Cereali integrali: a parte le fibre, gli effetti benefici dipendono da altro

Cerali integ

Gli scienziati hanno scoperto nuovi composti che possono spiegare gli benefici per la salute dei cereali integrali, riporta un nuovo studio condotto dall’Università della Finlandia orientale. Un’elevata assunzione di cereali integrali ha aumentato i livelli di composti betaina nel corpo che, a sua volta, è stato associato ad un miglioramento del metabolismo del glucosio, tra le altre cose. I risultati gettano nuova luce sugli effetti a livello cellulare di una dieta ricca di cereali e possono aiutare nello sviluppo di prodotti alimentari sempre più salutari. I cereali integrali sono uno degli alimenti più salutari che ci siano. Ad esempio, sappiamo che un’elevata assunzione di cereali integrali protegge dal diabete di tipo 2 e dalle malattie cardiovascolari. Fino ad ora, tuttavia, gli scienziati non erano in grado di comprendere i meccanismi cellulari attraverso i quali una dieta ricca di cereali ha un impatto sul nostro corpo. La dott.ssa Kati Hanhineva, Principal Investigator dello studio presso l’Università della Finlandia orientale, e il suo team, utilizzando l’analisi metabolomica, hanno studiato gli effetti di una dieta ricca di cereali sui metaboliti del corpo. Gli effetti sono stati studiati in topi alimentati con foraggio ricco di crusca; nell’uomo seguendo una dieta ricca di prodotti integrali nel corso di 12 settimane.

Una dieta ricca di cereali ha aumentato i livelli dei composti chiamati betaine sia nei topi che nell’uomo. Questa è la prima volta che molti di questi composti di betaina sono stati osservati nel corpo umano in primo luogo. Alla fine del follow-up di 12 settimane, i ricercatori hanno anche osservato una correlazione tra il miglioramento del metabolismo del glucosio e l’aumento della presenza di composti betaina nel corpo. La betaina dell’acido pipecolico, ad esempio, è particolarmente interessante. L’aumento dei livelli di betaina di acido pipecolico dopo il consumo di cereali integrali era, tra le altre cose, associato a bassa glicemia post-prandiale. Uno dei composti di betaina scoperti dai ricercatori è la  5-acido aminovalerico betaina, 5-AVAB, che sembra accumularsi nei tessuti metabolicamente attivi, come il cuore. Con questa osservazione in mente, i ricercatori hanno deciso di testare ulteriormente i suoi effetti in un modello di cella. 5-AVAB riduce l’uso di acidi grassi da parte dei cardiomiociti come fonte di energia inibendo la funzione di una determinata proteina di membrana cellulare. Questo effetto a livello cellulare è simile a quello di alcuni farmaci usati per le malattie cardiovascolari.

Tuttavia, il team non ha ancora proceduto oltre gli esperimenti a livello di cella; hanno bisogno di ulteriori ricerche sugli animali e sugli esseri umani per verificare che il 5-AVAB possa davvero influire sulla funzione del nostro corpo. Tuttavia, la scoperta dei nuovi composti associati ai cereali integrali aumenta significativamente la nostra comprensione del perché i prodotti a base di cereali integrali sono buoni per la nostra salute. Per lungo tempo, la maggior parte dei benefici delle fibre dei cereali è stata assegnata a component delle fibre stesse, i beta-glucani. Invero, la loro fermentazione da parte dei batteri intestinali (microbiota), l’effetto che hanno sul transito intestinale e il parziale intrappolamento dei grassi assunti con la dieta, hanno spiegato gli effetti positivi delle fibre alimentari sulla salute intestinale e cardiovascolare. Ma le fibre alimentari non raggiungono direttamente organi come il fegato, il cuore o il pancreas, esercitando effetti salutari diretti. La scoperta di queste betaine, invece, giustifica alcuni effetti organici diretti. Le betaine sono derivati di alcuni amminoacidi con carica positiva netta e hanno delle azioni biologiche proprie. Ad esempio, la betaina più semplice (trimetil-glicina) interviene in funzioni muscolari e nel metabolismo epatico del colesterolo.

Delle betaine scoperte qui dai ricercatori, non si ha invece molta conoscenza dei loro meccanismi intimi. Fra gli obiettivi futuri del team vi sono le analisi più dettagliate sugli effetti che questi nuovi composti possono avere sul corpo umano, ed esaminare anche come i batteri intestinali possono contribuire alla formazione di questi composti.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Filipčev B et al., Ilić N. Foods. 2018 Mar 29; 7(4).

Servillo L et al. Food Chem. 2018 Jan 15;239:234-241.

Koistinen VM, Hanhineva K. Mol Nutr Food Res. 2017 Jul;61(7). 

Koistinen VM et al. Mol Nutr Food Res. 2017 Jul; 61(7). 

Ross AB et al. Food Chem. 2014 Feb 15; 145:859-65. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1028 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it