati a un singolo paziente”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Le Coz C et al., Romberg N. J Allergy Clin Immunol. 2018 Jun; 141(6):2308-2311.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1111 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it