Fibromialgia: una quarto dei pazienti ha una diagnosi errata

Fibromialgia: l'infiammazione ed il dolore sono dentro il cervello

La fibromialgia è una condizione cronica che colpisce un paio di milioni di persone negli Stati Uniti. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), la fibromialgia colpisce circa 4 milioni di adulti negli Stati Uniti, il che equivale a circa il 2% della popolazione adulta. Le persone con fibromialgia provano dolore su tutto il corpo, così come affaticamento, mal di testa e maggiore sensibilità agli stimoli dolorosi. Altri sintomi possono includere depressione e ansia, scarso sonno e problemi con la memoria o il pensiero. Per diagnosticare questa condizione, è probabile che un medico chieda informazioni sulla storia medica di una persona. Possono anche eseguire un esame fisico e richiedere esami radiologici e del sangue. Tuttavia, gli autori di un nuovo studio ora avvertono che un numero significativo di persone che hanno ricevuto una diagnosi potrebbe non avere, in realtà, questa condizione. Sebbene la fibromialgia sia prevalente, una nuova ricerca ha scoperto che i medici hanno erroneamente diagnosticato a molte persone questa condizione. In alcuni casi, la malattia viene erroneamente diagnosticata per l’artrite reumatoide.

Tuttavia, la fibromialgia e l’artrite reumatoide (RA) non sono correlati e hanno cause diverse. La fibromialgia è una condizione neurologica cronica, il che significa che colpisce il sistema nervoso. La fibromialgia cambia il modo in cui il cervello e il sistema nervoso elaborano e interpretano il dolore. Le persone con questa condizione tendono a sentire un dolore amplificato quando si verificano infortuni quotidiani, come ceppi. La RA è una condizione autoimmune: fa sì che il sistema immunitario danneggi i tessuti sinoviali, che rivestono le articolazioni. Questo porta all’infiammazione e al dolore. Nel tempo, l’AR può causare danni permanenti alle ossa e ai tessuti connettivi nelle articolazioni. L’infiammazione può anche diffondersi ai polmoni, alla pelle e agli occhi. Il Dr. Frederick Wolfe della National Data Bank per le malattie reumatiche di Wichita, KS, ha guidato il nuovo studio. I risultati, che appaiono ora nella rivista Arthritis Care & Research, indicano che l’utilizzo di criteri da manuale per diagnosticare qualcuno può portare a una prognosi diversa rispetto all’utilizzo della valutazione da parte di un medico.

In questo studio, i ricercatori hanno lavorato con 497 persone che frequentavano una clinica di reumatologia. Tutti questi individui hanno compilato un questionario di valutazione della salute/benessere e un questionario che l’American College of Rheumatology utilizza per valutare una persona per i sintomi della fibromialgia. I partecipanti hanno anche ricevuto consultazioni e diagnosi dai clinici di reumatologia. Sulla valutazione dei risultati di queste valutazioni, i ricercatori hanno scoperto che solo 121 (o 24,3%) dei 497 partecipanti iniziali hanno ricevuto una diagnosi di fibromialgia da un clinico reumatologo. Quando sono venuti a confrontare le valutazioni dei medici con i risultati della valutazione basata su questionari, i ricercatori hanno scoperto che coincidevano nel 79,2% dei casi. Tuttavia, i ricercatori osservano che un accordo oltre le possibilità tra questi due tipi di valutazione è stato equo, con i medici che hanno perso 60 (o il 49,6%) dei casi di fibromialgia secondo criteri e 43 diagnosi errate (o 11,4%) delle persone che non hanno eguagliato i criteri per questa condizione.

Nell’editoriale che è apparso accanto al documento pubblicato, il dottor Don Goldenberg dell’Oregon Health & Science University di Portland, OR, scrive che i risultati dello studio corrente suggeriscono che i criteri pubblicati sono più accurati quando si tratta di diagnosticare la fibromialgia. Ha dichiarato: “Abbiamo recentemente studiato lo stesso problema in 3.000 pazienti di cure primarie e abbiamo trovato gli stessi risultati, quindi le nostre conclusioni sono sicure, tuttavia, i criteri pubblicati, indipendentemente da quanto ben sviluppati, non possono sostituire l’opinione di un medico che sta valutando un individuo di persona e sta valutando numerose variabili di salute. Il gold standard diagnostico per la fibromialgia continuerà ad essere l’opinione degli esperti e del reumatologo, non i criteri di classificazione, non importa quanto ben raffinati e intenzionati. Questo è l’unico modo per catturare la variabilità e gravità dei sintomi correlati nel momento in cui si manifestano nel tempo”.

Questo non vorrà dire che chi soffre realmente di fibromialgia debba passare per diecimila diagnosi prima di averne la certezza, ma il parere di uno specialista del campo è da prendere sempre in considerazione.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Wolfe F, Schmukler J et al. Arthritis Care Res. 2019 Feb 6.

Wolfe F, Walitt B et al. PLoS One. 2018 Sep; 13(9):e0203755. 

Ablin JN, Wolfe F. J Rheumatol. 2017 Aug; 44(8):1271-1276.

Wolfe F. Clin Exp Rheumatol. 2017 May-Jun; 35:105(3):3-5. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1365 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it