HomeALIMENTAZIONE & SALUTECibo e ritmi circadiani: evitare gli spuntini dopo cena protegge la salute

Cibo e ritmi circadiani: evitare gli spuntini dopo cena protegge la salute

Gli osservatori del peso in tutto il mondo hanno bisogno non solo di essere attenti a cosa mangiare ma anche dei tempi di assunzione di cibo che trovano un nuovo studio. Il cibo innesca il rilascio di insulina dal pancreas per aiutare il corpo a utilizzare l’assunzione di zucchero nel cibo. Quando il cibo viene preso in un momento diverso, anche il rilascio di insulina viene visto in un momento “sbagliato”. Ciò può causare un aumento dell’orologio corporeo e influenzare la perdita di peso e il guadagno, affermano i ricercatori. La ricerca, finanziata dal Medical Research Council (MRC), rileva che i pasti a tarda notte possono desincronizzare l’orologio biologico. I ricercatori dell’Università di Manchester, per il loro studio, hanno esaminato cellule coltivate e topi per i loro esperimenti pubblicati nella prestigiosa rivista Cell. Il dott. David Bechtold, un docente senior e uno degli autori dello studio ha dichiarato: “Sappiamo già che la società moderna pone molte sfide alla nostra salute e al nostro benessere – cose che sono viste come normali, come il lavoro a turni, la privazione del sonno e jet lag, interrompe il nostro orologio biologico. Sta diventando ora chiaro che la distruzione circadiana sta aumentando l’incidenza e la gravità di molte malattie, tra cui le malattie cardiovascolari e il diabete di tipo 2”.

L’avvento dell’elettricità ha permesso agli esseri umani di lavorare 24 ore su 24 e quindi il ritmo circadiano può essere interrotto. L’ormone dello stress cortisolo può raggiungere il picco intorno alle 8:00 e questo può aiutare a svegliare una persona. Cade al suo limite più basso intorno alle 3:00. La luce solare di solito innesca l’aumento di picco del cortisolo piuttosto che l’allarme. A metà mattina, i livelli di cortisolo iniziano a diminuire mentre i livelli di adrenalina e serotonina iniziano a salire. Questo eleva il livello di energia e umore. L’adrenalina porta alla sensazione di fame e spinge una persona a mangiare. Poiché i livelli di cortisolo iniziano a calare, c’è stanchezza nel pomeriggio. Così la serotonina nel corpo si trasforma in melatonina e questo può portare sonnolenza. Anche i livelli di zucchero nel sangue diminuiscono intorno alle 3:00 quando i livelli di cortisolo sono bassi. Questo equilibrio può essere interrotto se ci sono spuntini a tarda notte o si mangia in altri momenti rispetto al normale, dicono i ricercatori. Gli effetti possono essere visti sulla digestione, i livelli di zucchero, i livelli di stress ecc. Il nuovo studio rileva che l’ormone insulina e il fattore di crescita simile all’insulina 1 (IGF-1) possono sincronizzarsi con i ritmi circadiani. Quando vengono rilasciati, aumentano i livelli di alcune proteine ​​chiamate proteine ​​dell’orologio PERIOD.

Nei loro esperimenti, quando hanno alterato i tempi di rilascio di insulina, c’è stata un’alterazione nel ritmo circadiano trovare i ricercatori. Hanno notato che questa interruzione ha portato ad alterazioni nel comportamento dei topi e ha anche alterato i loro orologi del corpo e l’espressione genetica. Il team inizialmente ha visto gli effetti sulle cellule in coltura e poi ha ripetuto gli effetti sui topi. Nei topi li nutrivano nelle strane ore del giorno in cui i topi riposavano. Ciò ha portato alla rottura dei loro naturali ritmi circadiani. Il dott. John O’Neill, capo della ricerca presso l’MRC LMB di Cambridge, ha spiegato: “Al centro di questi orologi cellulari c’è un complesso insieme di molecole la cui interazione fornisce un timing preciso di 24 ore. Quello che abbiamo mostrato qui è che l’insulina, rilasciata quando mangiamo, può agire come un segnale di temporizzazione per le cellule in tutto il nostro corpo. La luce del sole e il cibo possono fungere da segnali all’orologio biologico: i nostri dati suggeriscono che mangiare nei momenti sbagliati potrebbe avere un forte impatto sui nostri ritmi circadiani. C’è ancora del lavoro da fare, ma prestare particolare attenzione alla tempistica dei pasti e all’esposizione alla luce è probabilmente il modo migliore per mitigare gli effetti negativi del lavoro a turni. Anche per coloro che lavorano in orari più tradizionali, fare attenzione quando mangiamo è un modo importante per aiutare a mantenere gli orologi del corpo sani, specialmente con l’avanzare dell’età”.

Altri studi recenti che hanno esplorato gli effetti del tempo di assunzione irregolare di cibo e gli effetti sulla salute

Il Dr. Paoli e colleghi del Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Padova, hanno collaborato con ricercatori in Texas per trovare il ruolo del digiuno e dei tempi di pasto sulla salute. Il team ha esaminato le prove che hanno confrontato l’alta frequenza del pasto (6 o più pasti al giorno) con una bassa frequenza del pasto (da 1 a 2 pasti al giorno) e hanno scoperto che il primo era più dannoso per la salute. Spiegano che il fattore principale qui era il periodo di tempo tra due pasti. Hanno concluso dalle loro conclusioni che i benefici per la salute potrebbero essere ottenuti da: a) Un modello di pasto regolare, b) Colazione salutare – consumo di una proporzione di energia più alta all’inizio della giornata; c) Frequenza dei pasti ridotta (da 1 a 2 al giorno) e, d) Periodi di digiuno regolari. Aggiungono che queste misure possono fornire benefici fisiologici come la riduzione dell’infiammazione, il miglioramento della ritmicità circadiana e anche la resistenza allo stress e la modulazione del microbiota intestinale.

In un altro studio, i ricercatori guidati da S. Viela dell’Universidade do Porto dal Portogallo hanno esaminato i tempi del cibo in un giorno e gli effetti sull’obesità infantile. Hanno usato il termine “crono-nutrizione” per descrivere gli effetti del timing alimentare sul ritmo circadiano. Gli autori hanno esaminato gli effetti dell’assunzione di macronutrienti nei bambini di 4 anni dopo averli seguiti fino a 7 anni di età. Un totale di 1961 bambini sono stati inclusi nello studio dai dati di studio della XXI Generazione. I diari alimentari sono stati ottenuti per i bambini di 4 anni e il peso è stato misurato a 7 anni di età. I risultati hanno mostrato che l’assunzione di più energia a pranzo e la cena all’età di quattro anni era associata al sovrappeso o all’obesità all’età di 7 anni. C’era anche il rischio di obesità e aumento di peso tra i bambini che hanno saltato la colazione o mangiato il loro primo pasto a fine giornata. Questo collegamento era indipendente dal comportamento alimentare o dall’appetito del bambino.

Infine, nel dicembre 2018, il ricercatore giapponese J Yoshida e colleghi del Dipartimento di sanità pubblica, Okayama University School of Medicine, Dentistry and Pharmaceutical Sciences, Giappone, hanno studiato gli effetti degli spuntini notturni sulla sindrome metabolica. La sindrome metabolica comprende diabete di tipo 2, ipertensione, obesità e aumento del colesterolo nel sangue. Hanno esaminato gli effetti di una cena immediatamente prima di andare a letto e/o di avere spuntini dopo cena sull’obesità e sul rischio di sindrome metabolica. I loro risultati sono pubblicati nell’ultimo numero 2018 della rivista BMC Public Health. La loro popolazione di studio era composta da 8153 adulti di età compresa tra i 40 e i 54 anni. I risultati principali hanno mostrato che gli spuntini notturni erano associati alla sindrome metabolica nelle donne. Inoltre, gli spuntini notturni erano associati a un aumento del colesterolo nel sangue sia negli uomini che nelle donne.

Conclusione? Colazione adeguata, pranzo regolare e cena equa. Se si sente la necessità di fare uno spuntino, che non sia la regola di ogni sera….

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Haraguchi A et al. Chronobiol Int. 2019 Mar 28:1-14.

Budai Z et al. Int J Food Sci Nutr. 2019 Feb 15:1-10. 

Bonham MP, Kaias E et al. Clin Nutr. 2019 Feb 15. 

Yoshida J et al. BMC Public Health 2018; 18(1):1366. 

Zitting KM et al. Curr Biol. 2018 Nov 19; 28(22):3685.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI