Scompenso cardiaco: la minaccia per i sopravvissuti ai tumori

I progressi nella cura dei tumori hanno portato a un numero crescente di sopravvissuti al cancro. Tuttavia, trattamenti potenti come la chemioterapia, i trattamenti radioterapici e alcuni farmaci antitumorali non sono privi di rischi, incluso il potenziale rischio di danni a lungo termine per il cuore. Per mitigare questi rischi, gli specialisti di cardiologia e oncologia spesso collaborano nel trattamento di pazienti affetti da cancro. Questa unione delle forze cliniche è nota come cardio-oncologia.

Il campo della cardio-oncologia si è formato in risposta sia al numero crescente di sopravvissuti al cancro sia alla necessità fondamentale per i medici di considerare gli effetti avversi cronici ea lungo termine del trattamento sui pazienti. Ad esempio, l’insufficienza cardiaca, che si sviluppa durante o dopo il completamento del trattamento del cancro, è una complicazione ben nota che può avere un impatto sulla sopravvivenza e sulla qualità della vita del paziente. Esistono, in particolare, alcuni farmaci chemioterapici associati alla tossicità cardiaca, come Adriamicina (Daunoblastina), ciclofosfamide (Cytoxan), mitomicina C (Mytomycine), 5-fluorouracile (Efudix), carmustina (Gliadel) e alcaloidi della vinca (Vincristina, vinblastina).

Studi hanno anche dimostrato che i sopravvissuti al cancro hanno un rischio più elevato di malattie cardiovascolari (CVD) e morte a causa di CVD in tutte le fasce di età e hanno maggiori probabilità di avere fattori di rischio CVD tradizionali rispetto ai controlli di età corrispondente. Infatti, i singoli fattori di rischio cardiovascolare come l’ipertensione in un sopravvissuto al cancro sembrano comportare un rischio maggiore rispetto all’ipertensione in un individuo senza una storia di cancro. Con questa ricerca in mente, i principali obiettivi della cardio-oncologia sono lo screening e la gestione attiva dei fattori di rischio cardiovascolari modificabili nei pazienti oncologici. Per i pazienti che sono a rischio elevato di sviluppare malattie cardiache, è fondamentale attuare strategie incentrate sulla diagnosi precoce di cardiotossicità o danni al cuore. Queste strategie possono includere:

  • invio a un cardio-oncologo il più presto possibile dopo la diagnosi;
  • ottenere un ecocardiogramma prima di iniziare il trattamento per il cancro;
  • valutazione periodica dei pazienti per segni e sintomi clinici che sollevano preoccupazioni circa la possibile disfunzione cardiaca.

Se qualcuno attualmente sta vivendo un trattamento per il cancro, assicurati di chiedere all’oncologo se sta ricevendo terapie che potrebbero influenzare il cuore ora o in futuro. E c’è una storia di ricevere radiazioni che trattano il cancro al petto, è importante sapere se questo aumenta il rischio di malattie cardiache.

L’équipe clinica di un paziente oncologico dovrebbe valutare e gestire regolarmente tutti i fattori di rischio cardiovascolare. Uno stile di vita sano per il cuore dovrebbe essere discusso come parte delle cure di follow-up a lungo termine. Fortunatamente, seguire uno stile di vita salutare per il cuore non richiede ore di esercizio estenuante o rinunciare a tutti i cibi preferiti. Alcuni semplici cambiamenti nello stile di vita, come quelli elencati di seguito, possono fare la differenza. Esercizio da 30 a 60 minuti al giorno nella maggior parte dei giorni della settimana; il suo può essere semplice come fare una passeggiata quotidiana; mantenere un peso sano; smettere o non iniziare a fumare; mangiare una dieta ricca di frutta, verdura, noci e legumi, limitando i carboidrati altamente raffinati e grassi saturi. Gli integratori con antiossidanti sono altamente raccomandati, specialmente con il coenzima Q e il glutatione (GSH). Gli integratori di omega 3 e vitamina C potrebbero anche avere un buon ruolo protettivo sulla funzione cardiaca. La loro assunzione dovrebbe avvenire alcune settimane prima dell’inizio del ciclo terapico, e parimenti dopo la fine del ciclo, al fine di rimpolpare le scorte cellulari di molecole protettive.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it