Bambine con pubertà precoce: occhio ai cosmetici durante la gravidanza

Bambine con pubertà precoce: occhio ai cosmetici e prodotti personali

Un nuovo studio ha trovato una possibile spiegazione del perché le ragazze raggiungano la pubertà prima. Lo studio è stato una collaborazione tra ricercatori dell’Università della California, insieme a pediatri locali e rappresentanti dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). Lo studio intitolato “Associazione di ftalati, parabeni e fenoli trovati in prodotti per la cura personale con tempismo puberale nelle ragazze e nei ragazzi”, trova che alcune sostanze chimiche presenti in shampoo, profumi, deodoranti, dentifrici, saponi per la casa ecc. sarebbero da biasimare. Queste sostanze rientrerebbero fra i cosiddetti EDCs (endocrine disrupting compounds; sostanze che danneggiano il sistema endocrino). I risultati dello studio sono stati pubblicati nell’ultimo numero della rivista Human Reproduction. Il team di ricercatori ha esaminato i livelli di sostanze chimiche come parabeni, fenoli e ftalati in questi prodotti per la casa. Riferiscono che gli ftalati sono sempre più utilizzati in deodoranti profumati, shampoo, saponi, cosmetici, smalti per unghie, ecc. Anche i parabeni sono conservanti comunemente usati nei prodotti cosmetici e quelli usati per la cura personale. Sono abbondantemente utilizzati in saponi, shampoo, lacche per capelli, prodotti per la cura della pelle e rossetti. Senza contare che alcuni di essi costituiscono una categoria di conservanti regolarmente adoperati nel campo alimentare, anche se per tipologie di cibo molto ridotto.

Il team ha esaminato 179 donne e 159 ragazzi nati da madri che vivono in California tra il 1999 e il 2000. Sono state studiate 338 donne in gravidanza. Hanno guardato i livelli di questi prodotti chimici colpevoli tra le madri mentre erano incinta e poi di nuovo nei bambini quando avevano nove anni. Il team ha quindi esaminato l’ora della pubertà tra i bambini dello studio seguendoli fino all’età di 13 anni. I loro risultati hanno mostrato che l’esposizione a queste sostanze chimiche era direttamente associata all’inizio della pubertà tra le ragazze, ma non influenzava i ragazzi. I dati facevano parte del Centro per la valutazione sanitaria delle madri e dei bambini di Salinas (CHAMACOS). La Dr.ssa Kim Harley, professore associato di Sanità Pubblica presso l’Università della California, che ha diretto lo studio, ha spiegato che due di queste sostanze chimiche erano significative: “Le madri che avevano livelli più alti di due sostanze chimiche nel loro corpo durante la gravidanza – il dietilftalato, che è usato nelle fragranze, e il triclosan, che è un agente antibatterico in alcuni saponi e dentifrici – avevano figlie che erano entrate nella pubertà prima. Abbiamo anche scoperto che le ragazze con livelli più alti di parabeni nei loro corpi all’età di nove anni sono entrate in pubertà prima”.

La Dr.ssa Harley ha spiegato: “C’è stata una tendenza delle ragazze a raggiungere la pubertà prima del normale ed è stato preoccupante. Ora la causa è accertata con questa ipotesi. La pubertà precoce potrebbe significare problemi di salute più tardi nella vita, ha spiegato. La pubertà precoce nelle ragazze aumenta il rischio di problemi di salute mentale e comportamenti a rischio da adolescenti e aumenta il rischio di cancro al seno e alle ovaie a lungo termine, quindi questo è un problema importante da affrontare. Abbiamo anche rilevato un rapporto di dose-risposta tra le sostanze chimiche e gli effetti: quando la concentrazione delle sostanze chimiche veniva raddoppiata nelle urine della madre, c’era un cambiamento nella pubertà tra le bambine nate a un ritmo costante”. Gli autori scrivono che queste sostanze chimiche imitano gli ormoni femminili e questo potrebbe essere uno dei motivi per cui i ragazzi non sono stati trovati colpiti. Alcuni di essi come nonil-fenolo, lo stesso dietil-ftalato ed il propil-parabene, sono in realtà degli agonisti per il recettore dell’ormone femminile (estradiolo). Possono, cioè, attivare il recettore in assenza dell’ormone stesso. Quindi, l’esposizione in utero ad un composto con proprietà ormone-simili può benissimo condizionare la futura comparsa del menarca femminile, lasciando una sorta di “traccia o memoria” sul terreno cellulare del feto.

Gli autori avvertono che questo fenomeno potrebbe essere collegato a crescenti tassi di obesità, infertilità e altri problemi di salute della popolazione. E sollecitano misure precauzionali per fermare tale esposizione nelle donne e nei bambini in stato di gravidanza.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Harley KG et al., Eskenazi B. Hum Reprod. 2018 Dec 4.

Berger K et al. Environ Int. 2018 Dec; 121(Pt 1):538-549.

Berger K et al., Harley KG. Environ Res. 2018; 165:379-86.

Berger KP et al. J Expo Sci Environ Epidemiol. 2018 Jan 9.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1427 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it