Home MALATTIE TUMORI Tumore del pancreas: focus su fattori di rischio e prevenzione

Tumore del pancreas: focus su fattori di rischio e prevenzione

Introduzione

Il cancro al pancreas è la settima causa di decessi correlati al cancro in tutto il mondo. Tuttavia, il suo pedaggio è più alto nei paesi più sviluppati. I motivi per le grandi differenze nei tassi di mortalità del cancro del pancreas non sono ancora del tutto chiari, ma potrebbe essere dovuto alla mancanza di diagnosi, trattamento e catalogazione dei casi di cancro appropriati. Poiché i pazienti mostrano raramente sintomi fino a uno stadio avanzato della malattia, il tumore al pancreas rimane una delle neoplasie maligne più letali che ha causato 432.242 nuovi decessi nel 2018 (stime GLOBOCAN 2018).

Epidemiologia e fattori di rischio

Il carcinoma pancreatico è più comune negli uomini (5,5 per 100.000 casi) rispetto alle donne (4,0 per 100.000 casi). Negli uomini, il rischio di sviluppare il cancro del pancreas è alto nell’Europa centrale e orientale, in particolare in Lettonia e Repubblica di Moldavia, in Estonia e in Ungheria. Le regioni con la più alta incidenza di cancro del pancreas nelle donne sono l’Europa occidentale, il Nord America, il Nord Europa e l’Australia / Nuova Zelanda (ugualmente: 6.4).

Globalmente, nel 2018 sono stati segnalati 458.918 nuovi casi di carcinoma pancreatico, e si stima che 355.317 nuovi casi si verifichino fino al 2040. Nonostante i progressi nel rilevamento e nella gestione del cancro del pancreas, il tasso di sopravvivenza a 5 anni si attesta ancora solo al 9%. Ad oggi, le cause del carcinoma pancreatico sono ancora insufficientemente conosciute, sebbene siano stati identificati alcuni fattori di rischio, come fumo di tabacco, diabete mellito, obesità, fattori dietetici, abuso di alcol, età, etnia, storia familiare e fattori genetici, infezione da Helicobacter pylori, gruppo sanguigno non-0 e pancreatite cronica.

Nella popolazione generale, lo screening di grandi gruppi non è considerato utile per rilevare la malattia nella fase iniziale, sebbene siano in fase di valutazione nuove tecniche e lo screening di gruppi strettamente mirati (specialmente di quelli con storia familiare). La prevenzione primaria è considerata della massima importanza. Statistiche aggiornate sulla ricorrenza e sul risultato del cancro del pancreas, insieme a una migliore comprensione dell’eziologia e all’identificazione dei fattori di rischio causali sono essenziali per la prevenzione primaria di questa malattia. È stata osservata una leggera differenza nell’incidenza del cancro del pancreas tra i sessi e una distribuzione geografica significativa.

Ruolo di tabagismo, alcolici e obesità

Studi precedenti hanno dimostrato che in entrambi i sessi le tendenze temporali nella prevalenza del fumo di sigaretta erano correlate alle tendenze temporali nella mortalità per cancro al pancreas. Nei paesi sviluppati, il fumo diminuito, in particolare negli uomini, è stato ampiamente riconosciuto come il principale contributo alla diminuzione dell’andamento della mortalità per cancro al pancreas, in particolare negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Australia, dove il controllo del tabacco ha iniziato a essere attuato prima. Oltre al fumo di sigaretta, l’abuso di alcool, l’elevato consumo di grassi saturi e la ridotta attività fisica possono anche influenzare la mortalità per cancro al pancreas.

È interessante notare il fatto che nei paesi sottosviluppati come l’Africa ci sarà un drammatico aumento dell’incidenza e della mortalità del cancro del pancreas che suggerisce che le disparità socioeconomiche hanno un impatto significativo sulle tendenze, dal momento che strumenti diagnostici migliorati e l’accesso alle terapie possono essere molto limitati. Più di un miliardo di persone fumano tabacco in tutto il mondo e rappresentano il fattore ambientale globale più importante per il cancro del pancreas. L’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ha confermato che il fumo è causalmente associato al cancro del pancreas. Il rischio aumenta con la durata del fumo e il numero di sigarette fumate ogni giorno. Il rischio è quasi due volte superiore nei fumatori rispetto ai non fumatori.

Sulla base di parecchi studi, il rischio di cancro al pancreas è indubbiamente aumentato dal consumo elevato di alcol (più di tre bevande al giorno), mentre non è stata trovata alcuna associazione con l’assunzione di alcool da basso a moderato. Un ampio studio caso-controllo nel 2010 ha mostrato un aumento del rischio anche al consumo di 60g / giorno o più di liquori, ma non ha trovato alcuna associazione con birra o vino. L’obesità è associata ad un aumento del rischio per diversi tipi di cancro incluso il cancro del pancreas. Alcuni studi hanno scoperto che l’obesità aumenta l’incidenza e la mortalità del cancro del pancreas. Ù

Uno studio di Li et al. ha rilevato che il sovrappeso (indice di massa corporea (BMI): 25-29,9 kg/m2) o obeso (BMI ≥ 30kg/m2) durante la prima età adulta è associato a un rischio più elevato di cancro al pancreas. Il consumo di carni rosse (specialmente se cotte ad alta temperatura), carni lavorate, colesterolo, cibi fritti e altri alimenti contenenti nitrosammine può aumentare il rischio di cancro al pancreas. È possibile che agenti cancerogeni della carne e nitriti utilizzati per la conservazione delle carni lavorate, o N-nitrosocomposti prodotti nella cottura siano coinvolti nel cancro del pancreas.

Il ruolo della prevenzione

Possibili modi per invertire queste tendenze e migliorare i risultati dei pazienti affetti da cancro del pancreas sono attraverso la prevenzione (cambiamento dello stile di vita) e più ricerca e maggiore consapevolezza della malattia e dei suoi sintomi. Lo stadio iniziale e le dimensioni ridotte del tumore (2 cm) sono due importanti fattori prognostici per il cancro del pancreas. Scienziati e medici di tutto il mondo stanno lavorando instancabilmente per risolvere alcune delle maggiori domande sul cancro del pancreas. In effetti, sarebbe importante capire il meccanismo che trasforma una cellula sana del pancreas in una cancerosa e identificare indizi, o biomarkers che sono presenti nella fase iniziale e più trattabile della malattia.

Lo screening di grandi gruppi nella popolazione generale non è attualmente considerato efficace per rilevare la malattia nella fase iniziale, sebbene siano in fase di valutazione marker sanguigni come CA19-9, CA-50, SPAN-1, DUPAN-2 e CEA. Comprendere l’eziologia e identificare individui ad alto rischio sono essenziali per la prevenzione primaria di questa malattia spesso rapidamente fatale. La migliore strategia preventiva è quella di agire sui fattori di rischio modificabili (tabacco, sovrappeso, consumo di alcol, scarsa assunzione di frutta e verdura, saltuario esercizio fisico) e attraverso il controllo regolare dei problemi di salute. Pertanto, la prevenzione primaria attraverso lo stile di vita resta della massima importanza ancor prima di screening, diagnosi precoce o altri fattori non modificabili.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Bray F et al. CA Cancer J Clin. 2018; 68(6):394-424.

Ilic M, Ilic I. World J Gastroent. 2016; 22(44):9694.

Miller PE, Alexander D. FASEB J. 2016; 30:902-909.

De La Cruz MS et al. Am Fam Phys. 2014; 89(8):626.

Bosetti C et al. Ann Oncol. 2012; 23(7):1880-1888.

Jarosz M et al. Gastroent Res Pract. 2012; 682156.

Tramacere I et al. Int J Cancer. 2010;126(6):1474.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI