Home ALIMENTAZIONE & SALUTE Acidi grassi, ipertensione e diabete: il beneficio dipende dallo stato di salute

Acidi grassi, ipertensione e diabete: il beneficio dipende dallo stato di salute

L’ipertensione è un importante fattore di rischio per una varietà di lesioni cardiovascolari distruttive. È un importante problema di salute pubblica che può portare a eventi potenzialmente letali, come infarto e ictus. Molti studi hanno tentato di comprendere la complessa relazione tra fattori dietetici e ipertensione; nessuno ha fornito una chiara spiegazione dell’interazione tra ipertensione e assunzione di acidi grassi n-6, fino ad ora. In un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nutrients, un gruppo di ricerca dell’Università di Kanazawa ha studiato la relazione tra l’assunzione di acidi grassi n-6 e ipertensione, utilizzando la misurazione della pressione arteriosa e un questionario sulla storia della dieta, e ha scoperto che la relazione tra l’assunzione di n-6 acidi grassi e ipertensione erano influenzati dallo stato del diabete. Studio condotto dalla Kanazawa University dimostra che l’assunzione di routine di acidi grassi n-6 può essere utile per il controllo dell’ipertensione in soggetti sani, ma può aumentare il rischio di ipertensione nei pazienti con diabete.

Il meccanismo alla base dell’associazione tra l’assunzione di acido grasso n-6 e la regolazione della pressione arteriosa non è completamente compreso. I metaboliti degli acidi grassi n-6, come la prostaglandina (PGA1) e il trombossano (TXA2), sono coinvolti nella regolazione della pressione arteriosa. PGI2 e PGE2 sono prostaglandine prodotte da acidi grassi n-6 e abbassano la pressione dilatando i vasi. Tuttavia, il metabolismo delle prostaglandine varia in base all’estensione della tolleranza al glucosio, e l’attivazione del rapporto TXA2 e TXA2/PGI2 è elevata in stato diabetico. TXA2 ha un forte effetto vasocostrittore e un elevato rapporto TXA2/PGI2 è associato all’aterosclerosi. L’effetto degli acidi grassi dietetici n-6 sulla pressione sanguigna può differire nelle persone in base al disturbo del metabolismo del glucosio. Ci sono pochi studi che hanno studiato la relazione tra il consumo di acidi grassi dietetici n-6 e ipertensione in soggetti con diabete, e che hanno dimostrato la sua associazione in base all’entità della tolleranza al glucosio.

Nello studio, i ricercatori hanno scoperto che la relazione tra l’assunzione di acidi grassi n-6 e ipertensione nella dieta era diversa a seconda che i soggetti presentassero il diabete; nei soggetti sani, un’elevata assunzione di acidi grassi n-6 era significativamente associata all’ipertensione, mentre un’elevata assunzione di acidi grassi n-6 era inversamente associata all’ipertensione nei soggetti con diabete. Una precedente meta-analisi ha mostrato che l’assunzione più alta di una dieta ricca di acido linoleico (il principale acido grasso nella classe degli acidi grassi n-6) era significativamente associata a maggiori rischi di morte per tutte le cause, malattie cardiovascolari e malattia coronarica in soggetti con malattie cardiovascolari. Pertanto, i nuovi risultati indicano che l’assunzione di acido grasso n-6 potrebbe non avere alcun beneficio cardiovascolare in soggetti a rischio di malattie cardiovascolari o diabete. Oltre alla riduzione dell’ipertensione associata ad un maggiore apporto dietetico di acidi grassi n-6 da parte di individui sani, i ricercatori non hanno mostrato alcun beneficio, e possibili danni correlati all’ipertensione, dall’aumento dell’assunzione di acidi grassi n-6 da parte dei pazienti diabetici.

Il Dr. Hiroyuki Nakamura, corrispondente autore dello studio, ha spiegato e commentato: “Ci sono state segnalazioni contrastanti sulla relazione tra assunzione di acidi grassi n-6 e rischio di ipertensione: le nostre analisi hanno rivelato una relazione tra assunzione di acidi grassi n-6 e l’emoglobina glicata nel sangue (la nostra definizione di diabete), che non è stata stabilita in precedenza.I metaboliti di n-6 acidi grassi possono abbassare la pressione sanguigna in un modo influenzato dai livelli di glucosio nel sangue. Pertanto, abbiamo sospettato che il rapporto tra assunzione dietetica degli acidi grassi n-6 e il rischio di ipertensione possono essere influenzati dalla tolleranza al glucosio, che è compromessa nei pazienti con diabete. I nostri dati, in generale, hanno dimostrato che l’aumento dell’apporto dietetico di n-6 acidi grassi potrebbe influenzare positivamente il rischio di ipertensione, ma che questo beneficio è limitato alle persone che non hanno una ridotta tolleranza al glucosio”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Nakamura H, Hara A et al., Nutrients. 2018 Nov 24; 10(12).

de la Cuesta-Zuluaga J et al. Nutrients. 2018 Dec 27;11(1).

Nakamura H, Tsujiguchi H et al. Nutrition. 2018 Oct; 61:8-15. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI