HomeATTUALITA' & SALUTEUso improprio di antibiotici: non fa combattere i globuli bianchi

Uso improprio di antibiotici: non fa combattere i globuli bianchi

Aggiungendo un’altra ragione per i medici per evitare l’uso eccessivo di antibiotici, una nuova ricerca mostra che una riduzione della varietà di microbi nell’intestino interferisce con la capacità del sistema immunitario di combattere la malattia. I ricercatori della Scuola di Medicina dell’Università della Virginia hanno scoperto che l’uso di antibiotici ha reso i neutrofili, un tipo di cellula immunitaria, meno efficaci nel combattere le infezioni e indebolito la barriera intestinale contro gli insetti invasori. “I neutrofili svolgono un ruolo importante come” risposta immunitaria innata “di prima linea quando i patogeni stranieri invadono”, ha detto il ricercatore Koji Watanabe, PhD. “Abbiamo scoperto che l’interruzione dell’antibiotico dei microbi naturali nell’intestino ha impedito che ciò accadesse correttamente, lasciando l’intestino sensibile all’infezione grave”. I ricercatori stavano cercando di capire il ruolo del microbiota intestinale nella colite amebica, un’infezione potenzialmente parassitaria mortale comune nei paesi in via di sviluppo, causata dal parassita Entamoeba hystolytica. Sebbene la gravità della malattia sia variabile dai sintomi auto-limitati dell’addome alla malattia sistemica pericolosa per la vita, i fattori determinanti del risultato dell’infezione sono ancora indefiniti. La colonizzazione asintomatica e, al contrario, i pazienti con ascesso epatico amebico dopo trattamento medico possono essere asintomatici.

Questi risultati suggeriscono che non solo la genetica dell’ospite e del patogeno sono importanti per determinare i sintomi clinici degli individui infetti, ma anche l’ambiente intestinale che circonda l’E. histolytica. L’uso di antibiotici, notano i ricercatori, è diffuso nei paesi a basso e medio reddito, con i bambini che ricevono spesso più di due dozzine di trattamenti entro l’età di 2 anni. Il team ha analizzato campioni di feci prelevati da bambini nelle baraccopoli urbane di Dhaka, in Bangladesh, e determinati che i bambini con infezioni più gravi avevano meno diversità nel loro microbiota intestinale. I ricercatori hanno quindi utilizzato topi da laboratorio per determinare come la diminuzione della flora intestinale naturale potrebbe peggiorare la malattia. Hanno scoperto che gli antibiotici hanno distrutto i microbiota intestinali dei topi, diminuendo l’attività dei neutrofili e bloccando questi importanti globuli bianchi dal rispondere quando necessario. Ciò ha lasciato l’intestino insufficientemente protetto. In sostanza, le guardie dell’intestino non rispondevano quando venivano chiamate e gli invasori potevano marciare dentro. Inoltre, la barriera intestinale che proteggeva dalle malattie era compromessa. L’interruzione del microbiota ha ridotto la produzione di una proteina cellulare chiave (Muc2) vitale per l’efficacia della barriera.

I ricercatori hanno potuto dimostrare una minore presenza di interleuchina-1 (IL-1) e di CXCL1 e CXCL-2, due chemochine che attraggono i neutrofili nel sito dell’infiammazione a livello periferico. Ma nel tessuto intestinale colpito dal parassita e dei soggetti pre-trattati con antibiotici, paradossalmente i loro livelli erano più alti. In parallelo, la minore presenza del recettore per queste chemochine (CXCR2), può parzialmente spiegare perché i neutrofili non riescono ad attaccare efficacemente il parassita in caso di disbiosi intestinale. Oltre a gettare luce sul ruolo del microbiota nel proteggere la nostra salute, il lavoro potrebbe rivelarsi importante negli sforzi per sviluppare un vaccino per la colite amebica, nota anche come amebiasi. La scoperta potrebbe offrire un modo per migliorare l’efficacia di tale vaccino, hanno osservato i ricercatori. Il ricercatore Walter Petri, MD, PhD, capo della Divisione Malattie Infettive, commenta: “È noto che la disbiosi influisce sulla funzione dei neutrofili. Ad esempio, in un modello animale è stato dimostrato che la gravità della anemia falciforme è alleviata da disbiosi indotta da antibiotici, a causa di una diminuzione del numero di neutrofili invecchiati attivati. Penso che il messaggio da portare a casa sia che questa è un’altra ragione importante per non usare gli antibiotici, a meno che non siano chiaramente necessari. L’uso improprio di antibiotici non solo aumenta il rischio di batteri multi-farmaco resistenti e il rischio di infezione da Clostridium difficile, ma compromette anche la funzionalità dei globuli bianchi”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Watanabe K et al. PLoS Pathog. 2017 Aug 17; 13(8).

Naylor C et al., Petri WA Jr. MBio. 2014 Dec 16; 5(6).

Quach J et al. Hum Vaccin Immunother. 2014; 10(6):1514. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI