Lutto coniugale: i disturbi del sonno dietro la comparsa di malattie

 1

I disturbi del sonno hanno un forte impatto negativo sul sistema immunitario delle persone che hanno recentemente perso una moglie, riferisce un nuovo studio della Northwestern Medicine and Rice University. Il sistema immunitario overactivated dei familiari colpiti da disturbi del sonno – e conseguente infiammazione cronica – potrebbe renderli più suscettibili alle malattie cardiache o al cancro, hanno detto gli autori dello studio. I coniugi in lutto hanno un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiache o di morire entro un anno dalla morte della loro amata. Lo studio, Project Heart, ha confrontato le recenti vedove o vedovi con disturbi del sonno come l’insonnia nei confronti di individui sposati o singoli con disturbi del sonno. L’associazione tra disturbi del sonno e infiammazione era da due a tre volte superiore nei coniugi in lutto. “Pensiamo che queste persone siano più vulnerabili agli effetti negativi del sonno scarso”, ha detto l’autrice Diana Chirinos, PhD, ricercatrice universitaria di Medicina Preventiva presso la Scuola di Medicina Feinberg della Northwestern University. “Sono stati colpiti due volte: la morte di un coniuge è un evento acutamente stressante e devono adattarsi alla vita senza il sostegno del coniuge, aggiungere disturbo del sonno alla loro situazione già stressante e raddoppiare il fattore stressante. Come risultante, il loro sistema immunitario è sovra-attivato”.

Chirinos ha condotto lo studio, pubblicato di recente sulla rivista Psychosomatic Medicine. Aggiunge alla ricerca precedentemente pubblicata che mostra che le persone che hanno perso un coniuge negli ultimi tre mesi, hanno livelli più elevati di citochine pro-infiammatorie (marcatori immunitari che indicano l’infiammazione nel sanguigno) e una minore variabilità della frequenza cardiaca. Entrambi aumentano il rischio di un individuo per eventi cardiaci, incluso il decesso. La variabilità della frequenza cardiaca è la variazione di tempo tra ogni battito cardiaco. “Sapevamo già che le persone affette da lutto avevano un’infiammazione superiore e un rischio più elevato di malattie cardiache e che morivano entro un anno dalla morte del coniuge”, ha detto Chirinos. “Ma che cosa stava causando? Era forse il dolore o la tristezza stessa, la solitudine o il sonno?  Ora sappiamo che non è lo stesso dolore; è il disturbo del sonno che nasce da quel dolore”. Il principale disturbo del sonno che guidava il sistema immunitario sovra-attivato era la scarsa efficienza del sonno, che può includere l’insonnia, il risveglio precoce o difficoltà nell’addormentarsi. Lo studio è stato controllato per altri fattori come depressione, obesità e condizioni concomitanti.

Il sistema immunitario iperattivo è stato misurato dal livello di citochine pro-infiammatorie, che aiutano a combattere le malattie a breve termine, ma a lungo termine sono associate al rischio di sviluppare malattie cardiache e cancro. Lo studio ha esaminato 101 individui, età media 67. La metà sono stati identificati attraverso necrologi dopo aver perso un coniuge. L’altra metà aveva la stessa età ma erano sposati o single. Uno dei motivi dello studio è che i ricercatori hanno usato una misura del sonno auto-segnalato. I risultati mostrano l’importanza di ottenere un trattamento per i problemi del sonno per i familiari. La Dott.ssa Chirinos ha detto: “Non sappiamo se una misura oggettiva del sonno avrebbe gli stessi risultati, i problemi del sonno potrebbero essere più dannosi per la salute dopo aver perso un coniuge. Se qualcuno ha problemi di sonno poco dopo la perdita del coniuge, è importante per loro cercare un trattamento. La terapia comportamentale cognitiva è offerta in tutte le cliniche del sonno ed è molto efficace. I medici devono chiedere ai pazienti il loro sonno dopo la morte del coniuge, è importante prendere questo problema in anticipo”.

Esperienze personali

Ho avuto modo di riscontrare la comparsa di disturbi autoimmunitari in persone che hanno subìto il lutto improvviso, spesso traumatico, del proprio coniuge. Riporto il caso di G.L., maschio, rimasto vedovo all’età di 55 anni per il decesso nel sonno della propria coniuge, dovuto ad infarto cardiaco. Dopo circa un anno ha sviluppato miosite autoimmune. Durante il mio soggiorno negli Stati Uniti, ho avuto modo di conoscere una donna, S.W., che è rimasta vedova all’età di 51 anni per incidente stradale occorso al marito. Dopo il cambio delle sue abitudini di vita, totalmente dipendenti dal marito, ha sviluppato artrite reumatoide a circa 10 mesi dal suo decesso. Riporto, infine, il caso di un’altra donna, R.B., rimasta vedova a 48 anni, per incidente sul lavoro del suo coniuge. Dopo circa un anno e mezzo dal lutto, ha sviluppato vasculite autoimmune e tiroidite di Hashimoto.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Chirinos DA et al. Psychosom Med. 2018 Oct 8.

Seiler A et al. J. Psychosom Res. 2018 Sep; 112:40-46.

Smagula SF et al. J Psychosom Res. 2014; 76(5):368-73.

Minton ME, Barron CR. J Gerontol Nurs. 2008; 34(8):34-48.

Reynolds CF  et al. Biol Psychiatry. 1993; 34(11):791-97.     

Pasternak RE et al. Psychiatry Res. 1992 Jul; 43(1):43-53.

Nseir S, Larkey LK. Death Stud. 2013 Jul; 37(6):495-512.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1111 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it