Fibromialgia: a sorpresa le sue correlazioni con uno stato di pre-diabete

La fibromialgia (FM) è una delle condizioni più comuni che causano dolore cronico e disabilità. La FM è considerata una patologia del dolore di sensibilità centrale caratterizzata da un’elaborazione anomala degli stimoli nocicettivi. Inoltre, si ritiene che anche i meccanismi periferici contribuiscano al dolore diffuso. Molte ipotesi sono state avanzate per spiegare l’ampia gamma di sintomi tra cui anomalie ereditarie, disfunzione delle vie dei neurotrasmettitori come la sostanza P, la disregolazione immunitaria e molti altri. Tra questi anche la disbiosi intestinale (sbilanciamento della composizione del microbiota). Sfortunatamente, nessuna di queste proposizioni ha portato a progressi pratici oltre il trattamento sintomatico. In effetti, le recenti recensioni di FM pubblicate nel 2016 e 2017 hanno concluso che non ci sono stati progressi sostanziali nella nostra comprensione di questa malattia. L’impatto economico globale della fibromialgia è enorme; negli Stati Uniti da soli e i relativi costi di assistenza sanitaria sono di circa $ 100 miliardi ogni anno, che rappresentano un pesante onere per il sistema sanitario e una preoccupazione per la salute pubblica.

Ora i ricercatori guidati da un team dell’Università del Texas Medical Branch di Galveston sono stati in grado di ridurre drasticamente il dolore dei pazienti con fibromialgia con farmaci mirati alla resistenza all’insulina. Questa scoperta potrebbe modificare drasticamente il modo in cui il dolore cronico può essere identificato e gestito. Il team di ricercatori UTMB, insieme ai collaboratori del National Institutes of Health, è stato in grado per la prima volta di separare i pazienti con fibromialgia da soggetti normali utilizzando un test del sangue comune per l’insulino-resistenza o pre-diabete. Hanno poi trattato i pazienti con fibromialgia con un farmaco mirato alla resistenza all’insulina, che ha ridotto drasticamente i loro livelli di dolore. I ricercatori hanno identificato 23 pazienti da una revisione della tabella retrospettiva che erano referenti di una clinica di medicina del dolore sottospeciale per il trattamento del dolore muscolare / connettivo diffuso. Tutti i pazienti hanno incontrato il 1990 e i criteri dell’American College of Rheumatology per la diagnosi FM. Tutti i pazienti che hanno soddisfatto i criteri per la fibromialgia sono stati separati in gruppi più piccoli per età.

Se confrontati con i controlli corrispondenti all’età, i livelli di A1c dei pazienti con fibromialgia erano significativamente più alti. I ricercatori erano perplessi sul fatto che gli studi precedenti avevano trascurato questa semplice connessione tra fibromialgia e omeostasi del glucosio. Il motivo principale di questa svista nella pratica clinica è che circa la metà dei pazienti con fibromialgia ha valori di A1c attualmente considerati entro il range normale. Tuttavia, questo è il primo studio ad analizzare questi livelli normalizzati per l’età della persona, poiché i livelli ottimali di HbA1c variano nel corso della vita. La regolazione per l’età dei pazienti è stata fondamentale per evidenziare le differenze tra i pazienti e i soggetti di controllo. Sebbene l’insulino-resistenza sia una causa frequente di neuropatia a piccole fibre, l’analisi di questi disturbi da parte degli investigatori di questi studi non ha incluso la valutazione dei livelli di HbA1c. Per i pazienti con fibromialgia trattati nello studio, la metformina, correntemente in uso per combattere l’insulino-resistenza è stata aggiunta ai loro farmaci attuali. Al riguardo, si sa già che l’attivazione mitocondriale da parte della metformina (via segnale della proteina AMPK-alfa), condiziona la sensibilità del dolore a livello dei nervi. Ebbene, i pazienti trattati hanno mostrato riduzioni drammatiche nei loro livelli di dolore.

Il Dr. Miguel Pappolla, PhD, professore di Neurologia dell’UTMB, ha dichiarato: “Sebbene la scoperta sia molto preliminare, potrebbe portare a un cambiamento rivoluzionario su come vengono trattate la fibromialgia e le relative forme di dolore cronico. Il nuovo approccio ha il potenziale per salvare miliardi di dollari per il sistema sanitario e diminuire la dipendenza di molte persone dagli oppiacei per la gestione del dolore. Studi precedenti hanno scoperto che la resistenza all’insulina causa disfunzione all’interno dei piccoli vasi sanguigni del cervello. Poiché questo problema è presente anche nella fibromialgia, abbiamo studiato se l’insulino-resistenza è il collegamento mancante in questo disturbo. Abbiamo dimostrato che la maggior parte – se non tutti – i pazienti con fibromialgia possono essere identificati dai loro livelli di emoglobina glicata, che riflette i livelli medi di zucchero nel sangue negli ultimi due o tre mesi. I pre-diabetici con valori HbA1c leggermente elevati comportano un rischio più elevato di sviluppare dolore centrale (cervello), un segno distintivo di fibromialgia e altri disturbi del dolore cronico”.

Per la novità dei risultati e il possibile risvolto clinico-terapeutico, lo studio è stato pubblicato sulla rivista PlosOne.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Pappolla M et al. PlosOne 2019 May 6; 14(5):e0216079.

Roman P et al. Benef Microbes. 2018 Jun; 9(4):603-611.

Galland L. J Medicinal Food 2014 Dec; 17(12):1261-72.

Fava A et al. Metab Brain Dis. 2013 Dec; 28(4):619-27.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1491 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

Commenta per primo