Dieta Wahls: la dieta paleolitica progettata per la sclerosi multipla

Dieta chetogenica: per l'invecchiamento e non solo

La sclerosi multipla (SM) è una malattia neurologica infiammatoria e degenerativa in cui il sistema immunitario attacca i nervi e la guaina mielinica. Questo produce una varietà di sintomi tra cui dolore, affaticamento e cambiamenti nella visione, cognitività, umore e movimento. La SM è classificata in uno dei cinque sottotipi in base alla presentazione e al decorso della malattia: sindrome recidivante-remittente (RRMS), primaria-progressiva, secondaria progressiva (SPMS), progressiva-recidivante e clinicamente isolata. L’eziologia è ancora in fase di studio, ma si sospettano fattori genetici, ambientali e di stile di vita. Anche se non esiste una cura per la SM, sono disponibili alcune terapie che modificano la malattia e i cambiamenti della dieta e dello stile di vita hanno mostrato risultati promettenti. La dieta Wahls™ è stata creata dal Dr. Terry Wahls sulla base delle linee guida sulla dieta del Paleolitico (Paleo) e una revisione della letteratura scientifica sulla neurodegenerazione. La dieta Wahls™ differisce da una dieta tradizionale Paleo in quanto esclude le uova; consente latte di soia) e due porzioni di cereali senza glutine (ad esempio riso) a settimana; specifica oltre 9 tazze di frutta e verdura al giorno con un terzo ciascuna da verdure a foglia verde scuro, verdure a basso contenuto di zolfo e a colori intensi; incoraggia le alghe e il lievito alimentare mentre limita le proteine ​​animali e di pesce.

La dieta Wahls™ è stata progettata per ridurre il danno cellulare nella SM: lo stress ossidativo, l’eccitotossicità, nutrire i mitocondri, prevenire carenze nutrizionali, minimizzare le allergie alimentari, stabilizzare il microbioma, attivare i geni anti-infiammatori e aumentare i fattori di crescita nervosi. I cereali e i prodotti lattiero-caseari sono stati esclusi a causa del potenziale effetto indesiderato immunitario. Il case report del 2009 ha documentato l’uso personale del Dr. Wahls della dieta Wahls™ con supplementi dietetici e stimolazione elettrica neuromuscolare (NMES) per trattare la SPMS che ha migliorato la mobilità. Uno studio di tre mesi sulla sola dieta di Wahls™ in 17 individui con RRMS ha anche mostrato una significativa riduzione della fatica e un miglioramento clinicamente e statisticamente significativo della QOL nel gruppo di dieta rispetto a un gruppo di controllo di lista di attesa. Dr. Wahls ha continuato a perfezionare le linee guida dietetiche basate sulla ricerca attuale. La versione più recente, Wahls Elimination (WahlsElim), ha aggiunto alimenti fermentati e ha escluso legumi, solanacee (cioè patate bianche, melanzane, pomodori e peperoni) e cereali senza glutine per ridurre ulteriormente il carico di lectine. Le lectine attivano i globuli bianchi e possono aumentare la permeabilità intestinale.

I pazienti con SM sono ansiosi di sapere quale dieta aiuterà la loro malattia, comprese la Swank, McDougall, mediterranea, chetogenica o ad energia limitata oppure il digiuno. Diete Paleo come la WahlsElim che escludono interi gruppi di alimenti sono criticati per la loro insalubrità, perché si presume che siano a basso contenuto di nutrienti tipici dei gruppi alimentari esclusi. La Società Nazionale Sclerosi Multipla (NMMS) ha criticato la dieta Paleo per potenziali carenze di vitamine B1, B6 e folati, calcio, vitamina D ed energia. Recenti articoli sull’assunzione di nutrienti da parte delle società di raccoglitori-cacciatori suggeriscono che una dieta Paleo è più densa di sostanze nutritive e può superare le attuali RDA (quantità giornaliere raccomandate) di ogni principio nutritivo. Il Dr. Wahls ipotizza che l’assunzione di alcuni nutrienti a livelli superiori alla RDA possa essere utile per la riparazione della mielina. È probabile che la riparazione del tessuto neuronale danneggiato richieda componenti strutturali aggiuntivi oltre a quelli necessari per il mantenimento di tessuti sani. I nutrienti aumentati per i mitocondri possono migliorare la bioenergetica mitocondriale e altri acidi grassi omega-3 e omega-6 possono migliorare l’efficienza della rimielinizzazione. Pertanto, i pazienti con SM possono avere maggiori esigenze di nutrienti legati al cervello.

La dieta WahlsElim sarà necessariamente più povera di carboidrati e più ricca di grassi rispetto alle raccomandazioni HEP o DRI perché le principali fonti di carboidrati (cereali, latticini, zuccheri aggiunti, legumi) sono escluse e le quantità proteiche sono moderate. I livelli di grassi saturi nei menu di WahlsElim e diete modellate hanno superato il limite (<10% di energia) raccomandato dalla DGA per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. Le diete Paleo non devono essere ad alto contenuto di grassi saturi. I grassi saturi sono infiammatori e possono anche causare disbiosi intestinale. Tuttavia, il Dr. Wahls non limita il grasso saturo a meno che non sia clinicamente giustificato e preferisce i grassi animali o l’olio di cocco per cucinare perché sono stabili al calore. L’aderenza alle linee guida dietetiche WahlsElim può essere difficile per le persone con SM, sia per il volume di frutta e verdura che per l’inapprezzabilità di alcuni alimenti. Gli individui possono anche mangiare cibi diversi da quelli inclusi nei menu o ciò che è rappresentato dalla media degli alimenti consumati negli Stati Uniti. Pertanto, l’adeguatezza nutrizionale delle diete selezionate dai pazienti con SM che seguono la dieta WahlsElim, può differire in ciascun caso e deve essere valutata oltre che rispetto alla loro dieta abituale. Gli esperti consigliano di consultare il proprio neurologo prima di iniziare la dieta WahlsElim e di controllarsi mentre si è a dieta.

  • Edited by Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Wahls TL, Scott MO, Alshare Z et al. Trials 2018; 19:309.

Olsson T et al. Nature Rev. Neurol. 2017; 13: 25–36.

Irish AK et al. Deg. Neurol. Neuromus. Dis. 2017; 7:1-18.

Yadav V et al. Mult. Scler. Relat. Disord. 2016; 9:80–90.

Patejdl E et al. Autoimmun. Rev. 2016; 15: 210–220.

Vojdani, A. Altern. Ther. Health Med. 2015; 21:46–51.

De Punder K,  Pruimboom L. Nutrients 2013; 5:771-7.

Wahls TL. J. Gen. Intern. Med. 2011; 26: 1215-1216.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1365 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it