Sodio e potassio: i valori aggiornati delle quantità giornaliere per la salute

Sodio e potassio sono minerali essenziali, correlati tra loro, che svolgono un ruolo funzionale vitale nel corpo, tra cui l’importanza per la trasmissione del segnale nervoso, la contrazione muscolare e l’equilibrio dei liquidi. Entrambi i nutrienti sono stati collegati al rischio di malattie croniche, in particolare le malattie cardiovascolari, afferma il rapporto. Sono state anche suggerite possibili associazioni tra l’assunzione di sodio e altri effetti avversi sulla salute. L’essenzialità fisiologica di sodio e potassio, insieme alle loro relazioni con gli effetti avversi sulla salute incluso il rischio di malattia cronica, ha richiesto un nuovo approccio per stabilire le quantità dietetiche ottimali (QD). Il comitato ha identificato una serie di esigenze di ricerca che aiuterebbero a informare i futuri QD di potassio e sodio, come ulteriori ricerche sull’interrelazione tra l’assunzione di potassio e sodio. Inoltre, con la grande maggioranza delle popolazioni statunitensi e canadesi che consumano sodio a livelli superiori ai valori di riduzione del rischio di malattia cronica (CDRR), esistono opportunità per trovare soluzioni per ridurre l’assunzione di sodio nella popolazione.

Sodio

Le QD di sodio aggiornate sono 110 mg al giorno per i bambini da 0 a 6 mesi; 370 mg al giorno per i bambini 7-12 mesi; 800 mg al giorno per bambini di età 1-3; 1.000 mg al giorno per età 4-8; 1.200 mg al giorno per l’età 9-13; e 1.500 mg al giorno per età 14 anni. Esistono prove limitate sull’assunzione di sodio al di sotto di 1.500 mg al giorno per gli adulti, che ha impedito al comitato che ha condotto lo studio di considerare ulteriori riduzioni delle QD del sodio. Esistono prove sufficienti per caratterizzare la relazione tra assunzione di sodio e rischio di malattia cronica. Pertanto, il comitato ha istituito un CDRR per il sodio utilizzando prove dell’effetto benefico della riduzione dell’apporto di sodio sul rischio di malattie cardiovascolari e rischio di ipertensione. Si prevede che la riduzione delle assunzioni che superano il CDRR di sodio ridurrà il rischio di malattie croniche all’interno della popolazione apparentemente sana.

Per i soggetti di età pari o superiore a 14 anni, la raccomandazione del CDRR è di ridurre l’assunzione di sodio se superiore a 2.300 mg al giorno. Il comitato ha anche istituito un CDRR di sodio per bambini di età compresa tra 1 e 13 anni. L’effetto dell’assunzione di sodio sulla pressione sanguigna che è stato usato per informare il livello di assunzione superiore tollerabile (UL) del sodio stabilito nel rapporto QD 2005 è parte della base di prove che ha informato il CDRR. La maggior parte delle popolazioni statunitensi e canadesi consuma sodio al di sopra dei valori sia delle QD che del CDRR. La relazione afferma che non vi sono preoccupazioni per l’inadeguatezza del sodio nella popolazione. Ridurre l’assunzione di sodio ha un effetto maggiore sugli adulti con ipertensione rispetto agli adulti con pressione sanguigna normale, ma i benefici di ridurre l’assunzione di sodio verso il CDRR di sodio o inferiore si applicano ad entrambi i gruppi.

Potassio

Le QD di potassio aggiornate sono di 400 mg al giorno per i bambini da 0 a 6 mesi; 860 mg al giorno per i bambini 7-12 mesi; 2 g al giorno per bambini da 1 a 3 anni; e 2,3 g al giorno per età 4-8. Le QD del potassio per le altre fasce d’età vanno da 2,3-3,4 g al giorno, in base a gruppi di sesso e fase della vita; quelle in questo rapporto sono inferiori a quelle stabilite nel 2005. Questa differenza è dovuta, in parte, all’espansione del modello QD in cui l’esame della riduzione del rischio di malattia cronica era separato dalla considerazione dell’adeguatezza. Questo rapporto ribadisce che non ci sono prove sufficienti per stabilire un UL di potassio per individui apparentemente sani. L’assenza di un UL di potassio non significa che non vi sia alcun rischio da un’assunzione eccessiva di potassio supplementare, nel suo complesso o per segmenti della popolazione.

Si raccomanda cautela nei confronti di un’assunzione elevata attraverso il potassio supplementare per alcuni gruppi di popolazione, in particolare quelli con o ad alto rischio di compromissione della funzionalità renale. Nonostante una evidenza moderatamente forte che l’integrazione di potassio riduce la pressione sanguigna, in particolare tra gli adulti con ipertensione, non è possibile stabilire un CDRR di potassio a causa di incoerenze inspiegabili nel corpo dell’evidenza, una mancanza di relazione di assunzione-risposta e una limitata evidenza di relazioni tra l’assunzione di potassio e rischio di malattia cronica. La mancanza di un CDRR di potassio non significa necessariamente una mancanza di un effetto dell’assunzione di potassio sul rischio di malattia cronica, dice il rapporto, ma piuttosto una mancanza di prove per caratterizzare l’effetto.

Dato che ogni cosa ha le sue indicazioni ed usi, ma anche controindicazioni, non resta che regolarsi sul principio della moderazione. Se “avere sale in zucca” vuol dire essere accorti e saggi, l’esempio cade a fagiolo…..

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Guerrero-Romero F et al. Eur J Clin Invest. 2019 Feb 23:e13093. 

McFarlane J et al Am J Clin Nutr. 2019 Feb 1; 109(2):251-259. 

Lupton JR, Blumberg JB et al. Eur J Nutr. 2016 Mar; 55:S1-10.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1491 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it