Prodotti fermentati: prevengono i problemi alle coronarie nel tempo

Prodotti fermentati: prevengono i problemi alle coronarie nel tempo

Gli uomini che mangiano molti prodotti lattiero-caseari fermentati hanno un rischio minore di cardiopatia coronarica incidente rispetto agli uomini che mangiano meno di questi prodotti, secondo un nuovo studio dell’Università della Finlandia orientale. Un consumo molto elevato di prodotti caseari non fermentati, d’altra parte, è stato associato ad un aumentato rischio di cardiopatia coronarica incidente. I risultati sono stati pubblicati sul British Journal of Nutrition. Studi precedenti hanno dimostrato che i prodotti lattiero-caseari fermentati hanno effetti più positivi sui profili lipidici del sangue e sul rischio di malattie cardiache rispetto ad altri prodotti caseari. Esempi di prodotti caseari fermentati includono formaggio, yogurt, quark, kefir e latte acido. Tuttavia, la ricerca sull’argomento rimane scarsa. Lo studio del fattore di rischio per le malattie cardiache ischemiche di Kuopio in corso presso l’Università della Finlandia orientale ha esplorato le associazioni di prodotti lattiero-caseari fermentati e non fermentati con il rischio di cardiopatia coronarica incidente. Circa 2.000 uomini hanno partecipato allo studio. Le loro abitudini alimentari sono state valutate all’inizio dello studio nel 1984-1989 e sono state seguite per 20 anni.

Durante questo follow-up, 472 uomini hanno avuto un evento di malattia coronarica incidente. I partecipanti allo studio sono stati divisi in gruppi sulla base di quanto hanno mangiato diversi prodotti lattiero-caseari, e i ricercatori hanno confrontato i gruppi con il consumo più alto e più basso, tenendo in considerazione anche vari fattori di stile di vita e nutrizione. Quando i partecipanti allo studio sono stati divisi in quattro gruppi sulla base del consumo di prodotti lattiero-caseari fermentati con meno del 3,5% di grassi, il rischio di cardiopatia coronarica incidente era del 26% più basso nel gruppo di consumo più alto rispetto al gruppo di consumo più basso. Il latte acido era il prodotto lattiero-caseario a bassa percentuale di grassi più comunemente usato. Il consumo di prodotti caseari fermentati ad alto contenuto di grassi, come il formaggio, non era associato al rischio di cardiopatia coronarica. Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che un consumo molto elevato di latticini non fermentati era associato ad un aumentato rischio di cardiopatia coronarica. Il latte era il prodotto più comunemente usato in questa categoria e un consumo molto elevato era definito come un consumo medio giornaliero di latte di 0,9 litri. Bassi livelli di consumo non erano associati al rischio.

Il professore associato Jyrki Virtanen, dell’Università della Finlandia orientale, ha commentato: “Qui in Finlandia, le abitudini di consumo di diversi prodotti lattiero-caseari sono cambiate negli ultimi decenni. Ad esempio, il consumo di latte e latte acido è diminuito, mentre molti prodotti lattiero-caseari fermentati, come yogurt, quark e formaggi, hanno guadagnato popolarità”. Il nuovo studio fornisce ulteriori prove sui benefici per la salute che i prodotti caseari fermentati possono avere su quelli non fermentati. Tutti i meccanismi non sono ancora stati capiti, ma possono essere collegati a composti che si formano durante il processo di fermentazione. Già 10 anni fa il tema del prof. Virtanen aveva analizzato l’attività di fermenti lattici come Lactobacillus acidophilus, L. jensenii e Leuconostoc mesenteroides sulla produzione di molecole antiossidanti nel latte sotto fermentazione. Egli riuscì ad individuare frammenti di proteine (peptidi) che avevano di per sé azione anti-radicali liberi, anche se il meccanismo non è stato mai ben compreso. E l’azione antiossidante non compariva se venivano aggiunti al latte inibitori della scissione delle proteine (proteolisi).

Forse sarebbe finalmente il caso di indagare.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Koskinen TT et al. Virtanen JK. Br J Nutr. 2018 Oct 29:1-10.

Almeida Neta MC et al. Nutrients. 2018 Sep 2; 10(9). pii: E1214. 

Jeong CH et al. Food Sci Biotechnol. 2018 Apr 4; 27(5):1419-27.

Virtanen T et al. J Appl Microbiol. 2007 Jan;102(1):106-15.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1069 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it