Acido folico: non solo per la gravidanza, ma per la salute generale

Acido folico: non solo per la gravidanza, ma per la salute generale

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che si trova ad esempio, in vegetali come broccoli, spinaci, piselli, funghi, crostacei; e nella frutta come banane e melone. Le fonti animali più ricche sono il fegato, alcune frattaglie ed il lievito di birra. La carenza di folato può influenzare gravemente uno dei processi più importanti nel corpo, cioè la divisione cellulare. Questo può compromettere l’integrità dei tessuti a ricambio veloce, come la pelle, le mucose e il midollo osseo. I folati, infatti, intervengono nei processi metabolici coinvolti nella sintesi delle basi del DNA (purine e dTMP) e nel metabolismo di certi aminoacidi (metionina ed istidina e nella inter-conversione tra glicina e serina). Questo non vuol dire che l’acido folico non serva alle cellule che non sono in grao di dividersi, come quelle muscolari o cerebrali. In queste, la sua funzione è sia a carico del metabolismo degli amminoacidi, che degli acidi nucleici (DNA ed RNA). In questo caso, pero, l’acido folico serve affinchè la sintesi delle basi nucleiche venga dirottata verso il riparo di lesioni indotte.

In un nuovo studio, un team dell’Università di Copenaghen mostra che la carenza di folato crea più problemi in relazione alla replicazione del DNA di quanto i ricercatori avessero finora assunto. Lo studio è ora pubblicato sulla rivista scientifica PNAS. Nello studio, i ricercatori dimostrano che la deficienza di folati può causare problemi in relazione alla divisione cellulare e alla replicazione del DNA. Di fatto, crea anomalie cromosomiche molto più dannose di quelle precedentemente note. Uno degli argomenti ancora sotto dibattito è la possibilità che l’integrazione alimentare con acido folico possa prevenire la comparsa di tumori. Per alcuni di essi, (colon, pancreas, stomaco) sembra che ciò sia effettivamente probabile, mentre per altre tipologie non esistono dati certi o conclusivi. Una volta che una persona manca di folato, il danno causato da questo non può essere invertito. I ricercatori pertanto incoraggiano le persone ad essere più consapevoli del livello di folato nel sangue.

L’autorità sanitaria danese raccomanda alle donne incinte e alle donne che cercano di rimanere incinta di assumere un supplemento giornaliero di acido folico. Il professore associato Ying Liu del Centro per la stabilità cromosomica presso il Dipartimento di Medicina Cellulare e Molecolare, spiega: “Il problema con la carenza di folati è che influenza la manutenzione dei cromosomi e una volta che una cellula ha perso un cromosoma o parte di essa, non può mai essere riparata. Cioè, una volta che la divisione cellulare è andata male, non è possibile risolverlo successivamente consumando un sacco di acido folico. Una volta che il danno è stato fatto, è irreversibile. Pertanto, abbiamo bisogno di una guida che ci dica quale dovrebbe essere il livello di folato nel sangue nella popolazione in generale. Una volta che abbiamo questa conoscenza, possiamo determinare se una persona ha bisogno di integratori di acido folico per assicurarsi che il livello nel sangue sia abbastanza alto da permettere alle cellule di riprodurre il DNA con successo”.

Un’analisi del sangue può determinare il livello di acido folico circolante. I ricercatori sanno da molti anni che la deficienza di folati è associata a malattie mentali, demenza senile e deformazione del cervello e del midollo spinale dei feti, noti anche come difetti del tubo neurale durante l’embriogenesi. Ma non sono stati in grado di stabilire la causalità; cioè, se la deficienza di folati provoca direttamente i disturbi o i disturbi sono causati dall’effetto secondario della carenza di folati. Per rispondere a questa domanda, i ricercatori hanno studiato i linfociti umani, che sono un tipo di globuli bianchi. I ricercatori hanno analizzato la parte o l’area del genoma chiamata FRAXA, che contiene una vasta sequenza cosiddetta CGG, un codice genetico. Qui hanno visto che la deficienza di folati causava anormalità in connessione con la divisione cellulare, la mitosi, specialmente nelle cellule con una sequenza CGG anormalmente lunga.

Tra le altre cose, causava una difettosa segregazione dei cromosomi. I ricercatori hanno anche visto come l’intero cromosoma X è diventato instabile nei casi di lunga esposizione alla carenza di folati. Nello studio, con tecniche avanzate di biologia molecolare, il team dimostra che la deficienza di folati porta a livelli più elevati di anomalie cromosomiche più dannose di quanto precedentemente noto. Ciò fa sì che le cellule figlie ereditino la quantità errata di DNA in seguito alla divisione cellulare o, in alcuni casi, addirittura a perdere un intero cromosoma. Questo potrebbe spiegare perché il deficit di folati è associato a malattie come infertilità, aborti precoci, disturbi della salute mentale e tumori, Altre parti del genoma contengono anche ampie sequenze CGG. I ricercatori presumono che queste regioni possano anch’esse rimanere colpite da carenza di folati. Come passo successivo, desiderano mappare tutte le aree del genoma umano che possono essere influenzate dalla carenza di acido folico.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

LeBlanc DP et al. Environ Mol Mutagen. 2018 Jun; 59(5):366-374.

Abbasi IHR, Abbasi F, Wang L et al. AMB Express. 2018; 8(1):65.

Henry CJ, Nemkov T et al. Haematologica. 2017; 102(12):1985-94.

Palmer AM et al. Proc Natl Acad Sci USA 2017;114(20):4095-102.

François M, Leifert WR et al. Mutagenesis. 2016 Jul; 31(4):409-16.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1337 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it