sabato, Luglio 13, 2024

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

L’ictus cerebrale ha un nuovo farmaco curativo: LK-2, nato da una collaborazione internazionale

L’ictus è una delle principali cause di morte e...

Tumore mammario: una “vecchia gloria” della microbiologia viene in aiuto

Dei tre principali sottotipi di tumore al seno, il triplo negativo è il più letale: metà di tutti i decessi per cancro al seno sono attribuiti ad esso, mentre rappresenta solo il 15% circa di incidenza di cancro al seno. E a differenza di altri tumori al seno, è resistente alla maggior parte delle terapie esistenti. Il carcinoma mammario triplo negativo è una forma particolarmente aggressiva di cancro al seno, che colpisce soprattutto le giovani donne. La sua rapidissima progressione e la mancanza di un trattamento efficace contribuiscono così a renderlo una malattia estremamente grave, causando la morte di oltre 200.000 donne in tutto il mondo ogni anno. Sempre più spesso, gli specialisti del cancro stanno cercando di sviluppare terapie specifiche per le cellule tumorali, ma che potrebbero risparmiare cellule sane. Studiando le proprietà della clofazimina, un antibiotico scoperto più di 70 anni fa, scienziati delle Università di Ginevra (UNIGE) e Losanna (UNIL), dimostrano la sua efficacia nell’arrestare la progressione della malattia nei test in vivo. Infatti, blocca il percorso di segnalazione delle cellule Wnt – una via di trasduzione cellulare che causa molti tumori, compreso il carcinoma mammario triplo negativo. La clofazimina, un agente antibatterico usato per combattere la lebbra, è sul mercato da molto tempo ed è, di fatto, di dominio pubblico. I risultati, che saranno pubblicati a Maggio sulla rivista Cancer Letters, evidenziano la necessità di riesaminare con occhio fresco i farmaci già presenti sul mercato, in particolare quelli più vecchi.

Molti ricercatori in tutto il mondo si sono impegnati a rivedere i farmaci esistenti alla luce delle nuove tecnologie e metodologie ora disponibili, al fine di scoprire effetti sconosciuti. Il riposizionamento di farmaci, per i quali le procedure di test e marketing sono più semplici rispetto a molecole completamente nuove, consente di risparmiare tempo e costi in meno. Vladimir Katanaev, professore presso il Centro di ricerca traslazionale della Facoltà di Medicina in Oncoematologia (CRTOH) dell’UNIGE, che ha diretto questo lavoro, spiega il principio alla base: “L’idea è di identificare elementi molecolari specifici per le cellule tumorali, ma assenti da cellule sane. Questi bersagli, chiamati oncogeni, sono necessari per trasformare cellule sane in cellule maligne, quindi è importante abbatterle senza danneggiare le cellule vicine”. Nel caso del carcinoma mammario triplo negativo, così come in altri tumori come del fegato o del colon, uno dei principali sospettati è la via di segnalazione Wingless (Wnt). Quando le cellule comunicano tra loro, lo fanno attraverso segnali chimici, cioè le vie di segnalazione. La cellula che riceve il segnale risponde ad essa migrando, per esempio, o dividendo. La via di segnalazione Wnt è essenziale durante l’embriogenesi permettendo al bambino non nato di svilupparsi correttamente. Negli adulti, tuttavia, di solito si spegne e la sua riattivazione – a seguito di una mutazione o di una modifica epigenetica – dà un errato segnale di crescita e consente lo sviluppo del tumore. Tuttavia, se Wnt è bloccato, la crescita del tumore si arresta.

Nel 2014, il gruppo del professor Katanaev (all’UNIL di allora) aveva dimostrato in vitro l’effetto inibitorio della clofazimina sulla via di segnalazione Wnt nel carcinoma mammario triplo negativo. Ora confermano questo effetto in vivo, nei modelli animali della malattia: con la clofazimina, la crescita del tumore è significativamente ridotta. Inoltre, i ricercatori non hanno rilevato effetti collaterali avversi, un aspetto essenziale del processo di sviluppo dei farmaci. I ricercatori hanno anche dimostrato che la clofazimina bersaglia bene la via di segnalazione Wnt in vivo, come previsto. Inoltre, la clofazimina è ancora più efficace se somministrata in combinazione con doxorubicina, un farmaco chemioterapico convenzionale. Alexey Koval, ricercatore presso il CRTOH dell’UNIGE presso la Facoltà di Biologia e Medicina dell’UNIL e co-autore di questo studio, analizza questi risultati: “La clofazimina agisce come inibitore della via di segnalazione Wnt: la cellula malata può non si divide più, ma non muore, la doxorubicina, d’altra parte, uccide le cellule che hanno smesso di crescere. Una combinazione di grande efficacia. Questo farmaco molto economico è presente anche nella lista dei farmaci essenziali dell’OMS e viene prodotta in tutto il mondo, anche in Svizzera. Ovviamente questo è un vantaggio, ma complica anche la raccolta di fondi necessaria per continuare il nostro lavoro: infatti, nessun brevetto può essere depositato su questa molecola. Il nostro passo successivo è ora condurre prove cliniche su pazienti volontari, prima a Ginevra, poi probabilmente altrove in Svizzera”

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica

Pubblicazioni scientifiche

Ahmed K et al. Katanaev VL. Cancer Lett. 2019 May 1; 449:45-55.

Ahmed K et al. Katanaev VL. Cancers (Basel). 2016 Jul 14; 8(7).

Koval A et al. Biochem Pharmacol. 2014 Feb 15; 87(4):571-78. 

Latest

Newsletter

Don't miss

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

Co-STAR lymhocytes: the newly engineered weapon to find mutation-dependent cancer cells

T cell-based therapies are among the most promising approaches...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Leucemia aggressiva: l’HIV suggerisce una proteina da prendere di mira

La leucemia infantile è una diagnosi che nessuna famiglia vuole mai sopportare. Mentre il trattamento della maggior parte dei tipi di leucemia è migliorato...

La depressione si affida all’Intelligenza Artificiale. Obiettivo? Trovare l’antidepressivo efficace “al primo colpo”

I ricercatori del College of Public Health della George Mason University hanno sfruttato la potenza dei modelli analitici dell’intelligenza artificiale (AI) per abbinare l’anamnesi...

Malattia di Alzheimer in rivoluzione: focus sulla terapia senolitica per spazzar via le cellule malate

Background L’Alzheimer (AD) è una malattia neurodegenerativa caratterizzata dalla progressiva perdita delle funzioni cognitive e colpisce principalmente gli anziani. Questo declino è dovuto principalmente all’accumulo...

Questo si chiuderà in 20 secondi