Controllo glicemico a casa: inutile farlo spesso se si ha una terapia

Controllo glicemico a casa: inutile farlo spesso se si ha una terapia

Per le persone con diabete di tipo 2, il compito di testare la glicemia con una punta del polpastrello e una goccia di sangue diventa parte della vita di tutti i giorni. Ma un nuovo studio suggerisce che alcuni di essi testano più spesso del necessario. In effetti, la ricerca mostra che il 14% delle persone con diabete di tipo 2 che non richiedono l’insulina, stanno acquistando abbastanza strisce per testare il loro zucchero nel sangue due o più volte al giorno – quando non hanno bisogno di testare quasi frequentemente secondo alle linee guida mediche. Questo è costare loro tempo e a volte preoccuparsi. Moltiplicato su milioni di americani che hanno il diabete di tipo 2, i risultati potrebbero significare milioni di test di zucchero nel sangue non necessari e milioni di dollari spesi senza una buona ragione. Lo studio, pubblicato su JAMA Internal Medicine da un team dell’Università del Michigan, si concentra sul sottogruppo di persone con diabete di tipo 2, che la ricerca ha dimostrato di non trarre beneficio dal monitoraggio giornaliero della loro glicemia. Ciò include sia i pazienti che non assumono alcun medicinale antidiabetico, sia quelli che assumono farmaci orali che non richiedono monitoraggio. In effetti, tre diverse società mediche – l’American Academy of Family Physicians, la Society of General Internal Medicine e la Endocrine Society – hanno tutte fornito indicazioni per i medici che affermano che tali pazienti non hanno bisogno di testare regolarmente i loro livelli di zucchero.

Lo studio non ha incluso pazienti che hanno chiaramente bisogno di monitoraggio giornaliero: coloro che hanno bisogno di iniettare l’insulina e quelli che assumono farmaci che comportano il rischio di causare livelli troppo bassi di zucchero nel sangue. Kevin Platt, MD, del Dipartimento di Medicina Interna che ha condotto l’analisi dei dati assicurativi di oltre 370000 persone con diabete di tipo 2, avverte che ogni paziente è diverso e nessuno dovrebbe smettere di testare il proprio zucchero nel sangue senza prima parlare con il proprio medico. Platt, che vede i pazienti nella clinica di Medicina Generale della Michigan Medicine, il centro medico accademico della UM, ha iniziato lo studio dopo aver notato che alcuni dei suoi pazienti venivano in clinica con quaderni pieni di livelli giornalieri di zucchero nel sangue che avevano accuratamente tenuto per anni. Tali registri potrebbero aiutare un paziente a sentire il controllo della propria condizione, osserva. Ma non hanno alcun valore clinico per i medici se il paziente è stabile sui loro farmaci o regolazioni dello stile di vita, e non è su insulina o un tipo di farmaco per il diabete che comporta un rischio di ipoglicemia. I pazienti che assumono solo metformina – il farmaco più comunemente prescritto per abbassare lo zucchero nel sangue – non hanno questo rischio. Quindi la maggior parte non ha bisogno di testare, molto meno volte più volte al giorno.

Il Dr. Platt e il caporicerca Mark Fendrick, MD, professore di Medicina Generale, hanno deciso di esaminare le informazioni da un database assicurativo nazionale e dall’Innovazione, di cui Fendrick è membro. Si sono concentrati sui dati dopo che la Endocrine Society e la Società di Medicina Interna Generale hanno emanato le loro linee guida per ridurre i test domiciliari inappropriati nel 2013, esaminando i modelli di riempimenti di prescrizione di strisce reattive per oltre un anno delle registrazioni di ciascun paziente. Lo studio comprendeva pazienti con assicurazione privata – ottenuti attraverso un lavoro o tramite piani Medicare Advantage che coprono circa un terzo delle persone di età superiore ai 65 anni. Hanno studiato solo pazienti con diabete di tipo 2 che non assumevano insulina e che hanno riempito le prescrizioni per pacchetti di 90 strisce di prova tre o più volte all’anno, suggerendo che stavano testando regolarmente il loro livello di glucosio nel sangue. Hanno anche esaminato i dati di pazienti che non hanno compilato alcuna prescrizione di strisce reattive. In tutto, il 23% della popolazione dello studio ha riempito le prescrizioni di strisce reattive tre o più volte. Ma oltre il 20% di questo sottogruppo non ha soddisfatto alcuna prescrizione per i farmaci contro il diabete – e un altro 43% ha prescritto solo per metformina o altri medicinali che non presentavano un rischio di ipoglicemia. Dopo che il paziente ha trovato la dose di questi farmaci necessari per mantenere i loro livelli di zucchero stabili, non hanno bisogno di fare test giornalieri. Ma anche se questi due gruppi di pazienti non avevano bisogno di essere testati ogni giorno, stavano usando una media di due strisce di test al giorno.

Le strisce reattive non sono costate molto ai pazienti nello studio, in media circa $18 all’anno in co-paga. Ma per i loro piani assicurativi, il costo totale medio annuale era di circa $ 325. I pazienti che non hanno copertura assicurativa per le loro lancette probabilmente pagano molto di più dalle proprie tasche, nota – e lo studio non ha considerato il costo delle lancette necessarie per testare i valori della glicemia. Gli autori notano che anche se non devono sottoporsi a test più volte al giorno, o una volta al giorno, alcune persone con diabete di tipo 2 possono scegliere di farlo per “conoscere i loro numeri” e tenere d’occhio su come la loro dieta, esercizio fisico e qualsiasi medicinale sta influenzando i loro livelli di zucchero. Ma per coloro che stanno testando ogni giorno, e non devono esserlo, i loro fornitori dovrebbero dire loro che hanno la possibilità di fermarsi e offrire test più utili che indicano ai pazienti la loro glicemia media negli ultimi 2 o 3 mesi. “I costi per l’assistenza sanitaria e l’accesso alle cure sono una questione importante per molti americani”, afferma Fendrick. “I risparmi che derivano dal ridurre l’uso di cure non necessarie – come un inutile test di zucchero nel sangue a casa – possono creare possibilità per spendere di più in quei servizi clinici che dobbiamo acquistare più spesso”.

  • A cura del Dr.Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica

Pubblicazioni scientifiche

Platt KD et al., Fendrick AM. JAMA Intern Med. 2018 Dec 10.

Mooradian AD. Drugs Aging 2018 Dec; 35(12):1065-1078. 

Fendrick AM et al., Endocr Pract. 2018 Oct;  24(10):861-866.

Kansagara D et al. JAMA. 2018 Nov 13; 320(18):1937.

Blonde L et al. Diab Vasc Dis Res. 2017 May; 14(3):172-183.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1337 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it