Dalla segale con amore: prevenzione per il diabete ed il tumore del colon

Il consumo di cereali integrali è stato associato a un minor rischio di diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari e alcuni tipi di cancro, ma i meccanismi sottostanti sono ancora poco conosciuti. Ci possono essere effetti sui composti bioattivi contenuti in cereali integrali, sostanze fitochimiche e fibre da cui i batteri intestinali producono diversi metaboliti. Gli adulti che consumano la segale integrale hanno livelli plasmatici di serotonina più bassi rispetto alle persone che mangiano pane a basso contenuto di fibre, secondo un recente studio dell’Università della Finlandia orientale e l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). Nello studio, il consumo di fibre di cereali da segale o grano è stato anche trovato per ridurre i livelli di serotonina nel colon dei topi. Alla luce dei risultati, i benefici per la salute dei cereali integrali possono essere collegati, almeno in parte, all’alterazione della produzione di serotonina nell’intestino, dove viene prodotta la maggior parte della serotonina del corpo. La serotonina è meglio conosciuta come neurotrasmettitore nel cervello. Tuttavia, la serotonina prodotta dall’intestino rimane separata dal cervello, al servizio di varie funzioni periferiche tra cui la modulazione della motilità intestinale.

Il nuovo studio ha esplorato come il consumo di segale integrale modula le concentrazioni di diversi metaboliti nel sangue. Lo studio ha utilizzato un profilo metabolico non mirato, noto anche come metabolomica, che può rilevare simultaneamente numerosi metaboliti, compresi quelli precedentemente sconosciuti. Per le prime quattro settimane dello studio, i partecipanti hanno mangiato da 6 a 10 fette al giorno di pane a basso contenuto di fibre, e poi altre quattro settimane la stessa quantità di pane integrale di segale o pane integrale con fibre di segale. Altrimenti, non hanno cambiato la loro dieta. Alla fine di entrambi i periodi, hanno fornito campioni di sangue, poi analizzati mediante una combinazione di cromatografia liquida e spettrometria di massa. Il consumo di segale integrale ha portato, tra le altre cose, a concentrazioni di serotonina significativamente più basse rispetto al consumo di pane a basso contenuto di fibre. I ricercatori hanno anche testato nei topi se l’aggiunta di fibra di cereali alla dieta modifica la produzione di serotonina nell’intestino. La dieta dei topi è stata integrata per nove settimane con crusca di segale, crusca di frumento o farina di cellulosa.

I topi che hanno ricevuto la segale o la crusca di frumento avevano una serotonina significativamente più bassa nel loro colon. Il consumo di pane integrale di segale era anche associato a concentrazioni plasmatiche più basse di taurina, glicerofosfocolina e altri due fosfolipidi endogeni. Inoltre, i ricercatori hanno identificato 15 sostanze fitochimiche a base di segale i cui livelli nel sangue aumentavano con il consumo di fibre di segale. L’aumento della serotonina nel sangue è stato associato a livelli elevati di glucosio nel sangue. È dimostrato che i cereali integrali possono ridurre il rischio di diabete e, sulla base di questi nuovi risultati, l’effetto potrebbe almeno in parte essere dovuto a una diminuzione dei livelli di serotonina. I ricercatori sono anche interessati all’associazione di serotonina col cancro del colon-retto. Alcuni studi recenti hanno rilevato che i pazienti oncologici hanno livelli di serotonina plasmatici più elevati rispetto ai controlli sani. Lo scorso gennaio, infatti, il team ha pubblicato uno studio in cui ha effettuato un’analisi cromatografica spettrometria su plasma da 268 pazienti con cancro del colon-retto e 353 controlli, con l’obiettivo di identificare i metaboliti plasmatici circolanti associati al cancro del colon-retto e migliorare le conoscenze sull’eziologia del cancro del colon-retto.

I risultati appariranno nella rivista The American Journal of Clinical Nutrition.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Geijsen AJM et al., Ulrich CM. Int J Cancer. 2019 Jan 21. 

Matejcic M et al. Int J Cancer. 2018; 143(10):2437-2448. 

Pekkinen J et al. Mol Nutr Food Res. 2015; 59(8):1550-62. 

Moazzami AA et al., Mykkänen H. Nutr J. 2012 Oct; 11:88.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1716 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

Commenta per primo