Home MALATTIE MALATTIE AUTOIMMUNI Tiroidite di Hashimoto

Tiroidite di Hashimoto

La tiroidite di Hashimoto è una malattia che colpisce la tiroide, una piccola ghiandola alla base del collo, sotto il pomo di Adamo. La ghiandola tiroide è parte del sistema endocrino, che produce ormoni che coordinano molte delle attività del corpo. Nella tiroidite di Hashimoto, nota anche come tiroidite linfocitica cronica, il sistema immunitario attacca la tiroide. L’infiammazione conseguente spesso porta ad ipotiroidismo. La tiroidite di Hashimoto è la causa più comune di ipotiroidismo. Essa colpisce soprattutto donne di mezza età, ma può verificarsi anche in uomini e donne di ogni età e bambini. Il trattamento della malattia di Hashimoto si basa sulla sostituzione dell’ormone tiroideo e di solito è semplice ed efficace.

Epidemiologia

L’incidenza è stimata in 0,8 per 1000 all’anno negli uomini e 3,5 per 1000 all’anno nelle donne. Studi sui gemelli hanno mostrato una maggiore concordanza della tiroidite autoimmune nei gemelli monozigoti rispetto ai gemelli dizigoti. Studi danesi hanno dimostrato tassi di concordanza del 55% nei gemelli monozigoti, rispetto a solo il 3% nei gemelli dizigoti. Questi dati suggeriscono che il 79% della predisposizione è dovuta a fattori genetici, assegnando il 21% alle influenze ambientali e degli ormoni sessuali. La prevalenza della malattia della tiroide, in generale, aumenta con l’età.

Eziologia e patogenesi

La tiroidite di Hashimoto è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario crea anticorpi che danneggiano la ghiandola tiroide. L’eziologia della malattia di Hashimoto è molto poco conosciuta. I medici non sanno che cosa spinga il sistema immunitario ad attaccare la ghiandola tiroide. Alcuni scienziati pensano che un virus o un batterio possano innescare la risposta immunitaria, mentre altri credono che un difetto genetico possa essere coinvolto. Una combinazione di fattori, tra cui l’ereditarietà, sesso ed età, può determinare la probabilità di sviluppare la malattia. La malattia di Hashimoto è più comune nelle donne di mezza età e tende a tramandarsi all’interno delle famiglie. La maggior parte dei pazienti sviluppa anticorpi contro una varietà di antigeni tiroidei, il più comune dei quali è la perossidasi anti-tiroidea (anti-TPO).

Classicamente, la TH è considerata una malattia mediata da linfociti Th1, ma questa classificazione è cambiata a causa della descrizione di nuovi sottoinsiemi di cellule Th, comprese le cellule Th17. In accordo con i più recenti risultati della ricerca, le risposte incontrollate delle cellule Th17 sono state coinvolte in diversi tipi di malattie autoimmuni, che in precedenza avrebbero dovuto essere malattie Th1-dipendenti. Nella HT, di conseguenza, le cellule infiammatorie croniche si infiltrano nella ghiandola tiroidea, che comprende prevalentemente cellule B e T tiroidee specifiche. Di conseguenza, inizialmente può essere causato il gozzo. Successivamente, l’ipotiroidismo, il segno caratteristico della tiroidite, può svilupparsi quando viene distrutto un numero sufficiente di cellule follicolari responsabili della produzione e della secrezione degli ormoni tiroidei tiroxina (T4) e triiodotironina (T3).

È ormai ben stabilito che la malattia di Graves, l’autoimmunità mediata dai linfociti B e T sono noti per essere diretti contro quattro ben noti antigeni tiroidei: tireoglobulina (Tg), perossidasi tiroidea (TPO), symporter sodio-ioduro (NIS) e tireotropina recettore (TSH-R). Gli anticorpi anti-TPO possono fissare il complemento e, in vitro, hanno dimostrato di legarsi e uccidere i tireociti. Tuttavia, ad oggi, non è stata rilevata alcuna correlazione negli studi sull’uomo tra la gravità della malattia e il livello di concentrazione di anticorpi anti-TPO nel siero. Tuttavia, sappiamo che una concentrazione sierica positiva di anticorpi anti-TPO è correlata alla fase attiva della malattia. Altre teorie implicavano immunocomplessi, contenenti anticorpi diretti contro la tiroide, come colpevoli della distruzione della tiroide. Molti formano anche antitiroglobulina (anti-Tg) e anticorpi bloccanti il ​​recettore del TSH (TBII).

Questi anticorpi attaccano il tessuto tiroideo, portando infine a una produzione inadeguata di ormone tiroideo. C’è un piccolo sottogruppo della popolazione, non più del 10-15% con la malattia clinicamente evidente, che è negativa agli anticorpi sierici. Gli anticorpi TPO positivi presagiscono la sindrome clinica. Questa tiroidite far parte della sindrome autoimmune polighiandolare di tipo 2 con deficit surrenalico autoimmune e DM di tipo 1. La tiroidite di Hashimoto è anche correlata a molte altre malattie autoimmuni come l’anemia perniciosa, l’insufficienza surrenalica e la celiachia. Ruggeri et al. hanno scoperto che la malattia di Hashimoto è associata a una varietà di diverse malattie autoimmuni non tiroidee (FANS) e la diagnosi in età adulta le ha rese ancora più diffuse.

Sintomatologia clinica

La tiroidite di Hashimoto non ha segni e sintomi unici. La malattia progredisce in genere lentamente in un certo numero di anni e provoca danni cronici alla tiroide, portando ad una diminuzione dei livelli di ormone tiroideo nel sangue. I segni ed i sintomi sono principalmente quelle dell’ipotiroidismo. I segni e sintomi di ipotiroidismo variano ampiamente, a seconda della gravità della carenza ormonale. In un primo momento, si può a malapena notare qualche sintomo, come fatica e lentezza mentale o fisica. Ma con il progredire della malattia, si possono sviluppare evidenti-segni e sintomi.

Segni e sintomi di ipotiroidismo sono:

  • Affaticamento inspiegabile
  • Aumento della sensibilità al freddo
  • Costipazione
  • Pallore, pelle secca
  • Un volto gonfio
  • Voce rauca
  • Un elevato livello di colesterolo nel sangue
  • Aumento di peso, la maggior parte dei quali è fluido
  • Dolori muscolari e rigidità, soprattutto in spalle e fianchi
  • Dolore e rigidità delle articolazioni e gonfiore alle ginocchia o le piccole articolazioni nelle mani e piedi
  • Debolezza muscolare, specialmente nelle estremità inferiori
  • Eccessivo o prolungato sanguinamento mestruale (menorragia)
  • Depressione

Senza trattamento, i segni ed i sintomi diventano via via più gravi e la ghiandola tiroide può diventare allargata (gozzo). Inoltre, si può diventare più smemorati, sentirsi depressi e avere un rallentamento cognitivo. E’ meglio consultare il medico se si sviluppano questi segni e sintomi:

  • Stanchezza senza motivo apparente
  • Pelle secca
  • Viso gonfio con pallore anomalo
  • Costipazione
  • Voce rauca

Si dovrà vedere il medico ed effettuare controlli periodici della funzione tiroidea se:

  • Si ha avuto un intervento chirurgico alla tiroide
  • Si ha avuto il trattamento con iodio radioattivo o farmaci per la tiroide
  • Ci si è sottoposti a radioterapia alla testa, collo o parte superiore del petto

Se si ha il colesterolo alto nel sangue, l’ipotiroidismo può essere una delle cause. Se si sta ricevendo la terapia ormonale per l’ipotiroidismo causato da tiroidite di Hashimoto, programmare visite regolari con il medico.

Complicazioni

Se non curato, l’ipotiroidismo causato dalla malattia di Hashimoto può portare a una serie di problemi di salute:

  • Gozzo tiroideo. La stimolazione costante della tiroide a rilasciare più ormoni può causare una condizione nota come gozzo. L’ipotiroidismo è una delle più comuni cause di gozzo. Anche se generalmente non è scomodo, un gozzo di grandi dimensioni può influenzare l’aspetto e interferire con la deglutizione o la respirazione.
  • Problemi di cuore. La tiroidite di Hashimoto può anche essere associata ad un aumentato rischio di malattie del cuore, soprattutto a causa elevati livelli di lipoproteine ​​a bassa densità (LDL),il colesterolo “cattivo”. Se non trattato, l’ipotiroidismo può portare ad un ingrossamento del cuore e, in rari casi, insufficienza cardiaca.
  • Problemi di salute mentale. La depressione può verificarsi nelle prime fasi della malattia di Hashimoto e diventare più grave nel corso del tempo. La tiroidite di Hashimoto può anche causare un calo della libido in uomini e donne, e portare ad un rallentato funzionamento mentale.
  • Mixedema. Questa rara e pericolosa condizione può svilupparsi a causa di ipotiroidismo non trattato a lungo termine. I segni e sintomi includono intolleranza al freddo e sonnolenza seguito da una profonda letargia e perdita di coscienza. Un coma da mixedema può essere innescato da sedativi, infezioni o stress. Il mixedema richiede un immediato trattamento medico di emergenza.
  • Difetti alla nascita. Bambini nati da donne con ipotiroidismo non trattato a causa della malattia di Hashimoto possono avere un rischio più elevato di difetti alla nascita di quanto non facciano i bambini nati da madri sane. I medici sanno da tempo che questi bambini sono più inclini a problemi intellettuali e di sviluppo.
Diagnosi

In generale, il medico può richiedere degli esami per la malattia di Hashimoto, se ci si sente sempre più stanchi o lenti, si ha la pelle secca, stipsi e una voce rauca, o pregressi problemi di tiroide o gozzo. La diagnosi di malattia di Hashimoto si basa sui segni e sintomi ed i risultati delle analisi del sangue che misurano i livelli di ormone tiroideo e di ormone stimolante la tiroide (TSH). Questi possono includere:

  • Un test ormonale. Gli esami del sangue sono in grado di determinare la quantità di ormoni prodotti dalla tiroide e dall’ipofisi. Se la tiroide è poco attiva, il livello di ormone tiroideo è basso. Allo stesso tempo, il livello di TSH è elevato, perché la ghiandola pituitaria cerca di stimolare la tiroide a produrre più ormoni tiroidei.
  • Un test degli anticorpi. Poiché la malattia di Hashimoto è una malattia autoimmune, la causa implica la produzione di anticorpi anomali. Un esame del sangue può confermare la presenza di anticorpi contro la perossidasi tiroidea, un enzima normalmente nella tiroide che svolge un ruolo importante nella produzione di ormoni tiroidei.
  • Esami di laboratorio: aa presenza di anticorpi anti-perossidasi tiroidea e anti-tireoglobulina suggerisce la tiroidite di Hashimoto, tuttavia, il 10% dei pazienti può essere negativo agli anticorpi. L’anemia è presente dal 30% al 40%. Si può verificare una riduzione della velocità di filtrazione glomerulare (GFR), del flusso plasmatico renale e della clearance dell’acqua libera renale con conseguente iponatriemia. La creatinchinasi è spesso elevata. I livelli di prolattina possono essere elevati. Possono verificarsi livelli elevati di colesterolo totale, LDL e trigliceridi.
Trattamenti e cure

Il trattamento della malattia di Hashimoto può comportare una terapia farmacologica. Se c’è evidenza di deficit ormonale ma la tiroide funziona normalmente, l’endocrinologo può suggerire di attendere semplicemente e monitorare l’andamento (wait and see). Se c’è bisogno di farmaci, generalmente li si assume per tuta la vita a meno che ci sono miglioramenti che lo specialista è in grado di appurare.

Ormoni sintetici

Se la malattia di Hashimoto provoca deficit dell’ormone della tiroide, potrebbe essere necessaria una terapia sostitutiva. Questo di solito comporta l’uso quotidiano della levotiroxina (Levothroid, Levoxyl, Synthroid). La levotiroxina sintetica è identica alla tiroxina, la versione naturale di questo ormone prodotto dalla tiroide. Il farmaco per via orale ripristina i livelli ormonali adeguati e inverte tutti i sintomi dell’ipotiroidismo.

Poco dopo l’inizio del trattamento, si noterà che la stanchezza diminuisce. Il farmaco inoltre abbassa gradualmente i livelli di colesterolo elevati e può invertire qualsiasi aumento di peso. Il trattamento con levotiroxina è di solito tutta la vita, ma il dosaggio può cambiare nel corso del tempo.

Monitoraggio e dosaggio

Per determinare il giusto dosaggio di levotiroxina, inizialmente il medico controlla in generale il livello di TSH dopo poche settimane di trattamento. Una quantità eccessiva di ormone può accelerare la perdita di tessuto osseo, che può innescare l’osteoporosi. Un trattamento eccessivo con levotiroxina può anche causare disturbi del ritmo cardiaco (aritmie).In presenza di una malattia coronarica o di ipotiroidismo grave, il medico può iniziare il trattamento con una minore quantità di farmaci e aumentare gradualmente il dosaggio. La terapia ormonale sostitutiva progressiva permette al cuore di adeguarsi all’aumento del metabolismo. La Levotiroxina provoca effetti collaterali se non usato nella dose appropriata. Non saltare le dosi o interrompere l’assunzione del farmaco.

Effetti di altre sostanze

Alcuni farmaci, integratori e anche alcuni cibi possono influenzare la capacità di assorbire la levotiroxina. Parlare con il medico se si mangiano grandi quantità di prodotti di soia, una dieta ricca di fibre, o se si prendono uno dei seguenti:

  • Integratori di ferro, tra cui multivitaminici che contengono ferro
  • Colestiramina (Questran), un farmaco usato per abbassare i livelli ematici di colesterolo
  • Idrossido di alluminio, che si trova in alcuni antiacidi
  • Polistirene sulfonato di sodio, usato per prevenire alti livelli di potassio nel sangue
  • Sucralfato, un farmaco contro l’ulcera
  • Integratori di calcio

Medicina alternativa

La maggior parte dei medici raccomandano levotiroxina, la forma sintetica della tiroxina (T-4). Tuttavia, esistono estratti naturali che contengono ormone tiroideo che deriva dalla ghiandola tiroidea dei suini. Questi prodotti contengono sia levotiroxina che triiodotironina (T-3). I medici hanno una serie di preoccupazioni circa gli estratti naturali degli ormoni tiroidei, perchè: 1) L’equilibrio di T-4 e T-3 negli animali non è come nell’uomo; 2) ‘importo esatto del T-4 e T-3 in un prodotto naturale può variare, portando a livelli imprevedibili di questi ormoni nel sangue. I ricercatori hanno studiato se la regolazione del trattamento standard dell’ipotiroidismo può sostituire il T-4 con il T-3. La maggior parte degli studi hanno determinato che l’aggiunta di T-3 non offre alcun vantaggio rispetto al trattamento con solo il T-4. Tuttavia, vi sono alcune prove che il T-3 possa offrire benefici per alcuni sottoinsiemi di persone, come ad esempio le persone che hanno avuto la rimozione chirurgica della tiroide (tiroidectomia).

Ci sono meno prove a sostegno dell’efficacia di una dieta autoimmune / antinfiammatoria, al pari di altre condizioni come la sclerosi multipla o l’artrite reumatoide. La teoria dietro l’infiammazione ha a che fare con la sindrome dell’intestino permeabile, dove c’è un insulto alla mucosa intestinale, che consente la penetranza delle proteine che tipicamente non entrano nel flusso sanguigno attraverso i trasportatori nella mucosa intestinale. Si teorizza che si verifichi una risposta simile al mimetismo molecolare e che vengano prodotti anticorpi contro gli antigeni. Sfortunatamente, l’antigene può essere strutturalmente molto simile alla perossidasi tiroidea, portando alla formazione di anticorpi contro questo enzima. Il concetto di una dieta autoimmune si basa sulla guarigione dell’intestino e sulla diminuzione della gravità della risposta autoimmune. Sono necessarie ulteriori ricerche su questo argomento prima che diventi parte delle linee guida.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Tagoe CE et al. Clin Rheumatol. 2019 Jul; 38(7):1801-1809.

Leung AKC, Leung AAC. World J Pediatr. 2019; 15(2):124-134. 

Williams DE et al. Horm Metab Res. 2018 Dec; 50(12):908-21.

Yonezaki K et al. J Med Case Rep. 2018 Jun 19; 12(1):171. 

Rydzewska M, Jaromin M et al. Thyroid Res. 2018 Feb 13; 11:2. 

Ruggeri RM et al. Eur J Endocrinol 2017 Feb; 176(2):133-141. 

Yoo WS, Chung HK. Endocrinol Metab (Seoul). 2016; 31(3):379.

Ramos-Leví AM, Marazuela M. Endocrinol Nutr. 2016; 63:421–29.

Caturegli P, De Remigis A et al. Autoimmun Rev. 2014; 13:391–97.

Brown RS. J Clin Res Pediatr Endocrinol. 2013; 5(Suppl 1):45–49.

Carle A, Pedersen IB et al. Eur J Endocrinol. 2011;164:801–809.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI