Tessuto grasso: sempre più accuse a carico nel caso “diabete”

 1

Un nuovo studio condotto da ricercatori australiani vuole sfidare ciò che è attualmente noto sulle cause del diabete. La nuova ricerca punta al tessuto grasso come fonte di malattia, allargando la comprensione di base al di là del tradizionale focus su fegato e pancreas come i principali colpevoli. Le scoperte, scoperte nei topi, sono pubblicate nel periodico Cell Metabolism ad alto impatto. La nuova ricerca è incentrata sulla sorprendente scoperta che la proteina chinasi C epsilon (PKCε), nota per essere coinvolta nel diabete, non agisce nel fegato o nel pancreas come si pensava una volta. I ricercatori sanno da tempo che PKCε è importante per lo sviluppo del diabete. I topi che non hanno PKCε prodotta in qualsiasi parte del corpo, non sviluppano sintomi simili al diabete – anche in condizioni in cui altri topi diventano diabetici. Gli scienziati sanno da tempo che la rimozione di PKCε da cellule di topi e l’alimentazione di una dieta ricca di grassi, non diventano intolleranti al glucosio. In realtà, sono protetti da diventare simili al diabete.

I ricercatori sul diabete, guidati dal professore associato Carsten Schmitz-Peiffer, al Garvan Institute of Medical Research, usano una dieta ricca di grassi (HFD) per indurre il diabete di tipo 2 nei topi. A seguito di una HFD, la maggior parte dei topi diventa “intollerante al glucosio” – cioè incapace di controllare i loro livelli di glucosio nel sangue dopo aver mangiato. In particolare, il fegato diventa “insulino-resistente” – non risponde più all’insulina ormone pancreatico. La grande sorpresa è stata che quando la produzione di PKCε è stata rimossa specificamente nel fegato, i topi non erano protetti. Per oltre un decennio, è stato ipotizzato che PKCε agisse direttamente nel fegato: con questa logica, questi topi dovrebbero essere protetti dal diabete. Il team è stato così sorpreso da questo, che hanno pensato di aver sviluppato i topi in modo errato. Così hanno ripetuto gli esperimenti e lo hanno testato in molti modi diversi, ma sono ancora diventati intolleranti al glucosio quando hanno ricevuto una HFD. Se non il fegato, allora dove? La caccia era in corso per determinare dove PKCε stava lavorando per far progredire l’intolleranza al glucosio.

Gli scienziati hanno visto che se avessero rimosso la produzione di PKCε esclusivamente dal tessuto adiposo, i topi erano protetti dal diventare intolleranti al glucosio, come quando avevan rimosso la PKCε dall’intero animale. Quindi PKCε non progredisce nel diabete dal fegato, ma in realtà agisce dal tessuto adiposo per peggiorare la malattia. La PKCε è stata conosciuta per essere espresso in più tessuti, ma i risultati del Prof. Schmitz-Peiffer puntano ora a una nuova funzione nel tessuto grasso. Un attento esame del tessuto adiposo ha rivelato una notevole differenza nella forma e nella dimensione delle cellule adipose in presenza e in assenza di PKCε. Sotto il microscopio, le cellule di grasso sembravano molto diverse: nei topi alimentati con HFD con PKCε rimossi dal tessuto grasso, abbiamo visto cellule di grasso per lo più piccole e sane. E nei topi alimentati HFD con intatto PKCε – che sono intolleranti al glucosio – i ricercatori hanno visto più cellule grasse malsane e gonfie, che tendono ad avere meno accesso all’ossigeno e si infiammano. È diventato chiaro per il team che questo potrebbe avere implicazioni complesse e di vasta portata per il diabete.

Il Prof. Schmitz-Peiffer ha spiegato: “Sappiamo che il tessuto grasso è molto più di una massa inerte per immagazzinare il grasso, è un organo molto dinamico, invia molti messaggi e rilascia fattori che comunicano con il resto del corpo, incluso il fegato. Se PKCε sta cambiando la natura del grasso e influenza la salute generale delle cellule di grasso, sta cambiando il tipo di messaggi che invia e i fattori che rilascia – che potrebbero agire sul fegato e possibilmente su altri organi per interferire con il metabolismo del glucosio. fa, abbiamo dimostrato che la rimozione di topi completamente protetti da PKCε contro l’intolleranza al glucosio non abbiamo mai saputo dove si stava comportando PKCε, ma sapevamo che potevamo avere qualcosa di terapeuticamente importante, se avessimo trovato un modo per bloccare PKCε. una migliore idea di come indirizzare PKCε a sviluppare i trattamenti più efficaci possibili. In verità, il targeting di PKCε sarebbe un nuovo approccio possibile per la terapia del diabete”.

Il prof Schmitz-Peiffer sta attualmente collaborando con il professor Ray Norton e il professor Jonathan Baell presso il Monash Institute of Pharmaceutical Sciences, per sviluppare un peptide disponibile per via orale in grado di interrompere l’attività di PKCε. Rappresenterebbe una strategia rivoluzionaria per affrontare il diabete alle sue radici.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Brandon AE ret al., Schmitz-Peiffer C. Cell Metab. 2018 Oct 8.

Turner N, Lim XY et al., Don AS. Nat Commun. 2018; 9(1):3165.

Chandrashekaran IR et al. FEBS Lett. 2018 Jan; 592(2):179-189.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1069 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it